Home AMBIENTE La privatizzazione del Parco di Tor di Quinto approda al TAR: il...

La privatizzazione del Parco di Tor di Quinto approda al TAR: il 12 maggio l’udienza

“Continuano purtroppo le iniziative del Comune e dei privati per privatizzare e cementificare il poco verde a destinazione pubblica dei quartieri di Roma Nord” dichiara Mario Attorre, per il Comitato Cittadino XX Municipio, con esplicito riferimento ai lavori in corso nel Parco di Tor di Quinto.

“L’ultima, come è ormai noto, è la concessione per 33 anni alla Società US Boreale S.r.L. dell’area del Parco del Laghetto a Tor di Quinto per l’edificazione di migliaia di metri cubi per un mega ristorante, uno sproporzionato asilo nido, una palazzina per palestra e spogliatoi, e strutture sportive varie. Contro questa iniziativa, che ha suscitato l’indignata reazione degli abitanti – spiega Attorre, è stato notificato un ricorso al TAR del Lazio per tutta una serie di presunte irregolarità procedurali e sostanziali e violazione dei vincoli di tutela dell’area che la rendono inedificabile.”

“La paternità del ricorso è stata assunta dall’Associazione Italia Nostra e ai costi verrà fatto fronte con i fondi raccolti tra gli abituali frequentatori del Parco. Al ricorso ha aderito il Comitato Cittadino per il XX Municipio, che si costituisce in giudizio in affiancamento a Italia Nostra. Il Tar – conclude – terrà l’udienza per la trattazione della richiesta di sospensiva il prossimo 12 maggio. Gli amici del Parco sono in fiduciosa attesa”.

Visita la nostra pagina di Facebook

64 COMMENTI

  1. Notizie del ricorso al Consiglio di Stato??
    Posso darvele io, ho saputo che non c’è stata la possibilità di far nulla (fortunatamente aggiungo io) in quanto tutte le autorizzazioni che erano in loro possesso erano in perfetta regola, ora mi aspetto qualcuno che avrà certamente da ridire e sicuramente dirà che i giudici sono stati corrotti o altro.
    Cari amici, a questo punto cercate di mettervi l’anima in pace e preoccupiamoci mi unisco anch’io a voi per combattere le problematiche più gravi ed importanti che ci circondano.

    Buone vacanze a tutti

  2. Non so a quale fonte abbia attinto Luca, che gioisce per una notizia non vera:
    il ricorso al TAR è ancora è in attesa della decisione.
    La notizia è che il Consiglio di Stato non ha concesso la sospensiva, ma questo non significa che lo abbia fatto, come lui afferma, “in quanto tutte le autorizzazioni che erano in loro possesso erano in perfetta regola”.
    Forse Luca (e magari sarebbe utile si qualificasse per capire come mai sia così premuroso nell’informarci) farebbe bene anche a non tirare in ballo, in un periodo così preoccupante per la democrazia del nostro Paese, illazioni su conseguenti critiche nei confronti dei giudici . Stia tranquillo perchè le critiche ai giudici partono in genere da indagati e autodefinitisi perseguitati dalla giustizia
    PS mi onoro di non appartenere agli amici ai quali Luca si rivolge e non ho quindi intenzione di partecipare con lui per combattere le problematiche non ben definite che a lui stanno a cuore

  3. Cara sig.ra Rosanna Oliva

    Non so da quali fonti attingi tu,ma per quanto mi risulta i miei amici che stanno realizzando l’opera mi hanno confermato quanto da me riferito.
    Per quanto riguarda il resto, è evidente che le chiacchere se le porta via il vento, mentre i giudizi scritti restanto e quindi tu continui solo a dire parole parole parole come la famosa canzone.
    Forse stai rosicando in quanto eri troppo sicura di avere in mano la verità,ma purtroppo questa si è dimostrata poco attendibile.
    A proposito visto che alludi a persone indagate e eprseguitate dalla giustizia, ti ricordo se non lo sai che prima di rilasciare una concessione pubblica devi presentare il certificato penale ed il casellario giudiziario, e stranamente ai miei amici non risulta nulla.

    Ciao e buona vacanza se la fai e rilassati

  4. Caro Paolo,

    la tua amica sarà sicuramente seria, ma non è detto che tutto quello che vi racconta rispecchia sempre la verità.
    Informati di quanto sostengo io e dopo mi dirai se ho detto delle sciocchezze.
    Mi spiace per la tua tristezza, se vuoi ogni tanto ti invito con me in giro per gli ospedali a trovare quelli che di tristezza ne hanno da vendere e vedrai che ti sentirai immediatamente meglio.

    Buona giornata
    Luca

  5. Non sono certamente d’accordo con la posizione di Luca, in quanto sono la proprietaria di un cane preso al canile e contesto fortemente questa continua intollerenza nei confronti dei cani, che non si capisce per qual motivo devono essere gli unici essere viventi tenuti sempre al guinzaglio o al massimo lasciati liberi a sgambettare in aree ridicole dove non ci si riesce neppure a muovere. Gli uccelli defecano, i cavalli, i gatti persino gli essere umani, i cani non si sa dove la devono fare. Per non parlare della spazzatura lasciata in giro per il parco e non solo, della quale nessuno pare preoccuparsi più di tanto. Ma tutto questo perchè siamo in Italia, perchè all’estero (in Francia in particolare) i cani hanno accesso dappertutto: ristoranti, alberghi, esercizi commerciali, addirittura spiagge e parchi! Incredibile in alcuni parchi e spiagge possono addirittura circolare senza guinzaglio. Informatevi prima di parlare. Saranno incivili loro o noi, mi chiedo?

    Passando ora ad un altro argomento, le informazioni che da Rosanna Oliva saranno anche utili, ma che non si permetta di dire che le critiche ai giudici arrivano sempre dagli indagati e i presunti perseguitati dalla giustizia. Questa veramente se la poteva risparmiare. Anche perchè poi cosa c’entra con il parco? Purtroppo i perseguitati dalla giustizia esistono e non sono neppure cosi’ pochi. Purtroppo i giudici che fanno male il loro lavoro sono tantissimi. Per incompetenza, per superficialità, abusando del potere che hanno e non voglio insistere oltre… Meglio per te che non ci sei mai capitata in mezzo alle maglie della presunta giustizia.

  6. Salve Luca,

    Io parto dalla buona fede di tutti.
    In questo magari sono ingenuo ma vivo più sereno.
    A consuntivo di diversi anni di attività nella progettazione mi sono reso conto però che assieme alla buona fede bisogna metterci la competenza e il buon senso.
    Vengo al punto: con tutti i permessi e le concessioni perfettamente in regola, strutture tecnicamente ineccepibili, ti chiedo, se avrai la cortesia di farti tramite con i tuoi amici: come si pensa di gestire l’accesso al sito e quale impatto si prevede che lo stesso generi sulla attuale situazione.
    Te lo chiedo perchè ho un dubbio.
    Se le cose dovessero andare come i tuoi amici si aspettano, ovvero saturare il parcheggio che verrà ampliato, stante la situazione attuale: ponticello e platano inclusi…potrebbe succedere che al profitto di alcuni corrisponda il disagio (circolazione viale Tor di Quinto) di altri…e… non sarebbe carino…
    Mi pare di dirlo in tempi non sospetti.

    Grazie.

    Giuspa

  7. Caro Giuspa,

    mi sembra giusta la tua preoccupazione, però devo aggiungere che il via vai che c’è ora con tutti quelli che vanno a Mondo fitness non è che abbia creato il panico, eppure mi sembra che di gente c’è ne sia abbastanza.
    Comunque sia farò da portavoce e cercherò di porre ai miei amici ( se non l’ho hanno fatto) le tue giuste preoccupazioni.
    A proposito, ho visto l’altro giorno che il Platano che era all’ingresso della stradina che porta al parco che è stato abbattuto e non saprei i motivi., forse era malato come gli altri che stanno abbattendo su Viale Tor di Quinto.

    Ciao e buona giornata

  8. Grazie Luca,
    Attendo notizie.

    La situazione di Mondo Fitness, in termini di periodo, orario di fruizione maggiore, numero di visitatori, turnover…etc. non è paragonabile a quello che immagino i tuoi amici abbiano previsto nel loro business plan…

    Il platano: credo fosse malato in effetti. Almeno per quello che ho potuto vedere…ma non facendo il giardiniere non mi permetto di fare affermazioni in ambiti che non conosco…

    Buona giornata a te e a chi ci legge.

  9. Ciao a tutti. Questa mattina (10 aprile 2010) sono andato al Parco Tor di Quinto per fare jogging (era almeno un mese che non ci andavo). La costruzione dell’ecomostro continua, e la cosa peggiore è che è stato realizzato un enorme tettoia a copertura del parcheggio, con abbattimento degli alberi. un enorme parco fotovoltaico (i pannelli sono sulla copertura), con pilastri in acciaio, sproporzionato riesptto alle dimensioni del parco e degli edifici in costruzione. Nel rendering esposto fuori fdel cantiere ovviamente nessuna traccia. Una variante? Una speculazione bella e buona, per incassare gli incentivi, non certo per rendere la struttura ‘verde’, visto che non è stato assolutamente curato l’impatto ambientale di queste tettorie. Gli edifici poi mi sembrano molto piu grandi dei rendering esposti. Le autorità stanno controllando? E’ possibile verificarlo e allertare le autorità? Mi rivolgo ad Italia Nostra e ai comitati dei cittadini che si sino opposti al progetto. Non facciamoci rubare l’unico spazio verde della zona. Concludo dicendo che, quando mi sono avvicinato al cantiere, ho potuto parlare con un figuro con camicia bianca aperta al terzo bottone e giubbotto di pelle e Porsche cabrio di ordinanza, che alle mie domande, dopo qualche imbarazzata risposta, ha reagito iniziando ad aggredirmi con insulti. Poi è venuto mincciosamente verso di me, accompagnato da un operaio probabilmente rumeno del cantiere. Tipico approccio arrogante e aggressivo da speculatore, non certo da cittadino che, compatibilmente con una iniziativa imprenditoriale, ha anche a cuore il suo quartiere (ha dichiarato di vivere al fleming). e’ possibile fare qualcosa prima che sia troppo tardi? fatemi sapere. Grazie

  10. Abbiamo perso tutti.
    Altro che TAR e Consiglio di Stato.
    La copertura “verde” del parcheggio è la pietra tombale della civiltà.
    Lo sfregio è la storiella della “ecologia”.
    Se siamo in grado di berci questa è normale che l’arroganza sposti più avanti il paletto.
    Il capannone industriale autoalimentato è contro ogni logica, ogni senso del plausibile.
    Un atto di prepotenza dove, per qualcuno che chiede, c’è qualcuno che concede.
    Scripta manent:
    Vorrei sapere se le persone che in questo forum hanno scritto a difesa dell’iniziativa, quelli che dovevano farsi tramite di alcune perplessità, anche del sottoscritto, presso i costruttori, sono ancora qui a difendere la causa della bontà del progetto o hanno qualche dubbio…

  11. Due conti sul fotovoltaico montato:
    Quello che “riqualificherebbe” il parcheggio.

    – Circa 2500 mq di superfice
    – Per pannelli montati orizzontalmente (0 gradi) in ragione dell’irraggiamento medio di Roma, calcolando una inefficenza media del 16% avremmo…

    195.000 kWh annui produzione netta.
    232.200 kWh produzione potenziale annua
    155 kW potenza impianto

    Lo vediamo già adesso nel suo “splendore” perchè così non perdono contributo energetico che decresce con i trascorrere dell’anno.

    L’unica cosa “verde” è la tinta della struttura metallica…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome