Home TEMPO LIBERO Auditorium, l’Ulisse secondo Nicola Piovani

Auditorium, l’Ulisse secondo Nicola Piovani

Nicola-Piovani

Domenica 18 luglio, con inizio alle ore 21, la Cavea dell’Auditorium “Ennio Morricone” ospiterà “i viaggi di Ulisse”, un concerto di e con Nicola Piovani. Inserito nella rassegna estiva “Si può fare”, l’evento si profila come “un racconto in musica per strumenti che si concertano con voci registrate”.

È lo stesso Piovani – 75 anni e una valanga di riconoscimenti, fra i quali un premio Oscar nel 1999 – a illustrare le caratteristiche di questo “concerto mitologico”, che si piazza al crocevia fra la musica e il teatro. “I temi del racconto sono le emozioni che mi hanno lasciato le letture e l’immaginazione di alcuni viaggi di Ulisse, personaggio vecchio di tre millenni e figura di un fascino e di una meraviglia ancora oggi indecifrabili”.

Ovviamente con la musica strumentale” – prosegue il compositore, direttore d’orchestra e pianista – “non raccontiamo i fatti che solo la parola può descrivere. Ma la musica può tentare di materializzare la commozione che quei fatti suscitano”.

L’organico comprende il pianoforte (Nicola Piovani), il contrabbasso (Marco Loddo), il sax e il clarinetto (Marina Cesari), il violoncello e il mandoloncello (Pasquale Filastò), la batteria e le percussioni (Ivan Gambini), la tastiera elettronica e la fisarmonica (Sergio Colicchio).

In video attori del calibro di Carlo Cecchi, Massimo Popolizio e Paila Pavese (solo per citarne alcuni) reciteranno versi di Joyce, Omero, Kavafis, Saba e altri.

Per il programma completo del festival “Si può fare – Cavea” si può cliccare qui, mentre per le norme di sicurezza per accedere ai concerti si può cliccare qui.

I biglietti possono essere acquistati on line (www.ticketone.it) o alla biglietteria centrale dell’Auditorium, che è aperta tutti i giorni dalle 11 alle 18. Prima di procedere all’acquisto è necessario prendere visione del regolamento (clicca qui e qui) e compilare l’autocertificazione (scaricabile qui).

Giovanni Berti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome