Home AMBIENTE A Largo Maresciallo Diaz manifesti multistrato

A Largo Maresciallo Diaz manifesti multistrato

C’e’ chi dice grazie e chi invita a ballare ma sono pur sempre manifesti abusivi.
Continua l’arrembaggio alla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Largo Maresciallo Diaz le cui facciate sembrano essere ambitissime, sia in campagna elettorale che dopo. Ambite dagli attacchini, anche di illustri personaggi, ed ignorate da chi e’ preposto alla defissione dei manifesti abusivi. Registriamo nuovi arrivi, politici e non.

Vecchi ma anche nuovi manifesti continuano infatti a tappezzare ed imbrattare questo enorme edificio. Le affissioni avvengono impunemente anche di giorno, sotto gli occhi di tutti. Lo strato di carta vecchia serve da ottima base per la nuova cosicchè, finita la campagna elettorale, sui manifesti elettorali arrivano quelli pubblicitari: gli ultimi sono di tre giorni fa e raccomandano un incontro di boxe ed una serata musicale a Tor di Quinto. Ma a valle delle elezioni anche i personaggi politici non disdegnano di ritornare sulla facciata della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.

 [GALLERY=417]

 L’ultimo arrivato lo fa per ringraziare i suoi elettori, al ché ci verrebbe spontaneo rispondere ma quale grazie, siamo noi a ringraziare sentitamente lei per aver privilegiato Largo Maresciallo Diaz. Sottolineando però subito dopo che un comunicato stampa, una lettera aperta ai  lettori, che avremmo anche noi pubblicato volentieri,  sarebbero stati strumenti molto più efficaci ma soprattutto molto, molto meno invasivi. (red.)

articoli correlati
6 Maggio – Europee: affiggere e non affliggere, questo è il problema
11 Maggio – Largo Maresciallo Diaz è terra di nessuno
6 Giugno – Rimosse a Roma 14 tonnellate di manifesti elettorali abusivi
15 Giugno – Rimosse ovunque ma non a Largo Maresciallo Diaz

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. In via dei due ponti hanno appena finito i lavori di rifacimento dei marciapiedi. Un lavoro inutile e costoso di cui si sarebbe potuto benissimo fare a meno.
    Se almeno avessero considerato l’idea di restringerli almeno da un lato della strada, dal momento che via dei due ponti non è una zona con intenso passaggio pedonale, per dare più spazio al parcheggio delle auto, sarebbe stata un’ottima iniziativa, ma così noi contribuenti ancora una volta abbiamo speso inutilmente altri soldi e non abbiamo risolto nulla e il problema serio del parcheggio su quella via, resta.
    Un grazie a chi ci ha pensato.

  2. Inutile?
    scusi ma io ci abito e quelli rifatti fino alla cassia erano in condizioni pietose…
    inoltre ho parlato con gli operai e mi hanno detto che devono fare ancora molti lavori sulla stessa strada per rifare altri marciapiedi e per creare dei posti auto lì dove si può restringere il marciapiede… per la cronaca deve essere almeno 1,50…. e dove li hanno rifatti saranno al massimo 1,50…. mentre quelli dell’ultimo tratto verso la cassia assai usati sono più ampi…
    ma lei ci abita qui? mah… per fortuna che chi ci amministra capisce noi residenti (per la cronaca ho ricevuto una marea di commenti positivi da parte di questi…).

  3. Gianni, una curiosità: tu hai ricevuto una marea di di commenti positivi ?!? E dove scusa ? Hai un tuo blog, ci vuoi dare l’indirizzo internet ? Sarei interessato a leggerli e ad aggiungere il mio. Grazie. Roberto

  4. Che centra via Due Ponti con i manifesti elettorali abusivi oggetto dell’articolo ? Per favore non sviate i discorsi perchè a me che abito a Ponte Milvio interessa che si discuta di questa situazione, dello scempio che si fa su questa piazzetta di Largo Maresciallo Diaz. Vorrei capire perchè si tollera che dal presidente del consiglio in giù tutti si sentano in diritto di mettere il loro manifesto, vorreri capire perchè come se non bastassero quelli della campagna elettorale, si debba abusare della nostra sopportazione anche dopo la campagna con i retorici ringraziamenti manifestati di nuovo abusivamente. E vorrei anche capire se la Direzione della Scuola Superiore dell’Amministrazione abbia mai denunciato questa situazione o se la sopporta in silenzio. Chiedo troppo ?
    Martina

  5. no roberto nessun blog o similare… come ti dicevo io ci vivo ed ho semplicemente parlato con amici e vicini…. così tanto per fare una chiacchera… comunque ha ragione martina, che c’entra via due ponti con il post?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome