Home AMBIENTE Inviolatella Borghese – Comitato Cittadino XX Municipio: difendiamo il nostro parco

Inviolatella Borghese – Comitato Cittadino XX Municipio: difendiamo il nostro parco

 Aggiornamento del 15 Novembre 2009: Leggi tutto qui. L’Inviolatella Borghese resta inviolata: Alemanno revoca la concessione alla Fondazione Raphael Onlus. .

“L’Ente Parco di Veio e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma Fabio De Lillo, anche nella sua qualità di Presidente della Comunità del Parco di Veio,devono passare alla concreta realizzazione del Parco campagna all’Inviolatella” afferma in un comunicato Il Comitato Cittadino per il XX Municipio. “Lo stiamo chiedendo da anni e l’abbiamo sollecitato durante la VII giornata dell’Inviolatella organizzata dai Comitati locali lo scorso maggio”.

Ricordiamo che dell’ex tenuta agricola all’Inviolatella Borghese fanno parte i tredici ettari confiscati alla Banda della Magliana, per l’uso dei quali il 21 luglio scorso è stato presentato un ricorso collettivo al TAR dal Comitato cittadino per il XX Municipio e dal Comitato Promotore per il Parco di Veio. L’area, che fa parte di una vasta zona comunale pervenuta al Patrimonio del Comune di Roma e destinata a parco pubblico, era stata assegnata dal Sindaco Alemanno con ordinanza n. 13 del 5.3.2009, alla Fondazione Raphael per la realizzazione del Progetto “Villaggio degli Ercolini”dedicato al recupero e alla formazione professionale di ragazzi disagiati.

“La decisione di ricorrere al TAR è stata determinata – prosegue il comunicato – dall’esasperazione nel constatare che proprio il Comune, che dovrebbe tutelare il territorio favoriva un’iniziativa che, se realizzata, violerebbe molteplici e inderogabili norme di tutela ambientale, paesaggistiche e paesistiche e privatizzerebbe, di fatto, un’area di proprietà pubblica destinata a parco pubblico per la fruizione da parte degli abitanti dei popolosi quartieri di Vigna Clara, Collina Fleming, Tomba di Nerone e S. Godenzo”.

Ma circa un mese fa il TAR del Lazio, con ordinanza del 4 settembre ha fissato la prossima udienza al 25 novembre, ordinando al Comune di fornire “dettagliati chiarimenti in ordine alla vicenda”. Nel frattempo, nei giorni scorsi, è giunta voce che il Sindaco Alemanno avrebbe trovato una diversa localizzazione per le attività della Fondazione Raphael. Pare nel XIX Municipio, si dice nel Parco di Monte Mario.

“Nonostante ricerche presso l’Ufficio stampa del Sindaco e su internet – afferma il Comitato – permane il deficit di informazione sul destino di una parte della preziosa area pervenuta al Comune per l’impegno pluridecennale dei cittadini allo scopo di tutelarla e destinarla a parco pubblico. Deficit d’informazione che non sarà colmato dalle risposte alle tre interrogazioni presentate al Consiglio della Regione Lazio dai consiglieri Carapella, D’Amato e Laurelli. Infatti sono ben 1461 i punti che il Consiglio Regionale deve ancora esaminare e le tre interrogazioni si trovano ai posti 377, 1036 e 1051”.

Se la notizia della delocalizzazione della sede delle attività della Fondazione Raphael in un’altra proprietà comunale sarà confermata, un nuovo ed importante risultato si aggiungerà a quelli faticosamente ottenuti con decenni di impegno in difesa dell’Inviolatella da parte del Comitato Cittadino per il XX Municipio. ” Ma non sarà sufficiente – conclude il comunicato – permane l’esigenza di assicurare l’uso pubblico e salvaguardare definitivamente una delle parti più preziose del Parco regionale di Veio nell’adozione del Piano d’assetto, salvaguardando beni pubblici destinati ad attività agricole e applicando correttamente le norme sull’uso sociale dei beni confiscati alla mafia, oggetto anche di una recente legge della Regione Lazio”. (red.)

precedenti articoli di VignaClaraBlog.it sul caso Inviolatella Borghese: clicca qui

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome