Home ATTUALITÀ Cassia, Teatro Ciak: dal 16 ottobre la nuova stagione

Cassia, Teatro Ciak: dal 16 ottobre la nuova stagione

teatro-ciak-roma

Non smettiamo di sognare”. Una dichiarazione di intenti, una promessa impegnativa, un atto di coraggio: dopo sette mesi di inattività forzata e nonostante mille ostacoli fra i quali districarsi, il Teatro Ciak di via Cassia, 692 è pronto a riaprire i battenti il prossimo 16 ottobre.

Con la capienza della sala ridotta da 400 a 200 posti e sanificando tutti gli ambienti per garantire la sicurezza dei suoi spettatori, la direzione del Ciak – nelle persone di Michele Montemagno e Linda Manganelli – annuncia il cartellone della stagione 2020-2021, ove non ci sono pochi spettacoli per ridurre i rischi – già altissimi senza la pandemia – ma importanti produzioni che coinvolgono anche compagnie numerose.

A parte un piccolo ristorno relativo agli affitti ricevuto dalla Regione Lazio” – dice Montemagno – “noi riapriamo contando solo sulle nostre forze, continuando a indebitarci con le banche e non lasciandoci sopraffare dall’indifferenza delle istituzioni che non si curano del più importante teatro del XV Municipio, che ha ridato linfa vitale ad un quartiere vastissimo, privo di spazi culturali per i suoi 160.000 abitanti”.

Il cartellone

La data di partenza della nuova stagione è, dunque, fissata per il 16 ottobre. I sette spettacoli finora in programma svariano dalla commedia al melodramma, dal giallo al thriller. Vediamoli insieme.

Amore mio aiutami  – dal 16 al 18 ottobre

Liberamente ispirato alla sceneggiatura di Rodolfo Sonego (da cui il film del 1969 diretto da Alberto Sordi), lo spettacolo di debutto è la classica commedia all’italiana degli anni sessanta.

Raffaella (Debora Caprioglio) e Giovanni (Corrado Tedeschi) sono sposati e innamorati, lei però è attratta da un altro uomo e decide di giocare la carta della sincerità nel tentativo di salvare il matrimonio…

Sul palco anche Loredana Giordano, Roberto D’Alessandro e Antonio Friello. Regia e adattamento teatrale di Renato Giordano.

Lysistrata – date da definire

Pensato in un periodo di guerra e regolamentato dalle “condizioni speciali per la messa in scena”, “Lysistrata” è uno spettacolo in cui tre attori – Marisa Laurito, Mario Scaletta e Monica Guazzini – raccontano e vivono la Lisistrata di Aristofane.

Diretta da Nicasio Anzelmo, la rappresentazione si connota come un gioco musicale, una gioiosa commedia musicale in cui Lisistrata e i personaggi, raccontando l’essenza della guerra, invitano a usare i “rimedi” che invece garantiscono la pace: l’amore e il sesso.

Queste pazze donne – dal 20 al 22 novembre

Tre donne sole, reduci da storie affettive molto diverse, si ritrovano a passare insieme la notte di Natale. Tramite le loro confessioni, in bilico fra commedia e melodramma, emergono storie di amori negati e vissuti, intrecci, gelosie e figli segreti.

La piéce – scritta da Gabriel Barylli e interpretata da Benedicta Boccoli, Rosita Celentano e Milena Miconi – promette di regalare al pubblico uno sguardo autentico ed ironico, sensuale ed intelligente sul mondo femminile.

E non rimase nessuno – dal 19 dicembre al 24 gennaio

Per la gioia dei suoi fedelissimi e per la regia di Anna Masullo, il Teatro Stabile del Giallo porta in scena il classico di Agatha Christie, universalmente conosciuto anche come “Dieci Piccoli Indiani”.

Nigger Island, una piccola isola al largo della costa del Devon, si prepara ad accogliere dieci ospiti, la cui sorte sarà segnata dalle rime di un’antica filastrocca finché…”non rimase nessuno”.

Sul palco Mariano Rigillo, Cicci Rossini, Massimo Reale, Linda Manganelli, Ruben Rigillo e Fabrizio Bordignon.

A spasso con Daisy – dal 5 al 7 febbraio

Vincitore di un Premio Pulitzer e, nella sua versione cinematografica, di quattro Oscar, lo spettacolo teatrale scritto da Alfred Uhry è interpretato da Milena Vukotic e Thimoty Martin.

La piéce, che racconta con umorismo il tema complesso del razzismo nell’America del dopoguerra, promette di dispensare quella grazia soave che solo l’incontro dell’ironia con il ragionamento sa regalare.

Il processo – dal 19 febbraio al 28 marzo

Presentato da Ubik Produzioni e dal Teatro Stabile del Giallo, adattato da Massimiliano Giovanetti e diretto da Anna Masullo, “Il Processo” è lo spettacolo-simbolo di questa nuova stagione del Ciak.

Non è casuale la scelta del romanzo di Kafka” – afferma la direzione – “infatti il paradosso di apprestarsi a costruire progetti teatrali, di imprendere nella teatralità in un momento in cui essa è percepita da una parte del pubblico come possibile vettore di contagio, costringe tutti gli operatori a lavorare in una situazione, appunto, kafkiana”.

Una mattina forti colpi risuonano alla porta. Ti svegli dal tuo sonno tranquillo e scivoli in un incubo senza fine: essere accusato e processato per qualcosa che non hai commesso e che è ignota al tribunale stesso.

Sleuth (gli insospettabili) – dal 10 aprile al 9 maggio

Questo thriller mozzafiato, concepito per il teatro dalla penna di Anthony Shaffer e dal quale sono stati tratti a distanza di tempo due film di successo, torna alla sua dimensione originaria grazie alla regia di Raffaele Castria.

Un duello arguto e perverso, ipnotico e selvaggio, ma anche divertente. Uno spettacolo che promette non solo di lasciare lo spettatore col fiato sospeso ma anche di fargli provare le stesse sensazioni dei protagonisti, in un’alternanza di suspense e ironia, angoscia e risate. Sul palco Giuseppe Pambieri.

Per info e prenotazioni:  info@teatrociakroma.it e 06.33249268. Orario spettacoli: serali ore 21, pomeridiane ore 17.30 I biglietti sono già in vendita su https://www.ticketone.it/.

Giovanni Berti

1 commento

  1. Attenzione: la direzione del Teatro Ciak comunica che lo spettacolo d’esordio – Amore Mio Aiutami, previsto per il 16, 17 e 18 ottobre – è stato posticipato al 21, 22 e 23 maggio 2021.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome