Home PRIMA PORTA Prima Porta, la piazza che non c’è non ci sarà

Prima Porta, la piazza che non c’è non ci sarà

via-inverigo-via-della-giustiniana

Vialetti pedonali e carrabili, un parcheggio e un’area giochi per bambini. Un’area illuminata con 14 pali di differenti dimensioni e arredata con la piantumazione di alberi, siepi, panchine e cestini per i rifiuti.

Questo prevedeva il progetto approvato nel 2013 per una nuova piazza giardino nello spazio tra via della Giustiniana e via Inverigo, a Prima Porta. Un progetto che, nonostante la gara fosse stata anche espletata, era rimasto fermo un po’ per il congelamento dei fondi e un po’ per inerzia amministrativa.

Poi, su quella piazza che non c’è e che servirebbe invece come punto di aggregazione per i residenti, uno spiraglio di luce arriva a ottobre 2016: la giunta capitolina, con la delibera  n. 29 del 2016, individua gli interventi per richiedere i finanziamenti previsti dal bando per le periferie pubblicato dal Governo Renzi e tra questi viene inserita la realizzazione di questa piazza.

piazza-che-non-cèTutto sembrava filar liscio e a Prima Porta si attendeva solo l’apertura del cantiere. Ma mai dire mai, il progetto è stato recentemente definanziato. La piazza che non c’è resterà tale.

A rendere noto il fatto è Luigina Chirizzi, consigliera PD in XV Municipio.
“Con grande stupore – scrive in una nota – ho appreso che recentemente la giunta comunale, con delibera n. 24 del 2017, ha rivisto le priorità rispetto agli interventi da realizzare con i finanziamenti provenienti dal bando periferie, escludendo la piazza giardino tanto attesa in via della Giustiniana”.

“Ritengo – continua l’esponente dei Democratici – che sia un errore perché parliamo dell’unica opera che può essere cantierizzata in poche settimane, ma soprattutto siamo davanti all’ennesimo sgarbo nei confronti del nostro territorio. E ancora una volta il silenzio del Municipio è imbarazzante”.

“Vedo troppa distrazione alla quale si somma la mancanza di un assessore che segua questi temi. Il risultato è che il nostro municipio non è governato e rappresentato. E si perdono opportunità. Presenterò nei prossimi giorni – conclude Gina Chirizzi – una interrogazione al Presidente del Municipio Stefano Simonelli per sapere attraverso quali azioni intende rimediare”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome