Home ATTUALITÀ Riapertura Cassia Antica: “mantenete le promesse” lo slogan della manifestazione di oggi...

Riapertura Cassia Antica: “mantenete le promesse” lo slogan della manifestazione di oggi 27 novembre

Cittadini ancora e nuovamente in piazza, anzi in strada, per chiedere la riapertura del doppio senso di marcia di Via Cassia Antica. Una nuova manifestazione di protesta si è tenuta oggi, sabato 27 novembre, su via Cassia e ad organizzarla è stato il Comitato cittadino per il XX Municipio. Oggi il tema non era solo la Cassia Antica ma l’intera  viabilità della zona, messa in ginocchio dalla chiusura della stradina che collega la Cassia Bis a via di Grottaross a a fianco del Sant’Andrea, e dalla chiusura della rampa del Raccordo Anulare.

Tre situazioni ampiamente documentate e seguite da VignaClaraBlog.it  e l’enorme flusso di accessi e di commenti che registriamo ad ogni nostro nuovo articolo è un segno tangibile di quanto i tre problemi siano sentiti sulla pelle.

Tornando a questa mattina, per dovere di cronaca dobbiamo registrare che non c’è stata una grande affluenza come l’anno scorso. Non più di 70, 80 persone si sono ritrovate all’appuntamento dato per le 11 all’angolo con via San Godenzo. Tutte “agguerrite” e tutte dotate di manifesti e cartelli, in puro stile anglosassone, hanno manifestato civilmente sotto lo sguardo vigile di agenti della Polizia Municipale e della Polizia di Stato.

Ma è mancata la partecipazione. In tanti, forse in troppi, hanno desistito dallo scendere in piazza ed i partecipanti si chiedevano dove fossero tutti quei residenti che poi ogni mattina si imbufaliscono non potendo percorrere via Cassia Antica in direzione centro, cosa o chi li avesse fatti desistere dall’unirsi agli altri come accaduto nel 2009.

Assenti anche quei rappresentanti del XX Municipio che pur tante volte in aula si sono dichiarati a favore. Ad eccezione del consigliere PdL e Presidente del Consiglio, Simone Ariola, e dei consiglieri PD Marco Tolli e Daniele Torquati, nessun altro ha ritenuto importante solidarizzare con i cittadini di ogni età e di ogni credo politico che stamani chiedevano solo una cosa: migliore qualità di vita, in termini di mobilità e viabilità, sulla Cassia.

Sul problema della riapertura di Via Cassia Antica VignaClaraBlog.it ha intanto registrato un fatto importante: nell’intervista effettuata in questi giorni Carlo Di Paola, presidente del Consorzio di viale Cortina D’Ampezzo, si è dichiarato disponibile alla stessa (leggi qui).
Potrebbe essere questo il grimaldello per scardinare la situazione? Un tavolo di concertazione pubblico-privato che veda da un lato attori locali quali il Consorzio ed il Comitato cittadino XX Municipio, e dall’altro Municipio e Comune, aperto al pubblico ed ai media, che affronti il tema con volontà risolutiva, che metta in campo professionalità, grinta e determinazione, che riprenda in mano il progetto della rotatoria o qualunque altro possa risultare utile, che non lavori per slogan o per dichiarazioni anestetizzanti ma solo per risolvere un piccolo grande problema con il quale ogni giorno migliaia di cittadini fanno i conti.
E’ utopia ipotizzare questo scenario?

La manifestazione si è tranquillamente sciolta verso le 13 senza che si registrasse alcun incidente od eccessivo fastidio da parte degli automobilisti di tanto in tanto costretti a fermarsi per cedere il passo a chi protestava. In fondo in fondo li capivano, stavano lì anche per loro.

Fabrizio Azzali

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

I nostri precedenti servizi su:
La Rampa del GRA e via Volusia (clicca qui)
La strada del Sant’Andrea (clicca qui)
La riapertura della Cassia Antica (clicca qui)

.

 

Visita la nostra pagina di Facebook

9 COMMENTI

  1. Trovo ottima l’idea di un tavolo con il Consorzio, vista la disponibilità del Presidente. Mi adopererò per farlo istituire: sarebbe davvero un bell’esempio di democrazia partecipata.e grazie a VCB anche per l’ottimo servizio corredato da foto, io c’ero e trovo tutto corrispondente al come si sono le cose

  2. Il Comitato Cittadino per il XX Municipio dopo la manifestazione, continuerà a contattare le autorità competenti come ha fatto finora. Sono state decine le question time poste in Consiglio Municipale, numerosi gli interventi presso la commissione mobilità del Municipio; abbiamo anche contattato, prima della cosiddetta sperimentazione, il VII dipartimento contestando il divieto di svolta a sinistra per via Cortina D’Ampezzo. A breve contatteremo, come già concordato il nuovo comandante dei vigili e l’assessore del Comune Marchi. Già da molto tempo ci battiamo perché venga rivista tutta la mobilità del quartiere con l’istituzione di un tavolo di concertazione che coinvolga Comitati, Associazioni, Comune, Municipio e Atac. Per la riapertura della Cassia Antica, avendo appreso con molta soddisfazione la disponibilità del nuovo presidente del Consorzio di Via Cortina D’Ampezzo, lo contatteremo al più presto.
    Ringraziamo VignaClarablog per l’articolo come sempre molto articolato e preciso.
    La dichiarazione del Presidente Giacomini “Toglierò la Cassia dalla morsa del traffico”, pubblicata il giorno prima della manifestazione, ha forse disincentivato i cittadini dal partecipare.
    Questa volta saranno mantenute le promesse?
    Grazia Salvatore vicepresidente del Comitato

  3. Siamo rimasti molto delusi dal giornalino “ZONA” che non ha scritto un articolo sulla programmazione della manifestazione, ma un articolo che riportava il progetto della rotatoria da realizzare all’incrocio fra la Cassia vecchia e via Cortina d’Ampezzo, come se fosse già autorizzata l”eliminazione del divieto di accesso alla Cassia Vecchia, cosa non assolutamente vera. Questo articolo ingannatorio ha determinata l’assenza di numerosi abitanti della zona che hanno considerato l’eliminazione del divieto di doppio senso sulla Cassia Vecchia come cosa fatta. Il giornalista che ha scritto questo articoli ha dimostrato un totale incapacità a riportare la realtà dei fatti o, il che è peggio, la malafede.

  4. C’è anche da considerare che il progetto che Il Consorzio aveva realizzato a suo tempo non è più attuabile in quanto una parte dell’area dove doveva essere realizzata la rotatoria è ora occupata dal nuovo insediamento immobiliare di Acqua marcia realizzato in fondo a Cortina d’Ampezzo.

  5. La giusta considerazione di Stefano mette in luce la vera causa della maggior parte dei problemi della mobilità a Roma: la cementificazione selvaggia. E che dire dei passi carrabili che si aprono senza nessun controllo? Forse il nuovo comandante della Polizia urbana potrebbe farsene carico, partendo prprio da quelli intorno allìInviolatella.
    New entry quello sulla Cassia Nuova nel tratto dal bivo Cassia Cassia a via Pareto.

  6. Da cittadina residente, un grazie a Grazia Salvatore e al comitato XX Municipio, a tutti i partecipanti e sostenitori che mostrano impegno civico e partecipazione: migliorare si può,senza aspettare che la manna scenda dal cielo o che ci pensi la benevolenza di qualche boss.

  7. Manifestazione riuscitissima, civilissima, non ha creato particolari disagi!
    AVANTI COSI’!!

    Per ottenere quanto ci spetta occorre continuare a manifestare, a chiedere, a non restare indifferenti e menfreghisti!

    Stasera alla riunione del comitato alle 18,30 in via Cassia 1036, Parrocchia San
    Giuliano ne parleremo!

    Da parte mia un applauso sentito a tutte le persone che sabato mattina invece di godersi il meritato risposo, o farsi i cavoli popri si trovavavno nell’amena località Cassia/SanGodenzo a reggere dei simpatici cartelloni e a beccarsi gli insulti di qualche incivile!

  8. Se alla manifestazione di sabato avessero partecipato le tante persone che, nel recarsi al lavoro, quotidianamente imprecano per la chiusura della Cassia antica, forse non sarebbe bastata tutta la via a contenerle. E’ molto comodo lamentarsi e lasciar fare agli altri quel che serve anche a se stessi. Attivarsi è faticoso, soprattutto di sabato mattina ma il lunedì arriva presto.

  9. Oggi 30 nov.alle ore 10 il blocco Cassia cominciava dal semaforo di Via Gherardini!se avessi avuto un megafono avrei detto a tutti gli automobilisti fermi in colonna sino a C.so Francia che “Abbiamo il TRAFFICO che ci meritiamo!”(…come i politici e come i figli!).Alla Manifestazione del 27 avrebbero dovuto esserci migliaia di persone,invece sembrava quasi che si manifestasse per un problema sul pianeta MARTE! Si vede che c’è un masochismo diffuso tra gli automobilisti della zona in questione a danno di quei pochi -normali-che non riescono più ad accettare questa situazione. Attraverso ZONA del 26 il Presidente Giacomini ha detto che presto il traffico …sparirà…..! Chiuderanno la Cassia da ….SIENA a …..PONTE MILVIO?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome