Home ATTUALITÀ Venerdì 15 dicembre nuovo sciopero del trasporto pubblico

Venerdì 15 dicembre nuovo sciopero del trasporto pubblico

sciopero_bus_adn_3-2-300570685.jpeg
Galvanica Bruni

Venerdì 15 dicembre il trasporto pubblico è a rischio a livello nazionale per lo sciopero di 24 ore indetto dai sindacati Cobas, Adl, Sgb, Cub Trasporti, Orsa e Usb.  Si tratta della mobilitazione che era stata indetta lo scorso 27 novembre ma poi rinviata dopo la precettazione del ministro dei Trasporti Matteo Salvini che aveva «ridimensionato» la protesta da 24 a 4 ore.

Roma sarà dunque nuovamente interessata da uno stop ai trasporti. A incrociare le braccia venerdì 15 dicembre saranno i lavoratori di Atac e Roma Tpl con il rischio di fermo di bus, tram, metropolitane e delle oltre cento linee bus periferiche gestite dalla seconda. A fermarsi anche i lavoratori Cotral con il blocco dei pullman regionali, della Ferrovia Roma-Lido e della Roma Nord.
Il servizio sarà comunque regolare fino alle 8:30 e dalle 17 alle 20.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Le motivazioni principali poste alla base dello sciopero USB sono il il libero esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali; la sicurezza dei lavoratori e del servizio con l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro; il salario minimo per legge a 10 euro l’ora.

Da parte delle organizzazioni Cobas, Adl, Sgb e Cub Trasporti la richiesta è di un aumento salariale di 300 euro; riduzione dell’orario di lavoro da 39 a 35 ore settimanali a parità di salario;  l’adeguamento delle tutele sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, nonché per gli utenti del servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome