Home ATTUALITÀ Fleming, al via bonifica e derattizzazione dell’area privata zona via Monterosi

Fleming, al via bonifica e derattizzazione dell’area privata zona via Monterosi

bonifica-area-privata-via-monterosi
Promuovi la tua attività commerciale a Roma Nord

Chi la dura la vince, dice il proverbio. Dopo diverse segnalazioni, il XV Municipio ha finalmente avviato le operazioni di bonifica dell’area privata di via Monterosi in danno ai proprietari. Proprio quell’area nella quale è stata accertata la presenza di una nutrita colonia di topi soliti essere avvistati in tutta la zona.

Nella giornata di venerdì 23 settembre, armata di ruspa e motoseghe, Ama ha proceduto allo sfalcio della vegetazione, allo sradicamento dei rovi, alla potatura degli alberi e alla pulizia di una porzione dell’area, quella subito confinante con l’area cani di via Valdagno. Ma è solo l’inizio.

Si tratta, infatti, di un triangolo di verde di ben 2mila metri quadri, di proprietà privata, che si estende fino all’area parcheggio dell’Hotel Colony di via Monterosi, lasciati all’incuria e stracolmi di vegetazione incolta e rifiuti; un luogo ideale per lo stanziamento di colonie di topi, come ha rilevato il Dipartimento Ambiente in seguito a un sopralluogo.

Ribera: “Concordati impegni con i proprietari”

I proprietari dell’area sono due istituzioni religiose: la Fondazione Fabozzi, di sede a Napoli, e l’Ente dell’Ordine dei Chierici della S. Madre di Dio. Negli anni, nonostante le ripetute segnalazioni da parte dei cittadini, non si sono mai curati della sua manutenzione.

A seguito della necessità di un intervento a causa della presenza di colonie di topi, il Municipio si è mosso formalmente intimando di procedere con la bonifica. Stante il loro silenzio, e dopo addirittura la morte di una cane per leptospirosi, il Municipio è intervenuto in danno, cioè con addebito ai proprietari del costo dei lavori .

“Nella giornata di oggi ci siamo occupati della vegetazione, domani (24 settembre) ci occuperemo di ultimare l’intervento e di rimuovere il verde e tutti i rifiuti ingombranti”, ci spiega Marcello Ribera, assessore alle politiche ambientali, presente durante le operazioni insieme a Tatiana Marchisio, assessore alla Scuola.

Proprio nella giornata di avvio ai lavori, i proprietari si sono fatti vivi chiedendo un incontro. “Nel pomeriggio, abbiamo effettuato un sopralluogo con i proprietari del terreno, con i quali abbiamo concordato degli impegni. – continua Ribera – La settimana prossima si occuperanno delle operazioni derattizzazione di tutta l’area e, successivamente, continueranno le attività di rimozione dei rifiuti e bonifica nell’area restante”.

Le derattizzazioni saranno periodiche, ci assicura: “Avverranno ogni 15 giorni. I proprietari si occuperanno di farle eseguire nella loro area, mentre noi ci occuperemo delle zone pubbliche, quindi strade, caditoie e parchi”.

“Inoltre – aggiunge – abbiamo chiesto di chiudere l’area affinché non sia più liberamente accessibile”. La prossima settimana, inoltre,la Polizia locale rimuoverà la macchina abbandonata da molto tempo all’interno.

Tabarrini: “Felici, ma non è finita”

“Come comitato siamo molto felici, finalmente i cittadini hanno avuto la soddisfazione di vedere che il Municipio ha preso in considerazione le varie segnalazione fatte nel tempo. Tuttavia è un primo intervento e non risolutivo”, dichiara Cristina Tabarrini, presidente del Comitato I Quartieri della Stazione di Vigna Clara e Dintorni.

“Ringraziamo il Municipio per aver accolto il nostro grido di allarme, ma non basta, nei prossimi giorni ci aspettiamo la derattizzazione, il proseguo delle attività di bonifica e che l’area venga definitivamente chiusa e recintata. Infine, se si aprirà di nuovo la trattativa per l’adozione dell’area, noi siamo pronti a prendercene cura e soprattutto a renderla fruibile ai cittadini”.

Giulia Vincenzi

Fleming, 2mila metri quadri privati di degrado

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. Che efficienza e determinazione!!!!!!! Comunque tutta da verificare con i fatti e con risultati.
    Per ora l’inefficienza del Municipio è costata al mio cane.
    Leggo che a presenziare all’evento è intervenuta l’assessore alla Scuola, la Sua presenza è per apprendere come rimuovere i ratti che vivono a ridosso e forse anche dentro la scuola Media Nitti?
    Leggo: ” noi ci occuperemo delle zone pubbliche, quindi strade, caditoie e parchi”. Si riferisce solo all’area di via Monterosi o intendono finalmente effettuarla nell’intero Municipio. Creare un’area “RATTI FREE” è perfettamente inutile, il decoro ed igiene della città dovrebbe iniziare con l’assidua pulizia delle strade e dei giardini.
    Ultima nota avrei gradito ricevere una telefonata da parte del Municipio in relazione agli eventi che hanno causato la morte del mio adorato Iker, evidentemente tale sensibilità non rientra nei loro standard.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome