Home AMBIENTE Via Mastrigli – passato lo sciopero gabbato lo santo

Via Mastrigli – passato lo sciopero gabbato lo santo

via mastrigliSono trascorsi 10 giorni da quando i cittadini di Via Mastrigli ed i loro solidali hanno interrotto lo sciopero della fame per via dell’approvazione all’unanimita’ da parte del Consiglio Comunale di Roma di una mozione nella quale “si impegna il Sindaco Alemanno e la Giunta ad attivare provvedimenti urgenti per porre fine al degrado del residence di Via Mastrigli“. Sono trascorsi 10 giorni e nulla e’ accaduto. E’ troppo chiedere che in 10 giorni qualcosa accadesse?

Un’ispezione, un sopralluogo, un segnale, nulla, nemmeno un SMS è arrivato dalle istituzioni al Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti che da oltre due anni sta dando l’anima per la risoluzione del problema, divenuto ormai quasi esistenziale per 203 famiglie.

A che pro ripercorrere le tappe dell’annosa vicenda dopo che quotidiani nazionali e locali, media on-line, TV nazionali, regionali e locali, sale consiliari municipali, comunali e regionali hanno trattato il tema divenuto ormai così famoso che forse sarà uno degli argomenti dei prossimi esami di maturità: “un caso emblematico del degrado socio-ambientale di Roma”.

“Via Mastrigli”: basta scrivere queste due parole in Google e, quand’anche comprese fra virgolette per restringere il campo della ricerca, appaiono oltre 9mila risultati. Chi l’avrebbe mai detto che una stradina senza uscita alla periferia nord di Roma assurgesse a tanta notorietà? Merito, o colpa, di una discarica abusiva di oltre 3mila mq di superficie e di 3 mt di profondità, di un immobile, pomposamente chiamato “residence”, vissuto, malgrado loro, da centinaia di extracomunitari, regolari e non, stipati in mini-mini-appartamenti fino a due piani sotto terra e merito, senza colpa, di un Comitato di Cittadini che rappresenta 203 famiglie di residenti, amanti delle loro case e del loro territorio, che si battono da Novembre 2006, ovvero da 31 mesi, vale a dire da 930 giorni senza soluzione di continuità per ottenere quanto è loro diritto chiedere: un vivere civile in un contesto civile.

Passata la festa gabbato lo santo. Terminato lo sciopero della fame sembra già calato il sipario su via Mastrigli. Eppure questa mattina alle 12 il Sindaco Alemanno è atteso in via Flaminia 872 per l’inaugurazione della nuova sede del XX Municipio. Che sia mai che un provvido consigliere (nel senso di fornitore di consigli) gli suggerisca di lasciare il Campidoglio con mezz’ora di anticipo e di allungare di poco il suo tragitto per vedere dov’è ed in quale situazione si trova via Mastrigli ? (Red.)

Chi ancora non fosse ancora a conoscenza del caso Via Mastrigli potra’ aggiornarsi cliccando qui

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. E’ estremamente significativo e, sottolineamo, GRAVE che il Sindaco Gianni Alemanno e l’Assessore all’Ambiente Fabio De Lillo siano stati chiamati in causa direttamente in Campidoglio da TUTTI i consiglieri comunali.

    Infatti, il consiglio comunale nella seduta del 21 maggio u.s.ha approvato all’unanimità la mozione del consigliere Athos De Luca nella quale si impegna il Sindaco e la Giunta ad attivare provvedimenti urgenti per porre fine al degrado del residence di Via Mastrigli, per la messa in sicurezza della struttura e dell’intera area circostante e la bonifica del parcheggio/discarica.

    I silenzi e le omissioni pilatesche da parte di Alemanno e De Lillo sono imbarazzanti e il richiamo al dovere amministrativo da parte del Consiglio sono da considerarsi più di una semplice tirata di orecchie, sono un bel calcio nel fondoschiena di chi dovrebbe farsi carico della SICUREZZA, della DIFESA DELL’AMBIENTE, della LEGALITA’.

    Da parte di Alemanno e di De Lillo non è venuto un solo segnale di vita.

    Il 6 e il 7 giugno i residenti del Villaggio dei Cronisti voteranno per eleggere al Parlamento Europeo i propri rappresentanti.

    Abbiamo visto molti manifesti in giro sulla Cassia e per Roma che invitano i cittadini a votare per questo o per quel partito.

    Il Comitato Civico dà la propria indicazione di NON-VOTO.

    Il Comitato Civico invita i cittadini a NON VOTARE PER IL PARTITO DEL SINDACO ALEMANNO E DI FABIO DE LILLO.

    Questi 2 signori e il loro partito NON CI RAPPRESENTANO a Roma e NON CI RAPPRESENTERANNO IN EUROPA.

    INCOMPETENZA e OMISSIONI di atti amministrativi dovuti SI PAGANO.

    ALEMANNO E DE LILLO, VERGOGNATEVI DI FRONTE ROMA E L’EUROPA E DIMETTETEVI.

    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti
    ccvcronisti@live.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome