Home CRONACA Con le bighe a Viterbo ci si arrivava prima

Con le bighe a Viterbo ci si arrivava prima

traffico
immagine di repertorio
Promuovi la tua attività commerciale a Roma Nord

All’imbocco della Cassia Bis, dopo che era stato una quarantina di minuti in fila cercando di incanalarsi nel traffico, l’autista di un camion ha inavvertitamente lambito un’auto che procedeva a passo di lumaca al suo fianco.

Il doppio colpo di pedale sul freno non l’ha aiutato a inchiodare il bisonte della strada e il parafango posteriore destro del suv guidato da una signora (che è andata subito su tutte le furie dopo il crash) è diventato poltiglia.

Così, bloccato l’unico accesso alla strada che porta nella Tuscia, s’è innescata una sinfonia di musica da clacson che ha fatto da ouverture e nel contempo sottofondo alla furibonda litigata fra la signora e l’autista.

Il giorno prima stessa tiritera, identico traffico e tempi persi in fotocopia, bruciate le frizioni di una Fiat 500 e di una Renault Clio, vuoi perché magari erano usurate e vuoi perché il “frizione-prima-frena-frizione” ha aggravato la meccanica delle due auto.

Altro caos, fila che s’allunga, gente che dimentica la fede cristiana dimostrando di conoscere tutti i santi del calendario e rabbia che s’accumula. E che prima o poi verrà sfogata chissà su chi…

Uno qualche notte fa è rimasto senza benzina proprio lì, in quella strettoia, e s’è creata la fila pure all’una di notte, basta poco per ingrossare il traffico, pure se a sorvegliare la strada c’è la luna.

Ormai i romani ci hanno fatto il callo a certa noncuranza nei confronti del cittadino che mentre staziona su quel fazzoletto di strada, pur avendo letto che questi lavori finiranno il 23 settembre, comincia a pensare seriamente che stavano meglio gli antichi romani. Con le bighe a Viterbo ci si arrivava prima.

Massimiliano Morelli

Cassia Bis, il 23 settembre finiscono i lavori

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome