Home ATTUALITÀ Covid, ricrescono i casi nel XV. I dati di ogni quartiere

Covid, ricrescono i casi nel XV. I dati di ogni quartiere

obbligo-mascherina

Dall’analisi della mappa analitica gestita dal Seresmi, il Servizio Regionale per Epidemiologia, Sorveglianza e Controllo Delle Malattie Infettive, aggiornata in queste ore, si apprende che i romani contagiati da covid dall’inizio della pandemia a domenica 21 febbraio sono 115.291.

Rispetto alla precedente fotografia del 14 febbraio, quando ne furono contati in tutto 112.271, l’incremento in una settimana è stato +3020. Un dato quindi ancora in calo se pensiamo che una settimana prima era stato di +3120, due settimane prima +3180 e al 31 gennaio +3282.

E’ bene ricordare, per evitare confusione nella lettura dei dati, che la mappa del Seresmi descrive l’incidenza cumulativa dei casi covid-19 da inizio epidemia. Quindi non si tratta del numero dei casi attualmente positivi bensì del numero di casi complessivi dall’inizio dell’emergenza.

Inversione di tendenza nel Municipio XV

A Roma Nord, il territorio del XV Municipio aveva fatto registrare una crescita contenuta da metà dicembre; da allora, infatti, ogni settimana l’incremento era stato intorno ai 250-230 casi per poi ridursi a 123 al 31 gennaio.

Purtroppo tocca invece registrare un’inversione di tendenza che si sta facendo strada nelle ultime tre settimane. Al 21 febbraio il totale dei casi di contagio da inizio pandemia è infatti 6.491.

L’incremento sulla settimana precedente è stato di +186 che fa seguito al +138 di due settimane fa e al +123 di tre settimane fa.

Contrariamente al trend complessivo della capitale, nel Municipio XV i casi di contagio hanno ripreso ad aumentare di settimana in settimana per cui restano forti le solite raccomandazioni: mascherine e distanziamento, sempre e ovunque quando si è fuori casa.

Il XV quartiere per quartiere

+44 a Tomba di Nerone, +27 nell’area Ponte Milvio-Farnesina-Vigna Clara, +24 a La Storta-Olgiata sono questi i numeri dei quartieri dove è stato registrato il maggior aumento di casi rispetto alla scorsa settimana.

Ma anche +20 a La Giustiniana, +19 a Labaro, +17 a Santa Cornelia non sono da sottovalutare mentre negli altri quartieri l’incremento rimane fortunatamente sotto le 10 unità fino ad arrivare allo zero costante da un mese nella zona di Grottarossa est-Saxa Rubra.

Ed ecco tutti i quartieri elencati in ordine di numero casi in assoluto da inizio pandemia al 21 febbraio 2021, con evidenza del numero di residenti (fonte Comune di Roma) e delle situazioni settimanali da inizio anno.

Uno sguardo agli altri Municipi

Per tornare ai dati della città, uno sguardo ai municipi col più alto numero di contagi dice che, al 14 febbraio, è sempre il VI (Prenestino-Centocelle) a essere al primo posto: 13.022 casi rispetto ai 12.629 del 14 febbraio (+393 in sette giorni).

Al secondo posto, ancora il VII  (Appio Tuscolano), con 12.575 casi a fronte degli 12.182 della settimana precedente (casualmente +393 anche qui).

Mantiene la terza posizione il V Municipio (Torpignattara, Casilino, Gordiani, detto anche municipio “delle Torri”) con 10.519 casi contro i 10.244 di sette giorni prima (+275).

Il municipio invece col minor numero di contagi in assoluto è l’VIII (Ostiense, Garbatella, Tor Marancia, Grottapefetta) dove a fronte di circa 130mila residenti i casi di covid, da inizio pandemia al 21 febbraio, sono solo 4.461 con tasso d’incidenza ogni 10mila abitanti pari a 341,2

Test antigenici gratuiti

Con l’occasione ricordiamo che, fino al 31 marzo, studenti delle scuole superiori e personale scolastico di ogni ordine e grado possono fare il test antigenico gratuito grazie alla campagna Screening Scuole della Regione Lazio.

Senza necessità di richiesta del medico curante ma solo digitando il proprio codice fiscale ci si può registrare al seguente link https://prenota-drive.regione.lazio.it e fare il test nelle strutture dedicate della Asl Roma 1. Quelle più vicine ai residenti del XV sono in viale Tor di Quinto nei pressi di Ponte Milvio; in via San Daniele del Friuli, a Labaro, e all’Ospedale Sant’Andrea in via di Grottarossa (lato Flaminia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome