Home ATTUALITÀ Cesano – Tutti in fila in via di Baccanello

Cesano – Tutti in fila in via di Baccanello

baccanello.jpg“Se prendi Via di Baccanello ricordati di uscire almeno una mezz’oretta prima”: questo il consiglio che da qualche settimana si rivolgono l’un l’altro gli abitanti di Cesano. Non a torto, perché i lavori che interessano un tratto considerevole della via stanno causando da giorni lunghe file di auto che sotto il sole cocente devono procedere a senso alternato. Un disagio dovuto a un progetto di riqualificazione della zona.

Dunque, seppure al momento le ripercussioni più forti sono localizzate proprio a Via di Baccanello, la zona interessata dai lavori è in realtà molto più estesa, e riguarda tutto il quadrante compreso tra Via di Baccanello, Via di Femmina Morta e Via della Fontana Morta. Ma nel concreto di che lavori si tratta?

VignaClaraBlog.it ne ha già parlato a proposito dell’incontro avvenuto pochi giorni fa tra il sindaco Gianni Alemanno e gli amministratori del XX Municipio in merito ai nuovi piani previsti per Cesano (clicca qui).

Nello specifico si sta approntando l’atteso (se ne parla da oltre un decennio) impianto fognario che dovrebbe garantire ai residenti quei servizi primari che, dato il carattere inizialmente abusivo della zona, erano finora mancati. Ma i lavori di questi giorni, che, ripetiamo, stanno causando nelle ore di punta file più che notevoli, prolungandosi in certi casi anche fino alle prime ore della sera, a cosa si riferiscono?

Per rispondere a questa domanda abbiamo interpellato l’Assessore ai Lavori Pubblici del XX Municipio Stefano Erbaggi che ci ha specificato obiettivi e durata dell’intervento.

“Attualmente a Via di Baccanello si sta lavorando per la realizzazione delle tubature idriche. I lavori iniziati lo scorso novembre dovrebbero durare fino alla prima settimana di agosto. Poi si partirà con l’intervento per la realizzazione di mille e duecento metri di sistema fognario. In tutto si prevede che i lavori proseguiranno fino a metà ottobre, per un costo complessivo di cinque milioni di euro”.

Insomma, i residenti di Cesano sono avvertiti: il disagio di questi giorni continuerà almeno per altri quattro mesi.
Disagio che a pensarci bene è fisiologico quando si realizzano lavori che in un modo o nell’altro intralciano la viabilità di una strada, e il fatto che vengano fatti in estate (e a volte fino a tarda ora) è apprezzabile per il tentativo di creare il minor disagio possibile.

Sta di fatto che Cesano è una zona che da Via di Baccanello dipende in tutto e per tutto. La via è infatti la maggiore arteria del luogo ed è il principale ingresso per Cesano per chi proviene da Roma.

È anche la via che in certe parti più rappresenta Cesano com’era in origine, quando alcuni edifici abusivi non ancora inquadrati nel Piano Regolatore presentavano (e in certi casi ancora presentano) condizioni igieniche da terzo mondo. E che si intervenga in questo senso solo nel 2012 è un dato che fa riflettere.

Ricordiamo che lo stesso Alemanno, quando il 15 novembre 2011 inaugurò i lavori (clicca qui), dichiarò che è “inammissibile che ci siano ancora a Roma quartieri senza rete fognaria”. Al che per la millesima volta si faceva la promessa: mai più cittadini di serie A e di serie B. Tra disagi e pazienza ci si augura che a Cesano presto o tardi esista solo la prima categoria.

Adriano Bonanni
                                      © riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

9 COMMENTI

  1. la situazione in via di baccanello è insostenibile, file di quasi un chilometro sotto il sole e informazioni inesistenti: ma vi sembra una situazione degna di un paese civile? grazie a vignaclarablog che si interessa di cesano e dei suoi problemi (cosa che dovrebbero fare anche le istituzioni che evidentemente hanno di meglio da fare…)

  2. @ Alfredo, mi scusi, sbaglio o poche settimane fa è venuto il sindaco a parlare di questi lavori ?? allora ha sbagliato anche stavolta!!!! doveva passare casa per casa ad avvertire tutti e non l’ha fatto… anche adesso c’è chi si ricorderà di ciò alle elezioni e non dei lavori che stanno facendo… A parte la battuta, come scrive il sig. Bonanni nell’articolo, il disagio è fisiologico, per poi avere per sempre i benefici di una rete fognaria adeguata, lo stesso che accade anche a via Due Ponti : gli abitanti della zona stanno avendo i vostri stessi disagi, ma alla fine (si spera) non avranno più problemi fognari.

  3. per evitare il traffico di via baccanello si puó percorrere via stazione di cesano in direzione viterbo e prendere la cassia bis verso roma.si allunga di qualche kilometro ma si evita la fila

  4. si allunga di qualche chilometro? ma se uno deve prendere la cassia bis che da cesano dista un paio di chilometri e invece è costretto a farsi tutta la braccianese più un pezzo di cassia e formellese secondo lei è “qualche chilometro”?

  5. Mi scusi era meglio far partire i lavori durante il periodo maggiormente lavorativo?
    i disagi ci sono sempre durante dei lavori importanti ma si sopportano volentieri se sono per un buon motivo come in questo caso!

  6. si potrebbero anche fare di notte quando in via di baccanello non c’è praticamente nessuno… in città si vedono spesso cantieri notturni e non vedo perché a cesano non si può fare la stessa cosa

  7. Nel rientrare a Cesano la sera, anzichè passare per via Baccanello proseguo sulla Cassia Bis ed esco a Cesano (borgo), non mi sembra un viaggio interminabile, sempre meglio di stare fermo sotto il sole e davanti alla “casa” o meglio baracca dormitorio di via Baccanello…….dove lo sporco e l’abusivismo sono in bella vista!!!!!!

  8. per rispondere al sig alfredo non c’è bisogno di prendere la braccianese: se lei arriva a cesano invece di percorrere via di baccanello prosegue per via della stazione di cesano in direzione cesano borgo. lì troverà la seconda uscita di cesano sulla cassia bis

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome