Home AMBIENTE Torquati: “Insostenibile situazione rifiuti nel XV Municipio, intervenga Marino”

Torquati: “Insostenibile situazione rifiuti nel XV Municipio, intervenga Marino”

torquati61.jpgA valle dell’ultima denuncia di VignaClaraBlog.it sul possibile inquinamento in via Due Ponti si esprime così Daniele Torquati, presidente del XV Municipio: “”La situazione dei rifiuti nel nostro territorio è ormai insostenibile. Molte strade del XV Municipio sono in questi giorni sommerse dall’immondizia.”

“Apprezziamo lo sforzo e il grande lavoro dell’Assessorato all’Ambiente del Comune, ma non possiamo attendere vedendo i nostri quartieri in queste assurde condizioni. Sono il Presidente di questo Municipio, rappresento questa istituzione ma soprattutto rappresento i miei concittadini ed in quanto Presidente non posso rimanere inerme di fronte alla vista delle nostre strade piene di rifiuti”.

“Le zone periferiche sono le più colpite” sostiene Torquati affermando di non poter più permettere che vengano lasciate abbandonate a se stesse con montagne di sacchi della spazzatura accatastati accanto ai cassonetti.

“Chiedo un intervento urgente del Sindaco di Roma Ignazio Marino e dell’Assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino – conclude Torquati – affinché convochino un tavolo, con la presenza di Ama, per trovare una soluzione immediata ad un’emergenza che noi Presidenti di municipio, nonostante la mancanza di competenze, abbiamo il dovere di risolvere.”

Visita la nostra pagina di Facebook

19 COMMENTI

  1. non preoccuparti Daniele..
    …non ci facciamo neanche piu caso…
    siamo ormai abituati all’ immondizia per strada, ai cassonetti rotti, ai topi…
    questo è il XV municipio ormai da anni!!

  2. Marco minimizzare non serve a nulla. Se un presidente di municipio chiede intervento del suo sindaco per di più del suo stesso partito e pubblicamente vuol dire che qualche problema c’è……

  3. Carissimo Gianni proprio come dicevo io!
    Se gli organi politici, che non hanno competenze, servono solo per chiedere al Sindaco di convocare “un tavolo” meglio allora abolirli. Con gli stessi soldi magari paghiamo qualche disoccupato che ci ripulisce le strade.

  4. Ciao,
    io spenderei un paio di parole per Cesano(Roma, non Mexico City favelas).
    Cassonetti per differenziata che non vengono svuotati, mi tocca partire con la macchina e farmi 10 min per trovare i cassonetti liberi, ottimo modo per disimparare i pochi che differenziano.
    …e poi… via di baccanello viene usata come differenziata da tuttii “cittadini” della braccianense i cui comuni hanno avviato da anni la porta-a-porta ma ai barbari non piace e trasformano in discarica la Baccanello ovvero roma, visto che magari lavorano appunto a Roma.
    Ma …sapete che mi sembra sono stati assunti anni fa da AMA gli …udite udite udite… ACCERTATORI, e chi sarebbero? pubblici ufficiali con poteri sanzionatori per chi getta fuori, non differenzia etc etc…
    Fate caso ai cassonetti lungo la Baccanello di lunedi mattina, io se ho ospiti che mi vengono a trovare da fuori città sinceramente MI VERGOGNO di essere romano!

    saluti alle persone civili!

  5. C’è che dopo 20 anni c’è stato il coraggio di chiudere Malagrotta e che nei 5 anni precedenti mentra la Provincia investiva sulla raccolta differenziata Roma assumenva pensava ad AMA in maniera poco ortodossa.
    Ora abbiamo scoperchiato una pentola e ci sono per forza di cose ci sono dei contraccolpi. Abbiamo una difficoltà ma sono orgoglioso di verla,perchè vuol dire che non abbiamo chinato la testa.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Presidente Municipio Roma XV
    http://www.danieletorquati.it
    daniele.torquati@comune.roma.it

  6. …più strategici per il Sindaco Marino sono la pedonalizzazione dei Fori Imperiali e il “logo” della Lupa Capitolina da cambiare…. e poi delle frane, del traffico in tilt, dell’immondezza che je frega….

  7. Le soluzioni ci sarebbero, ma non interessano a nessuno (io ne proposi un paio nel lontano 1994, all’allora giunta comunale che governava una poco ridente cittadina sul litorale nord di Romab) oppure perché ci sono troppe “competenze” e non si mettono mai d’accordo,… non última la burocrazia, mostro a se stante….e mi fermo volutamente qui…Perlomeno le strade sono pulite, totalmente lavate dai piagnistei dei cittadini !!!

  8. giusto appello signor presidende non chiniamo la resta ma usiamo anche le braccia,non possiamo aspettare altri anni,come prevede i piano AMA,per la raccolta differenziata.Un municipio che confina con comuni che la fanno diventa la loro discarica come avviene nella nostra zona.Un’isola ecologica dovrebbe essere il primo passo come ho già scritto.

  9. Caro Strix, qui mi sa che non bastano gli spazzini neanche a pagarli oro, la situazione è ben piu’ grave, con la discarica chiusa anche loro prima o poi la monnezza se la vedrebbero crescere a vista d’occhio.
    E’ un disagio grave, e come tale va discusso a fondo per trovare una linea che metta tutti d’accordo, intendo con l’impegno di tutte le forze politiche e dei cittadini, anche se avvenisse con accese discussioni.
    E’ necessario che esca un accordo comune a tutti, per far si che si passi al piu’ presto alla differenziata, nelle modalità del porta a porta o altre, questo poco conta, purchè si faccia in fretta viste le condizioni.
    Marino datte da fa!

  10. La discarica di Malagrotta e’ stata chiusa perche’ non poteva piu’ accogliere rifiuti e perche’ l’Autorita’ Giudiziaria aveva rilevato numerosi reati (nessun coraggio quindi anche se concordo con il fatto che precedentemente si sia gestita la questione rifiuti in modo criminale). La sporcizia di Roma e’ questione vecchia (10 anni fa faceva lo stesso schifo)e la responsabilita’ e’ di tutte le passate amministrazioni. Non c’e’ niente da essere orgogliosi.

  11. Quindi abbiamo un’amministrazione coraggiosa… ma queste bugie Torquati a chi vuole raccontarle?? La chiusura di Malagrotta è stata imposta dalla Comunità Europea,non è stata una scelta coraggiosa di questa amministrazione. Per la differenziata ci dica quali erano le percentuali di raccolta di 10 anni fa e quelle odierne, così ci renderemo conto se negli ultimi 5 anni è aumentata o diminuita, invece di fare battute poco intelligenti (come se le amministrazioni di sinistra non hanno mai assunto…).
    Ho invece l’impressione quasi certa che voglia preparare il terreno per quello che Marino deciderà per Santa Maria di Galeria appena dopo le elezioni europee, creare l’emergenza per far digerire la pillola…

  12. Io abito a Cesano, e ormai sotto casa in via pietro bellino la situazione é insostenibile. I 2dico 2 cassonetti per le circa 300 famiglie (!) sono perennemente pieni, grazie anche ai pendolari della spazzatura, come giá denunciato su queste pagine ( vds sez Cesano) ormai non faccio neanche più la raccolta differenziata, tanto non viene ritirata. Marciapiedi occupati e bambini e pedoni che devono transitare sulla sede stradale dove le macchine sfrecciano a folli velocitá. Presidente Torquati si faccia vedere da queste parti, venga a vedere e a farsi vedere, valuterá da solo il gradimento dei cittadini nella classe politica romana ( di tutti i colori sia ben inteso). Come diceva un precedente lettore c’é da vergognarsi ad ospitare gente a casa, viviamo in una pattumiera a cielo aperto. Prendevamo in giro il popolo campano? Ma a Roma la situazione é identica. Marino si rimbocchi le maniche e trovi una soluzione, é pagato anche per questo, non solo per organizzare eventi culturali e per pedonalizzare i fori.
    Un cittadino romano disgustato.

  13. Ho sempre vissuto a Roma e e la città è sempre stata molto sporca. Nonostante i vari Sindaci succedutisi avessero sempre promesso una svolta per la pulizia e il decoro della città la gestione dell’AMA è stata sempre molto biasimevole, al punto che adesso è in una grave situazione finanziaria e non è neanche in grado di gestire al meglio le risorse comunque disponibili grazie alle tasse sul servizio sempre più alte . E’ una battaglia persa in partenza: chi ci amministra è l’espressione di una cittadinanza priva di senso civico, dedita agli intrallazzi e incapace di autogestirsi (alla faccia del federalismo), come le note vicende di Malagrotta ci hanno mostrato. Per l’ennesima volta stiamo ad assistere ai soliti scaricabarile; con un presidente del Municipio che alza bandiera bianca e si appella ad un Sindaco, in difficoltà con il principale partito che lo dovrebbe sostenere (PD), fissato sulle biciclette e che quando pensa a Roma probabilmente ha in mente solo quella dentro le mura aureliane.

  14. per francesco ceravolo
    …non serve il presidente del municipio a farmi rendere conto che qualche problema c’è…basta vivere ed essere presenti sul territorio
    il presidente sta li per risolverli….
    e non si tratta di pretendere..
    ma se non pago la tariffa rifiuti arriva equitalia
    se non pago la TaSI arriva equitalia
    per cui ognuno faccia la sua parte

  15. Purtroppo l’AMA segnala problemi tecnici che, in questi giorni, hanno aggravato ed aggraveranno ancora per qualche tempo il sistema di raccolta. Ovunque, non solo a Roma Nord. E Torquati, per quelle che sono le sue competenze, fa anche troppo!

  16. “Non abbiamo chinato la testa” … dice il Presidente Ragazzo…
    Ma chi ha chinato la testa allora nei venti anni precedenti, quando l’avv. Cerroni decideva linee e assessori delle giunte comunali e regionali della sinistra.
    Sei sempre un ragazzo Presidente, ma … con una faccia tosta da adulto smaliziato.
    G.Mori
    (A titolo personale)

  17. A Nico Ferri. Ha perfettamente ragione il presidente Torquati.
    Malagrotta ci costava multe salatissime comminate dall’Unione Europea e la differenzata – dati ufficiali – è passata dal 23 al 38%. La verità è che se Alemanno avesse provveduto a modernizzare gli impianti e a incoraggiare la differenziata, invece di far assumere amici, amici (e amiche) degli amici, dirigenti incapaci e strapagati, far lievitare a 4000 gli impiegati sul totale di 8000 risorse, non saremmo qui.
    Infine, questo è il comunicato emesso da poco.

    *COMUNICATO STAMPA*
    *RIFIUTI – Estella Marino (Assessore Ambiente di Roma Capitale): «Verso regolarizzazione e funzionamento a pieno regime impianti» *

    «Accogliamo con favore la disponibilità del Consorzio Co.La.Ri di accettare e avviare al trattamento un maggior quantitativo di rifiuti indifferenziati, fino al massimo autorizzato. La risposta positiva, arrivata questa mattina, si inserisce nella linea di responsabilità che abbiamo più volte sollecitato a tutti i gestori degli impianti di trattamento di rifiuti di Roma, che permetterà, nel breve termine, di recuperare i ritardi che si sono verificati nel servizio di raccolta, proprio a causa dei limiti di conferimento negli impianti TMB».

  18. @ Piero Filotico , ma invece di fare campagna elettorale in modo continuativo, perché non riportate i dati della differenziata?? dimostrate a tutti se con Rutelli e Veltroni la percentuale era più alta che con Alemanno. Perché ve ne uscite sempre con la solita solfa… quelle percentuali che riporta in che anni sono state realizzate?? perché se mi risponderà nel 2013 sappia che il merito non è di chi purtroppo ci amministra oggi… o forse torquati e marino hanno la bacchetta magica??
    p.s. : come già dicevo la sinistra è meglio che non parli troppo della monnezza, perché in tanti anni insieme a Cerroni ne ha fatte di cotte e di crude… sicchè..

  19. Ma come si fa ad essere così ostinatamente miopi davanti allo scempio della politica e del malgoverno! Persone come p.filotico avrebbero ragione se Malagrotta fosse stata realizzata dopo il 2008: è una discarica che ha 30 anni!
    Per 30 anni chi si è avvicendato al governo di Roma ha fatto finta di niente pur sapendo che quel “mostro”, che ogni giorno si ingrandiva sempre di più, non lo si sarebbe poi potuto mai più bonificare. Quella monnezza grazie a sindaci di sinistra, centro e destra ha provocato tumori, mortalità infantile, gravi patologie e per l’eternità inquinerà le falde acquifere….e Voi state qui a sostenere le ragioni di Rutelli, Veltroni, Alemanno o Marino?
    Andatelo a raccontare a chi risiede nell’area di Malagrotta e magari ha un figlio che si è ammalato di leucemia…………..ha ragione Grillo quando dice che bisognerebbe istituire tribunali del popolo per giudicare politici e imprenditori!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome