Home ATTUALITÀ Grottarossa, un muro pericolante preoccupa i residenti di via Veientana

Grottarossa, un muro pericolante preoccupa i residenti di via Veientana

via-veientana
Galvanica Bruni

Dopo lo scavo di 3 mq a Grottarossa, abbandonato da oltre due anni e ora finalmente richiuso – per cui in 24 mesi non erano bastate 30 mail di segnalazione ad Acea da parte dei cittadini per risolvere la questione – questa volta è toccato ai residenti di Via Veientana rivolgersi esasperati alla nostra redazione per segnalare un altro problema che da mesi affligge il loro quartiere.

A preoccuparli, è un muro pericolante che costeggia la carreggiata dopo il civico 3, a rischio crollo da oltre cinque mesi.

La primavera scorsa, dopo che il muro di contenimento evidenziava delle crepe, hanno apposto a protezione la rete arancione; a quel punto pareva dovessero iniziare i lavori ma da quel momento nulla più si è mosso” – racconta il residente che ha inviato la segnalazione a VignaClaraBlog.it.

Poco più di cinque metri di blocchetti di tufo – con un’evidente spaccatura – che pericolanti ogni giorno rischiano di venire giù invadendo le due corsie di Via Veientana, che dopo il primo intervento, ha subito ovviamente un restringimento della carreggiata.

La via è a doppio senso – continua il residente – ed è praticamente l’unica strada percorribile da chi ogni giorno da quelle zone limitrofe deve raggiungere altri quartieri. Oltre al pericolo quindi c’è un problema evidente di viabilità”.

Il punto è proprio questo, a preoccupare chi vive in zona non è soltanto il fatto che prima o poi quel muro venga giù, trascinando con sé anche la rete arancione a protezione, ma anche e soprattutto il traffico, soprattutto ora dopo il rientro dalle ferie estive.

Già durante l’estate abbiamo subito notevoli disagi – prosegue un altro residente – perché con il restringimento della carreggiata le macchine avevano non poche difficoltà nel passaggio su quel tratto di strada; ma ora è settembre e sono riprese le scuole, rischiamo la paralisi ogni giorno”.

Proprio come per il guasto di Via Longone Sabino anche in questo caso sembrerebbe esserci stato un problema con Acea: al di sopra del costone insistono infatti dei condomini, da quelle palazzine proveniva il guasto che ha interessato la parete, guasto che però a detta della Multiservizi sarebbe stato sistemato.

In realtà però sembrerebbe che proprio da quella voragine abbia continuato a scendere acqua, che infiltrandosi nel muro di Via Veientana, ha provocato la spaccatura. Quello che non è ancora chiaro è però di chi sia davvero la competenza, considerato che secondo alcuni residenti e commercianti di zona quel muro sarebbe della stessa proprietà delle palazzine che si trovano al di sopra della parete.

Abbiamo già fatto diverse segnalazioni, ad Acea e anche agli uffici del Municipio XV, ma senza esito positivo – proseguono – intanto però l’infiltrazione continua, il rischio è sempre maggiore e il traffico pure. A regolare la viabilità fino a qualche tempo fa c’era un semaforo a senso alternato, poi lo hanno tolto, dicevano che la notte si rubavano tutto”.

Il timore dei cittadini è che possa ripetersi quanto successo a fine agosto nel tratto di Via Cassia a La Giustiniana, dove per giorni, proprio a causa dello stesso problema verificatosi su Via Veientana – la strada è rimasta chiusa al traffico in entrambe le direzioni causando enormi disagi alla viabilità.

Quando Via Cassia è stasa chiusa all’altezza di Via Igino Lega per quattro giorni tutta Roma Nord ha risentito dell’interruzione; in quel tratto però almeno, a parte i grossi disagi per chi viaggiava con i mezzi, c’erano delle alternative valide da percorrere. In questo caso la chiusura della strada sarebbe davvero un dramma perché non ci sono altre soluzioni percorribili. In attesa che si intervenga con i lavori sulla parte chiediamo che almeno sia messa in sicurezza la carreggiata, per lo meno puntellando il muro per fare in modo che non crolli– ha concluso il residente che ha inviato la segnalazione.

Ludovica Panzerotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome