Home ATTUALITÀ Vigna Clara, blitz di candidati lista Marchini in via del Podismo

Vigna Clara, blitz di candidati lista Marchini in via del Podismo

casetta-podismo.jpgBlitz questa mattina a via del Podismo, a Vigna Clara, da parte di un gruppo di candidati della lista Alfio Marchini, fra i quali Simone Ariola,  candidato presidente al XV Municipio e Giovanna Marchese Bellaroto, candidata al consiglio comunale. Oggetto delle loro attenzioni lo “Sportello della tutela dei diritti degli animali” del XV (ex XX) Municipio ospitato nel manufatto al centro del piccolo giardino. Un manufatto in uno stato di totale abbandono, privo di orari di ricevimento, con l’erba alta, dai vetri sporchi. Il tutto denota che quel cancello non viene aperto a dir poco da mesi.

In una nota diffusa alla stampa, i due candidati sottolineano che questo sportello fu voluto “dal PdL dell’ex presidente Gianni Giacomini che lo concesse in in comodato d’uso gratuito a fine 2008 alla onlus Villa Bau a seguito di un bando di gara emesso ai primi giorni di agosto 2008 con scadenza nello stesso mese e al quale l’unico partecipante fu la onlus stessa. In quel manufatto avrebbe dovuto svolgere gratuitamente il servizio di sportello di tutela diritti degli animali per i successivi quattro anni.”

La nota prosegue sottolineando che “guarda caso, oggi, la titolare della onlus è addirittura candidata nella lista PdL per il XV Municipio” .

I due candidati hanno chiesto agli agenti del Nucleo NAE del XV Gruppo di Polizia Municipale, intervenuti sul posto, di accertare e verbalizzare il totale stato di abbandono della struttura.

blitz470.jpg

A VignaClaraBlog.it Simone Ariola ha così dichiarato: “Oggi stesso chiederò al direttore del Municipio e al commissario Dino Gasperini di revocare alla Onlus con procedura d’urgenza la concessione del manufatto viste le acclarate inadempienze in termini di mancata manutenzione del manufatto e reiterata mancata apertura dello sportello negli orari e nei giorni a suo tempo imposti dal Municipio”.

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

Via del Podismo, Roma, RM, Italia

10 COMMENTI

  1. Senza dimenticare che prima che la casetta venisse assegnata gratuitamente a Villa Bau, il municipio l’aveva fatta tutta ristrutturare (era un rudere fatiscente !) spendendo, ovviamente con il denaro dei contribuenti, quasi 150.000,00 €…
    Chapeau ad Ariola e ai candidati della sua lista per l’intelligente e condivisibile iniziativa.
    Giuseppe Reitano
    (Candidato SEL XV Municipio)

  2. Sarei curioso di sapere da Ariola e Reitano – nulla di personale, sia chiaro – come mai il “blitz” sia scattato solo oggi, a 10 giorni dalle elezioni, mentre l’uso (semi)privato di un bene pubblico va avanti da anni. Per tacere delle spese di restauro…

  3. Che scempio… e che spreco!
    Ma non ci si poteva fare uno sportello anagrafico e non essere costretti per anni ad andare fino a Prima Porta?
    … E incredibile che lo sfiduciato Giacomini abbia anche il coraggio di ricandidarsi e di farlo insieme alla co-responsabile di questo sperpero di risorse pubbliche…
    Mi auguro che l’elettorato dei nostri quartieri abbia uno scatto d’orgoglio e faccia sparire questa gente dalla scena pubblica.

  4. Concordo.
    Ma ci si poteva fare solo una casetta degli attrezzi per quei fantomatici dipendenti servizio giardini ?
    Non sarebbe stato necessario buttare 150k di euro ed era una motivazione in più a fumare meno sigarette da parte dei giardinieri comunali in quanto occupati fattivamente nel loro e retribuito lavoro.

  5. per dovere di cronaca devo ricordare a tutti i lettori di VCB quanto fatto dal sottoscritto in questi anni, ben prima dell’avvicinarsi della campagna elettorale, per combattere lo scempio della casetta in Via del Podismo…
    https://www.vignaclarablog.it/200911178190/xx-municipio-via-del-podismo-lattenzione-del-presidente/
    https://www.vignaclarablog.it/2011053014848/xx-municipio-in-un-consiglio-surriscaldato-maggioranza-battuta-due-volte/
    https://www.vignaclarablog.it/2013021321821/sfratto-via-del-podismo-ne-discute-consiglio-del-xx/
    io ho una mia personale proposta per la casetta, realizzare una aula studio.
    detto ciò non posso che plaudire all’iniziativa del Candidato presidente Ariola, meglio tardi che mai.
    Alessandro Cozza – Candidato PD al Municipio XV

  6. Forse perché abbiamo fatto prima tutti i dovuti passaggi istituzionali. Abbiamo chiestol interessamento della CCommissione Trasparenza, abbiamo convocato le parti, abbiamo chiesto al Direttore una lettera di diffida, abbiamo chiesto lo spostamento dell ufficio tutela animali, abbiamo chiesto la revoca della concessione, ma abbiamo sempre trovato un muro di gomma. Questo è solo uno dei tanti motivi percui abbiamo sfiduciato Giacomini.

  7. @Sor Chisciotte: io al blitz non ho partecipato (né alla sua organizzazione, né alla sua esecuzione), ma ho semplicemente lodato l’iniziativa perché, tardiva o meno, l’ho ritenuta condivisibile, pur essendo io candidato nella lista SEL concorrente di quella per la quale Ariola è candidato a presidente del Municipio .
    Personalmente non posso dire cosa ho fatto nel passato per la questione in oggetto, in quanto non sono un consigliere uscente; l’unica cosa è che partecipando alla stesura del programma di SEL per il XV Municipio, ho chiesto ed ottenuto l’inserimento sotto la voce “PIU’ SERVIZI PUBBLICI E DIRITTI, MENO DISAGIO SOCIALE” del seguente punto: “Individuare spazi da mettere a disposizione a costi ridotti dell’associazionismo del territorio e dei comitati di quartiere (ad esempio il casotto, di proprietà del Municipio, di Via del Podismo, che è stato al centro di tante polemiche).”
    Giuseppe Reitano
    Candidato SEL XV Municipio

  8. assolutamente d’accordo riguardo la revoca della concessione alla onlus di via del podismo della “casetta d’oro” (tenuto conto del costo del ripristino del manufatto)
    ma attenzione ai colpi di mano nel mese di agosto.
    Già nel lontano 2000 è stato sventato un tentativo di abbattimento di alberi e di affidamento dell’area verde ad una società di capitali per l’apertura di un chiosco bar! Soltanto dopo una denunzia querela presentata alla Procura della Repubblica ed un ricorso al Tar è stato abbandonato detto progetto.
    Invito, pertanto, il nuovo consiglio municipale ad utilizzare la casetta per scopi socialmente utilie senza fini di lucro.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome