Home ATTUALITÀ Frana Cassia Antica, una perizia per Torquati

Frana Cassia Antica, una perizia per Torquati

Quindici giorni fa Marco Perina, ex vicepresidente del XV Municipio, in una lettera aperta a Daniele Torquati aveva detto che secondo un geologo la frana non era pericolosa. Ora è nero su bianco: una corsia può essere aperta e subito. Dice proprio così la perizia che Perina invia a Torquati con una seconda lettera aperta.

Scrive dunque Marco Perina.

“Caro Daniele Torquati, è trascorso più di un mese dalla frana, e nulla di chiaro e concreto – tranne un sondaggio geologico – è avvenuto. In questi 35 giorni c’è stato un susseguirsi di proclami ufficiali, ipotesi fantasiose quanto infondate, risse verbali, inchieste giornalistiche, chiacchiere da bar, strumentalizzazioni politiche e/o personali, interviste televisive, ma nulla di certo ed incontrovertibile è ancora emerso”.

“Questo è il frutto, consentimi la critica, della approssimazione con cui, a mio parere, è stata condotta e mal gestita fin dall’inizio la vicenda, a tutti i livelli”.

“Ma in politica è inevitabile, quando c’è un disagio diffuso, quando emerge un problema che investe migliaia di cittadini, si devono saper dare risposte chiare e, soprattutto, inequivocabili.”

“Fino ad oggi non ci è dato sapere (e probabilmente ancora nessuno lo sa) i motivi della frana, l’esito dei sondaggi, il progetto di consolidamento del terreno, se si può riaprire o meno almeno una carreggiata, la tempistica di ripristino.
Questa confusione, questa maldestra, disordinata ed incerta condotta è, sicuramente, l’elemento che fa maggiormente arrabbiare, forse anche di più, credimi, dell’annunciato protrarsi del problema ancora per mesi.”

“Quindici giorni fa nella mia prima lettera aperta ti avevo informato di un sopralluogo effettuato dal Geologo Dr. Massimo Moroni.
Oggi, appena rientrato dall’estero, mi ha messo “nero su bianco” le sue valutazioni che ti allego. E’ il primo documento che riusciamo a leggere ufficialmente; ti prego di farne comunque tesoro, nel bene o nel male.
Marco Perina”

Ed ecco il verbale, per scaricarlo cliccare qui

frana1.jpg
frana2.jpg

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. …FINALMENTE LEGGIAMO QUALCOSA…. ADESSO OGNIUNO DI PRENDA LE PROPRIE RESPONASBILITA’ !!!!! Bravo Perina !

  2. Beh, adesso la “palla” al Campidoglio… ne terranno conto o continueranno a fregarsene ???
    Almeno i “soloni” del blog la smetteranno di ciarlare inutilmente, questo documento tappa la bocca a tutti…è la prima cosa sensata e realistica che leggo da più un mese…servirà ???

  3. il dott. Perina conferma un modo civile e costruttivo di dialogare attraverso critiche ma anche sollecitazioni e contributi positivi.
    E questo a prescindere dalla parte politica che uno intenda sostenere.
    Da cittadino apprezzo questo modo di compartecipare alla soluzione di problemi concreti e che coinvolgono il nostro vivere quotidiano.

  4. Aspettiamo risposta dal presidente del XV Municipio.
    Io sono due settimane che aspetto una risposta e non informazioni “inutili”.
    Possibile che non si è in grado di rendere operativa una sola corsia.
    “IMMOBILISMO”

  5. Mi unisco agli apprezzamenti per l’equilibrato quanto esauriente contributo di Marco Perina, ma mi dispiace e, come cittadina mi vergogno, che Municipio, Comune, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco, Protezione Civille, Genio Civile ecc… non siano stati capaci, dopo più di un mese, a produrre uno straccio di relazione scritta che un “comune cittadino” ha, invece, fornito puntualmente.
    Speriamo ne tengano conto, adesso non hanno più “alibi”

  6. Sindaco маринац, Presidente Tоркуати, assessore Париз….che ne pensate? C’è un preconcetto o pregiudizio politico sulla relazione ? Potrà essere utile alla “causa”?
    Non ve ne frega niente ???

  7. Reputo utile e positiva l’iniziativa che ha portato alla relazione tecnica sulla frana di Via Cassia. Mi chiedo, e chiedo a Perina e/= allostudio tecnico che ha redatto la relazione, se tale relazione abbia un carattere “UFFICIALE” o meno. Infatti il documento reca il Logo e la dicitura del Comune di Roma. Qualora invece non sia una relazione elaborata su incarico formale della Pubblica Amministrazione ( e dal carteggio sembrebbe così dato che non compare il committente), mi chiedo se sia lecito l’uso del logo di una amministrazione pubblica per una relazione tecnica di natura privata. Non vorrei che in questo ci sia il tentativo di accreditare come ufficiale un documento che invece è frutto di una pur lodevole iniziativa. Ringrazio sin d’ora il Sig Perina e/o la GEOex SaS per i chiarimenti che potranno fornire nell’interesse collettivo.

  8. …. Ghino, complimenti ! ha centrato il problema….
    Concentriamoci sull’utilizzo del “logo” del Comune….la frana e il traffico sono meno importanti…!!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome