Home AMBIENTE Un torrente all’Inviolatella Borghese

Un torrente all’Inviolatella Borghese [aggiornato]

Fiume Inviolatella Un corso d’acqua si è creato oggi 20 Luglio 2012 nella riserva naturale dell’Inviolatella Boghese [mappa]. Il torrente, generato quasi sicuramente dalla perdita di una grossa conduttura, nasce da un punto non facilmente identificabile situato sotto al vivaio Horti di Veio e seguendo il sentiero che corre parallelo alla Cassia con una profondità in alcuni punti di più di 10 centimetri si riversa nel grande prato dove annualmente si tengono le Giornate della Primavera.

Di seguito la testimonianza fotografica raccolta da Francesco Gargaglia.

Aggiornamento di Sabato 21 Luglio.

Sul luogo è intervenuta una squadra di pronto intervento dell’ACEA su istanza del consigliere e Presidente della Commissione Lavori Pubblici, Ambiente, Aree Verdi e piccoli parchi del XX Municipio Francesco Petrucci, che stivali ai piedi, sta coordinando i lavori di chiusura di un grande sifone che si trova sulla collina di destra del parco dell’Inviolatella Borghese all’altezza del Centro Sperimentale. L’intervento è reso problematico a causa della notevole portata della perdita e del luogo difficilmente accessibile con i normali mezzi di intervento.

Francesco Petrucci

  © riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Quante novità che ci riserva l’Inviolatella: prima il parcheggio, ora un vero e proprio fiume d’acqua! Mi sono accorto di quanto stava succedendo in uno dei miei soliti giri nel parco; non sono riuscito ad individuare il punto esatto da cui proviene l’acqua (una nuova sorgente? un rubinettone lasciato aperto? una conduttura saltata?) a causa della fitta vegetazione e dei rovi. Ma l’acqua fa un percorso di almeno 500 metri e va a morire in una depressione nei pressi della sbarra di accesso. Ma questa vicenda ha anche un altro risvolto: ho cercato subito di dare l’allarme contattando, inutilmente i seguenti numeri:
    – uffici Parco di Veio
    – numero verde Parco di Veio
    – Comune di Roma (ha detto di chiamare ACEA)
    – ACEA (almeno 10 minuti di attesa)
    – ufficio vigilanza Parco di Veio
    – cellulare della pattuglia vigilanza (il num. non era raggiungibile)
    – guardie provinciali
    – sala operativa della polizia provinciale che alla fine ha accettato la chiamata!
    Ancora non si è capito che la migliore vigilanza la offrono i cittadini ma solo quando una Riserva o un Parco è APERTO AL PUBBLICO!
    Francesco Gargaglia

  2. Salve Francesco,
    leggo sempre con grande attenzione i tuoi articoli, sempre precisi e dettagliati.
    Tuttavia questa volta, nella successione dei contatti, è sfuggito l’ingaggio del consigliere Petrucci. Te lo chiedo perchè tutti noi si possa far tesoro di questa esperienza e diventare una vigilanza efficace.

  3. La perdita da una condotta dell’acqua è una cosa normalissima e avviene a Roma ogni giorno (basta vedere cosa è accaduto in Via Panattoni dove nello stesso punto ci sono state numerose riparazioni). Il problema che noi solleviamo è un altro: l’apertura immediata dell’Inviolatella Borghese e di conseguenza la sua vigilanza da parte dei cittadini.
    A questa richiesta si oppone sempre un rifiuto collegato alla “mancata messa in sicurezza”; è bene precisare che fino ad oggi l’Inviolatella è servita a sbandati, e a slavi senza casa che se ne fregano assai della cosidetta “sicurezza”. Ora che il parco è pulito e in ordine (semprechè non si trasformi in una palude!) invece non ci si può andare.
    All’Inviolatella NON ci sono problemi di sicurezza: basta mettere un po’ di cartellì con le prescrizioni ed è fatta!
    A chi obietta il problema della sicurezza e manutenzione rispondo: ma perchè all’Insugherata, Parco Pineto, Parco Papacci ecc. ci sono sistemi antincendio?
    Ma perchè nei giardini di Tomba di Nerone, sporchi e trascurati con i drogati, gli ubriaconi, i senza tetto c’è sicurezza? E’ più facile prendersi il colera a Tomba di Nerone che a Cuba!
    APRITE QUESTA BENEDETTA INVIOLATELLA!
    I Comitati sono disposti perfino ad assicurare con rastrelli e taglia erba la piccola manutenzione e pulizia dell’area ma aprite perchè sono anni che si aspetta e la gente ne ha piene le balle!!

  4. Ringrazio anche io Francesco Gargaglia per l il tempo dedicato a tentare di allertare inutilmente tanti servizi che dovrebbero essere pronti ad intervenire.Sarei curiosa di sapere se la sala operativa della polizia provinciale, per la verità non so se competente), abbia o meno fatto qualcosa.. Comunque Francesco aveva chiamato anche me e sul posto in poco tempo si è recato il signor Piero, il pastore che ha l’allevamento di pecore nei terreni adiacenti, insieme con altri proprietari limitrofi. Per quanto riguarda il cosiddetto”ingaggio”del consigliere Petrucci, al quale si riferisce maria , VCB ne dà ampia notizia, anche se sarebbe bene sapere direttamente dal consigliere l’esito deii lavori di chiusura del grande sifone che si trova sulla collina di destra del parco dell’Inviolatella Borghese all’altezza del Centro Sperimentale, in quanto oggi (domenica) ancora l’acqua defluisce, anche se in misura ridotta. Comunque concordo con Francesco:la migliore vigilanza la offrono i cittadini ma solo quando una Riserva o un Parco è APERTO AL PUBBLICO!

  5. Questa parte del parco pubblico dell’Inviolatella Borghese, che finora ha un’unica entrata da via dell’inviolatella Borghese, come Comitati vogliamo sia aperta anche dal versante di via Oriolo Romano, e deve essere accessibile a tutti da subito. E’ questa la richiesta che i Comitati porteranno formalmete ancora una volta nei prossimi giorni all’Ente Parco di Veio, al Comune ed al Municipio.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome