Home ATTUALITÀ Cesano – Nella Chiesa di S.Sebastiano chiuse le celebrazioni del 4 Novembre

Cesano – Nella Chiesa di S.Sebastiano chiuse le celebrazioni del 4 Novembre

Un concerto per chiudere la Giornata delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale.  A seguire quelle del 4 novembre (leggi qui) questa l’iniziativa celebrata a Cesano la sera del 6, presso l’Auditorium della chiesa di San Sebastiano. Una iniziativa che ha visto l’entusiasta adesione di molti residenti e appassionati che hanno seguito con interesse e partecipazione un evento simbolico e sintomatico della vicinanza di Cesano e del XX Municipio a questa ricorrenza.

Il concerto è stato aperto, come da tradizione, dall’Inno di Mameli e dall’esecuzione della Canzone del Piave che dal 1943 al 1946 fu l’inno nazionale prima di essere definitivamente sostituito dall’attuale Canto degli Italiani. Ha fatto seguito la Sonata per violino e pianoforte di César Franck (al violino Massimo de Bonfils, pianista Angela Pardo) e una serie di brani tratti dal patrimonio musicale del melodramma ottocentesco italiano con musiche di Rossini, Bellini, Verdi e Donizetti. Il coro della Schola Cantorum dell’Upter – Università popolare era diretto dal maestro Giovanni Gava.

[GALLERY=1116]

Non è la prima volta che la Chiesa di San Sebastiano, inaugurata nel 1998, ospita una simile manifestazione. “Siamo costantemente presenti sul territorio, anche con iniziative culturali – dichiara Don Federico Tartaglia, da pochi mesi parroco delle chiese di San Sebastiano e San Giovanni Battista – inoltre anche per il crescente sviluppo demografico che Cesano ha manifestato negli ultimi anni si è deciso di dotarlo di un’altra comunità parrocchiale, dopo quella di Cesano Borgo che non era più sufficiente.”
La chiesa di San Sebastiano infatti nasce proprio con questo obiettivo: “la popolazione giovanile oggi non risiede più a Borgo, dove le case vengono affittate per lo più a lavoratori stranieri, ma a Cesano Scalo che ne è diventato il centro economico. Questo, unitamente alla crescita degli abitanti, ha portato alla inaugurazione di una nuova chiesa, in cui vengono ospitate iniziative come questa legata alla Giornata delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale.”

[GALLERY=1117]

Al concerto di chiusura erano presenti anche numerose personalità legate alla Scuola di Fanteria dell’Esercito Italiano che proprio a Cesano ha sede ufficiale. Il Comandante Generale Antonio Venci ha preso la parola per sottolineare l’importanza e il valore delle Forze Armate in un contesto contemporaneo in cui la difesa e l’orogoglio del sentimento patriottico sono di vitale importanza.

Fra le autorità era presente anche l’assessore all’Urbanistica del XX Municipio Giuseppe Mocci. “L’adesione a questa serata, dopo il successo del 4 novembre con la celebrazione presso il Monumento ai Caduti, è un segnale importante perché dimostra che i cittadini sono ancora legati a dei valori importanti – spiega Mocci a VignaClaraBlog.it – inoltre a Cesano abbiamo una caserma seconda in Europa per estenzione territoriale e questo spiega forse il motivo per cui i residenti sono così attaccati a questa realtà e desiderano partecipare a questo genere di manifestazioni.”

Adriano Bonanni

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome