Home CRONACA Nata l’associazione “Amici del XV Municipio”, ambiente e cultura le priorità

Nata l’associazione “Amici del XV Municipio”, ambiente e cultura le priorità

associazione-amici-del-xv
Ottica Artigiana Carli

“È nata l’associazione culturale Amici del XV Municipio di Roma, con la quale intendiamo fare opere di pulizia e di riqualificazione artistica ed ambientale del nostro territorio”. Ad annunciarlo è l’artista Francesca Merola, Presidente dell’associazione.

Secondo lo Statuto, tra i principali compiti dell’associazione rientrano “la valorizzazione del tessuto sociale con la programmazione e l’organizzazione di iniziative culturali, educative, ambientali e ricreative aperte al contributo e alla partecipazione dei residenti nel territorio”, ma anche “l’adozione di spazi pubblici […] per realizzare progetti di ripristino o riqualificazione dello spazio […] che saranno destinati alla collettività come stimolo alla coesione sociale, alla partecipazione attiva dei cittadini alla vita di quartiere”.

Uno degli obiettivi è, quindi, quello di prendersi cura delle aree verdi del XV Municipio per renderle accessibili e godibili al pubblico, con l’idea di creare diversi modelli di riqualificazione e decoro da proporre anche in altre zone della Capitale sfruttando il fatto che il territorio del XV presenta peculiarità differenti da quartiere a quartiere.
“È interessante studiare le caratteristiche di tutto il XV Municipio e capire come migliorarlo”, spiega infatti Francesca.

Possono aderire all’associazione tutti i cittadini che abbiano compiuto il 18mo anno di età, che ne condividano gli scopi e che intendano impegnarsi per la loro realizzazione. “L’obiettivo è di coinvolgere più persone possibili, i curiosi, gli appassionati e anche coloro che vogliono fare qualcosa per migliorare il proprio quartiere”, dichiara a VignaClaraBlog.it la Presidente.

Nell’ambito dei rapporti con il settore scolastico, invece, l’idea è quella di organizzare iniziative di formazione su temi relativi alla cura del verde, con la realizzazione di modelli da adottare nelle scuole, anche attraverso attività artistiche.

I soci fondatori, infatti, già in fase di costituzione dell’associazione avevano partecipato alla pulizia di alcune strade di Collina Fleming aiutando i ragazzi dell’IC Nitti nell’installazione di due opere di yarn bombing e nella realizzazione di un mosaico sul bancone abbandonato del fioraio.

Anche se il lunedì successivo con grande delusione degli alunni vi era nuovamente la sporcizia per le strade, le installazioni sono rimaste nel cuore dei ragazzi che l’hanno realizzata: “Per loro è stato motivo di orgoglio. Ora è un punto di ritrovo degli studenti della Nitti, ma anche delle persone che passano lì”, racconta Francesca Merola.

Il prossimo 2 aprile, nell’ambito della giornata battezzata “Roma cura Roma” organizzata dal Campidoglio in collaborazione con numerose associazioni ambientaliste e dedicata alla pulizia della città con piccoli interventi di manutenzione di giardini e aiuole, rimozione di manifesti abusivi, raccolta di cartacce e bottiglie, anche l’associazione “Amici del XV Municipio” sarà sul campo.

Ha infatti organizzato un evento per la pulizia del cosiddetto ‘Parco degli Uncinetti’, un luogo riqualificato proprio dalla stessa Merola con alcuni volontari, ubicato a metà di via Cortina d’Ampezzo (vi si accede dal cancello posto subito dopo il civico 216).
“Cerchiamo così di sopperire alle mancanze dei molteplici proprietari di quel luogo con attività di pulizia, creando sentieri accessibili a tutti ma senza agire in modo invasivo, visto che si tratta di una zona protetta”, spiega Francesca.

Guardando al futuro, l’associazione ha partecipato ad alcuni bandi promossi dal Comune di Roma nell’ambito dell’annuale manifestazione “Estate Romana”.
“Abbiamo scritto un progetto da realizzare in collaborazione con alcune scuole del Municipio, tra cui una di Isola Farnese, per coinvolgere e sensibilizzare bambini e ragazzi in attività artistiche e di riqualificazione del territorio in cui vivono”.

Infine, rispondendo alle critiche di coloro che non vogliono scendere in campo in prima persona nella cura della città poiché ritengono che la tassa pagata all’AMA sia più che sufficiente, Francesca Merola, sorridendo, manda a dire: “Le nostre sono attività sociali per chi ama il proprio territorio e ha voglia di migliorarlo, per chi lo fa con piacere. A prescindere da chi ne ha la stretta competenza”.

Caterina Somma

Quel parco sorto dal nulla in Via Cortina d’Ampezzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. Ottima iniziativa. Anche se in sordina, a ridosso del
    Giardino del Parco Volpi, in via della Farnesina, c’è un signore, Bruno, che da anni si occupa da solo della cura quel giardino. Magari coinvolgerlo in altre attività potrebbe essere bello!
    Il mio papà, che purtroppo ora non c’è più, in passato aveva creato una cosa simile, per cui sono contenta che si coinvolgano i cittadini per questo tipo di progetti!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome