Home CASSIA Dimenticano una garza nell’addome, a processo medici del San Pietro

Dimenticano una garza nell’addome, a processo medici del San Pietro

malasanità

Due chirurghi e due infermieri dell’Ospedale Villa San Pietro, sulla Cassia, andranno a processo perché accusati di aver dimenticato una garza nell’addome di una donna operata con il cesareo. Il fatto risale a settembre 2012.

Già dal giorno successivo al parto cominciarono i primi dolori che vennero però addotti ad un normale percorso post operatorio. La donna venne dimessa ma, tornata a casa, i dolori continuarono e a nulla servirono gli antidolorifici. Allattare il bambino per le diventò una vera tortura, i dolori all’addome erano insopportabili e nessuno riusciva a capire l’origine dei disturbi.

A gennaio 2013 le effettuano finalmente una Tac e si scopre che le era stata lasciata una garza nell’addome durante il cesareo. Inevitabile un intervento chirurgico per rimuoverla.
Subito dopo la donna presenta una denuncia.

A distanza di tre anni il PM Mario Ardigò ha riconosciuto valide le sue motivazioni rinviando a giudizio due medici e due infermieri per lesioni colpose. I primi per non aver effettuato una pulizia accurata dell’addome a intervento finito. I secondi per non aver tenuto conto del numero delle garze in dotazione e di quelle utilizzate. Conto che, se fosse stato tenuto come è regola, avrebbe evitato la dimenticanza da parte dei medici.

Articoli correlati dopo la mappa

Visita la nostra pagina di Facebook

Ospedale San Pietro Fatebenefratelli, Via Cassia, Roma, RM, Italia

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome