Home AMBIENTE Formello – due passi nella Valle del Sorbo

Formello – due passi nella Valle del Sorbo

A pochi chilometri dal tratto urbano della Via Cassia, superato il piccolo borgo di Formello, c’è la Valle del Sorbo, dove proprio in queste ore si sta tenendo la 16ma corsa campestre (leggi qui). Siamo all’ interno del Parco Naturale di Vejo ad appena quindici minuti di auto dalla confusione e il traffico della capitale. Nonostante l’intensa urbanizzazione e una fitta viabilità la bella Valle si presenta in tutto il suo splendore: adagiata tra boschi di querce segue il tortuoso corso del Fosso Cremera, dal santuario della Madonna del Sorbo sino alla Mola di Formello, un antico mulino oramai in rovina. Del vecchio manufatto non restano che i muri perimetrali e le vecchie pietre della macina. Nella verdissima valle pascolano tranquille grandi mandrie di vacche maremmane: nonostante l’aspetto minaccioso, reso ancor più inquietante dalle lunghe corna, si tratta di un bovino dall’indole tranquilla.

[GALLERY=657]

Il Fosso Cremera attraversa tutta la valle e in prossimità del vecchio mulino forma un laghetto e una splendida cascata che il visitatore può osservare in tutta la sua bellezza da un ponticello in pietra che la sovrasta. Le acque rimbalzano poi tra i grossi massi di tufo e proseguono il loro cammino verso sud. Nella valle, sotto grandi pioppi, sono state realizzate delle aree pic-nic con tavoli e panche in legno. Lasciata l’autovettura lungo la carrareccia proveniente da Formello, è sufficiente seguire uno dei tanti sentieri che costeggiano il fosso, e in appena 20 minuti ci si ritrova nei pressi della Mola. Chi lo desidera può inoltrarsi lungo uno dei tanti sentieri che attraversano forre e boschi di querce e pungitopo.

[GALLERY=658]

La zona, che è stata il set di numerosi spaghetti-western, è molto frequentata solo in occasione di alcune feste e sagre paesane; per gran parte dell’ anno consente di trascorrere, a chi decide di evadere dalle polveri sottili della metropoli, una splendida giornata immersi nella Natura.

Francesco Gargaglia

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome