Home AMBIENTE Stazione Farneto, dall’oblio alla ribalta

Stazione Farneto, dall’oblio alla ribalta

L’occupazione da parte di “Area 19” della Stazione Farneto, in via dei monti della Farnesina, riporta alla ribalta uno scandalo di 18 anni fa

[GALLERY=94]

8 Giugno 1990: a Roma si inaugurano i campionati mondiali di calcio e per l’occasione si inaugura la stazione delle Ferrovie dello Stato “Farneto” (nome ufficiale: Olimpico-Farnesina) in via dei monti della Farnesina, giusto alle spalle del Ministero degli Esteri. Stazione è un eufemismo perché altro non è che una semplice banchina con un solo binario dalla quale si snoda un tunnel pedonale di quasi 200 metri che sfocia all’aperto, nel meraviglioso verde del Parco di Monte Mario. Una stradina, asfaltata per l’occasione, la congiunge poi allo Stadio Olimpico, previo attraversamento della trafficatissima via Olimpica. Farneto fu costruita in quattro e quattr’otto per l’occasione (unitamente alla stazione di Vigna Clara della quale abbiamo già parlato il 2 Gennaio) ma il progetto fu così approssimativo che – ad esempio – l’attraversamento della via Olimpica fu possibile solo grazie ad un ponte di legno realizzato dal corpo del Genio dell’Esercito la notte prima dell’inaugurazione.

La stazione di Vigna Clara costò 75 miliardi di lire e quella di Farneto oltre 15, comprensivi della costruzione di un piano rialzato ad uso uffici delle Ferrovie dello Stato (mai utilizzati), di un ampio parcheggio e di un sistema elettronico per regolare l’afflusso dei passeggeri. Farneto fu usata solo per 8 giorni, in occasione delle partite giocate allo stadio Olimpico, e si calcola che in tutto vi scesero e vi risalirono circa 60.000 persone. Al termine dei Mondiali la stazione venne chiusa, da allora non è stata mai più utilizzata ed è stata addirittura cancellata dal tracciato ferroviario dell´anello Roma Nord.

23 Aprile 2008: dopo 18 anni (nei quali si è tenuta anche un´inchiesta della magistratura finita con il proscioglimento degli indagati per sprechi “perché il fatto non sussiste”), la stazione fantasma torna alla ribalta a seguito della sua occupazione da parte di componenti dell’Associazione Area 19 che si definisce appartenere alla destra radicale. Circa 60 giovani si sono insediati nelle centinaia di metri cubi di ferro, vetro e cemento ricoperti dalla vegetazione e dai rovi, fra montagne di copertoni, di rifiuti, cavi elettrici e strutture fatiscenti nelle quali regnano muffa e umidità. E da subito hanno cominciato a ripulire i locali e la facciata, controllati periodicamente, ma da lontano, da un’auto della Polizia.

Qual’è il loro obiettivo ? Lo abbiamo chiesto ad Andrea Antonini, leader di Area 19 e probabile prossimo consigliere del XX Municipio per La Destra (avendo raccolto 3057 voti) che ci ha detto: ” la stazione Farneto, grazie al nostro lavoro, sarà uno sito aggregativo all’interno del XX Municipio da usare come spazio per attività sportive, culturali e ricreative dei giovani del territorio. Un’area che intendiamo strappare allo spreco riaffermando la sovranità popolare sugli spazi creati con fondi pubblici e lasciati al degrado in un municipio in cui mancano in assoluto luoghi di aggregazione per i giovani. Ma per riuscirci abbiamo bisogno, oltre che della solidarietà dei residenti, anche di forti aiuti economici; stiamo quindi pensando a delle iniziative di autofinanziamento – come ad esempio un concerto di gruppi rock nel giorno del primo maggio – che ci consentano di raccogliere il denaro che servirà all’acquisto dei materiali necessari ai lavori di ripristino, lavori che effettueremo con le nostre mani grazie alle decine e decine di ragazzi che credono in questa impresa“.

In sintesi: un’occupazione a fin di bene ? Un’occupazione da approvare per le sue finalità o da disapprovare in quanto di per sé atto non legale ? Andrea Antonini, in un commento recentemente scritto su VignaClaraBlog dice la sua: ” precisando che tutti i cittadini sono invitati a visitare la struttura ed a partecipare alla vita che vi si svolge (soprattutto nel momento iniziale, qualunque aiuto è più che gradito), vorrei aprire un piccolo sondaggio fai da te su quali si ritiene debbano essere le attività da svolgere all’interno. Sarei inoltre curioso di sapere quanti pensano che, trattandosi di atto illegale, sia comunque illegittimo ed ingiusto e quanti ritengano che strappando l’ennesimo inno allo spreco dall’abbandono si sia anche effettuata opera di prevenzione verso quegli episodi di cronaca che, generalmente, si consumano in luoghi del tutto simili a questo. Gradito per me sarebbe anche conoscere il parere dei politici che frequentano le pagine di VignaClaraBlog“.

Qui di seguito potrete vedere alcune foto scattate durante l’incontro ma ricordate: Il box per i commenti è, come sempre, a vostra disposizione. Sia per dare il vostro parere sull’iniziativa di Area 19 sia per rispondere direttamente ad Andrea Antonini.

[GALLERY=95]

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Se ne sono occupati in tanti: Magistratura, Trasmissioni televisive, Giornali, Blog ed esponenti del Comune e del XX Municipio.
    Ma con gli stessi risultati:
    PAROLE, PAROLE, PAROLE

    Questi ragazzi hanno fatto comunque qualcosa di concreto in barba alla comune indifferenza.

  2. Credo che nonostante l’occupazione sia un atto illegale, nella fattispecie sia impossibile da condannare.. I responsabili della occupazione hanno sicuramente tirato un sasso nello stagno già frequentato visto che della stazione Farneto si erano già occupati Striscia La notizia ed altri ma senza nessun risultato concreto se non quello di far venire il sangue marcio ai cittadini.. Meglio delle iniziative ancorchè discutibili che l’oblio assoluto

  3. Nessuno credo potrà giudicare più incivile questa azione di quanto lo sia stata a suo tempo la costruzione, il mancato uso e tutti i denari spesi.
    Denari di tutti andati solo ad alcuni per l’utilizzo di nessuno nell’indifferenza totale.
    Tutto il mio appoggio quindi ed appena mi sarà possibile sarà un piacere venire di persona a verificare.
    Detto questo e fatto questo, Antonini , Iannone , avete una grossa responsabilità, ora.
    Non siete responsabili di una ciurma di sbandati, tossicodipendenti o delinquenti abituali bensì di “normali” ragazzi che magari a differenza di tanti altri si sentono animati da impegno e partecipazione.
    E qui finisco, ci siamo capiti credo, anzi ne sono certo.

    Un saluto.

  4. Che sia un atto illegale, nel senso più stretto della parola, non c’è dubbio. Che vada contro la “Giustizia” (chiedo scusa per la G maiuscola) anche. Ma come non ricordare le parole di Henry Louis Mencken “L’ingiustizia è relativamente facile da sopportare; quella che proprio brucia è la giustizia”? Non mi sembra che vi possa essere un commento più idoneo, visto che i pubblici amministratori, autori di questo ennesimo scempio e di questo ulteriore spreco di (nostri) soldi, sono stati assolti perchè il fatto non sussite! Perciò, ragazzi, questa volta sono con voi. Buon lavoro.

  5. Sono sconcertata che decine di persone si sono messe a discutere e a litigare in modo sterile sull’uscita di un nuovo giornale, che sarà pure un fatto importante, e nessuno invece ha ritenuto importante commentare questo fatto dell’occupazione. Io personalmente sono molto combattuta. Da un lato, da giovane di 23 anni, mi sento vicina a questi ragazzi, anche se non condivido tutte le loro idee politiche, perchè l’hanno fatto proprio grossa ! occupare quel posto abbandonato da tanti anni e che è costato una montagna di soldi pubblici mi è sembrato un atto forte, perchè quantomeno hanno sollevato tutti i veli del disinteresse. Poi ne vogliono fare un centro per i giovani, per fare musica, arte, incontri. Bene ! ma a condizione che non sia solo per i giovani come loro ma per “tutti” i giovani del quartiere, che a parte bivaccare su ponte milvio o davanti ai bar della piazza non sanno dove andare perchè non è mai stato fatto nulla per noi. Non so se dobbiamo ringraziare il municipio, il comune, la regione non ho chiare le competenze ma resta il fatto che per i giovani della zona nessuno ha mai fatto niente, trane che riempirsi sempre la bocca di tante parole. Però dall’altro lato, questa cosa di occupare una proprietà è un fatto illegale a quanto ne so io, e andare contro la legge non è mai corretto, mi fa paura sentirmi d’accordo con chi viola la legge. Ecco, sono combattuta e non so a quale mia metà dare ragione. Io la penso così e quindi mi piacerebbe tanto sentire altri pareri da qualcuno della mia età. Grazie. Martina.

  6. Martina , perchè non provi a farci un salto e vedere che aria tira ?
    Se ti piace partecipi e ci fai partecipi.
    Se non ti piace te ne vai e ci fai partecipi lo stesso.

    Che te ne pare ?

  7. Intanto, per chi volesse approfondire la lunga storia dell’anello ferroviario romano (anzi degli anelli) c’è questa pagina: http://www.ilmondodeitreni.it/anello.html (scusate l’autocitazione)
    Detto ciò, c’è da dire che intanto la stazione non è funzionale all’esercizio ferroviario in quanto totalmente fuori norma. Il sistema di controllo degli accessi non fu messo tanto per buttare i soldi, ma in quanto in galleria (dove sconsiglio di scendere in quanto RFI ed Italferr potrebbero prenderla con molta poca filosofia….fino a poco tempo fa c’era il cantiere di adeguamento) non esisteva banchina,DI fatto venne realizzato un marciapiede al posto di uno dei due binari. Inoltre la stazione manca di adeguate vie d’accesso….
    Detto ciò c’è da dire che ben vengano gli spazi per i giovani, sarebbe sempre auspicabile una parvenza di legalità,questo perchè,anche se abbandonata,l’area è sempre di Ferrovie dello Stato. Semmai, e questo è l’auspicio, se,come credo, l’area non servirà più all’esercizio ferroviario il Municipio o chi per lui potrebbe farsi garante con i proprietari (FS) x far diventare tutta l’area fruibile (anche se piuttosto isolata),attuando alcuni interventi primari di bonifica
    Un saluto.
    PS
    Non smarrite il cartello con scritto Olimpico – Farnesina…è un vero cimelio!!!

  8. Sono un appassionato di treni. Devo dire che sapere che quel posto così putrido ora in qualche modo è rinato mi fa piacere. Mi piacerebbe visitarlo.

  9. x Dan

    non ci sono problemi in tal senso. Anzi, assisterai ad uno spettacolo che ti lascerà senza fiato (se non altro per lo spreco di soldi pubblici)

    Puoi recarti tutti i giorni lì – via dei monti della farnesina – e chiedere ai ragazzi che, giorno dopo giorno, 24 ore al giorno – fanno il turno per difendere l’area da intrusioni o vandalismi.

    Andrea Antonini
    Capogruppo La Destra
    XX Municipio

  10. A me piacerebbe che un giorno finissero i lavori dell’anello ferroviario e risorgesse la stazione. la cintura nord è essenziale per unire 2 zone collegate male e liberare le strade, avvicinando questa città all’Europa. E riguardo alla stazione c’era stato un progetto di fare un collegamento con l’aria di v . Igea e la zona di M. Mario.
    Ma a tutt’oggi pare che l’unica cosa che interessa a questa classe dirigente sia come vendere più auto Fiat sfruttando i lavoratori.

  11. mio padre è morto nel 1989,lavorava dentro quel tunnel……ha che è servito realizzare quella stazione? ha togliere un padre a una figlia di allora 13 anni.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome