Home ATTUALITÀ Giancarlo Ruta, musicista eclettico, curioso e instancabile

Giancarlo Ruta, musicista eclettico, curioso e instancabile

Giancarlo-Ruta
Beauty journal

Giancarlo Ruta ha una voce profonda e avvolgente e una personalità trascinante, potrebbe convincere chiunque a raggiungerlo nel suo studio a Valle Muricana, a Roma Nord, per imparare a suonare o a cantare. Noi non abbiamo resistito.

“Faccio l’arruffone tuttologo e mi diverto tantissimo”, così si definisce Giancarlo con ironia. In realtà il maestro Ruta è un artista eclettico, curioso e instancabile, innamorato della musica in tutte le sue declinazioni. “Fare musica per me significa condividere un privilegio”.

Arrangiatore, compositore, cantante, musicista e docente, figlio di due cantanti lirici. “A Natale a casa si cantava La Tosca, quindi sono molto legato alla musica classica; ma è difficile dire a quale genere senta di appartenere, perché quando la musica è bella non ha confini né tempo. Mi piace l’essenza della musica, trovo il bello in tutto, da Bach a Fabrizio Moro”.

“Negli anni ‘70 e ‘80, a Roma c’era un vero fermento musicale – ci racconta – con tante orchestre e teatri. Ricordo che mamma ci portava alle prove all’auditorium della Rai e durante gli intervalli mi mettevo al pianoforte.  Dai grandi musicisti e amici che ho avuto la fortuna di avere accanto ho imparato molto, soprattutto la regola dell’umiltà. D’altronde i più bravi sono quelli più disposti ad aiutarti”.

Con il disco “Yo soy latino” Giancarlo Ruta si è fatto conoscere in tutto il mondo, una sintesi di brani messicani, argentini e brasiliani, un latin jazz del quale va molto orgoglioso.

La musica è per tutti

“La voce è uno strumento che hai dentro, – ci spiega Giancarlo – impone una serie di meccanismi invisibili e complessi. Devi lavorare con dei sensi che non puoi vedere, dall’elaborazione della frequenza che sta nel cervello alla tensione delle corde vocali”.

Sono circa 40 gli allievi che lo seguono, con diverse età e caratteristiche, ma secondo lui c’è speranza anche per gli stonati. “L’intonazione è misteriosa, anche l’orecchio che non riconosce alcune frequenze può essere educato. Ho scoperto che la musica è per tutti e tutti dovrebbero avere il piacere di poter fare musica”.

Ci sono, però, delle regole e dei consigli da seguire. “La musica insegna valori importanti. Ci vuole dedizione e costanza, si deve essere puntuali e preparati, insomma bisogna avere un atteggiamento da professionista. Inoltre, far parte di un gruppo vuol dire aver rispetto degli altri e sapere quando è il nostro momento”.

Il pop di oggi

“Per quanto ci siano dei giovani cantanti molto bravi, il pop di oggi è un po’ stretto, troppo semplificato. Nei loro brani c’è scarsa attenzione e poca ricerca, ci si accontenta un po’ di più, ma mi rendo conto di essere io fuori tempo”.

Secondo il maestro, la colpa in parte è del modello dato dai talent show. “Luoghi terrificanti e non educativi, dove è prevalente la gara, il successo veloce, l’immagine accattivante. Creano una dinamica che non mi piace e credo non è questo l’insegnamento della musica. Ai miei ragazzi dico di andare a fare la gavetta nei pub, come hanno fatto molti dei grandi artisti”.

A Valle Muricana l’arte ha poco spazio

Nato a Vigna Clara, Giancarlo Ruta si è trasferito a Valle Muricana appena ventenne, dove ancora oggi vive e lavora. “Sono molto legato a questo quartiere, dove purtroppo il Municipio dedica pochissimo spazio alla musica e all’arte in generale. Ma non smetterò mai di proporre concerti o spettacoli”. Per il Natale appena passato, per esempio, ha organizzato un concerto nella chiesa Santi Elisabetta e Zaccaria di via Sulbiate.

Presto, invece, lo vedremo a Labaro, sul palco del teatro Le Sedie in via Veientana Vetere 51, per uno spettacolo molto originale: “Sarà una serata letteraria, porteremo scritti, poesie, piccoli racconti di gente comune. Ci sono tante persone che scrivono testi meravigliosi, da leggere e recitare”.

Giulia Vincenzi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome