Home ATTUALITÀ “Mnemonica – l’arte di ricordare” in un video da non dimenticare

“Mnemonica – l’arte di ricordare” in un video da non dimenticare

Roma Nord: I Quartieri Emergenti e Le Opportunità da Non Perdere

Quando ad ottobre dello scorso anno la nostra redazione aveva incontrato per la prima volta Andrea Muzii, campione del mondo di memoria e studente di Roma Nord, lui ce lo aveva anticipato: “Con l’aiuto di alcuni amici sto preparando un video online sulle tecniche di apprendimento e i processi mnemonici, ci piacerebbe che i grandi risultati ottenuti da noi fossero utili anche ad altre persone …”

“Non dimenticate l’appuntamento di oggi”

Detto, fatto. Il video si chiama “Mnemonica – l’arte di ricordare” e a partire dal pomeriggio di oggi, lunedì 23 marzo, sarà visibile sul sito www.artediricordare.it.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

L’appuntamento per tutti è alle 16.00 in punto sulla pagina facebook e sul canale youtube di Alessandro de Concini, esperto di insegnamento del metodo di studio e di divulgazione sui temi dell’apprendimento che, insieme agli amici Andrea e Vanni De Luca, attore e performer di tecniche di memoria a teatro, sono ideatori del corso.

“Con un live di presentazione metteremo in rete il nostro videocorso; si tratta di progetto a cui stiamo lavorando da mesi, il nostro obiettivo era quello di unire le nostre conoscenze per affrontare il tema dell’arte della memoria da ogni punto di vista e di concentrarci su tutte le sue applicazioni pratiche. Mi raccomando tutti puntuali alle 16.00, non lo dimenticatelo!” – scherza Andrea.

Un corso online sulle tecniche mnemoniche, un programma di allenamento per esercitare e migliorare la propria memoria attraverso dei processi mentali. “Tutti possono riuscirci, è solo questione di allenamento”, ripete spesso Andrea quando racconta dei suoi traguardi e di come solo qualche anno fa si è appassionato ai numeri.

da sinistra: A.De Concili, V.De Luca, A.Muzii

Record da capogiro

“Ero un grande appassionato del cubo di Rubik, lo risolvevo in pochi secondi anche da bendato, memorizzavo le sei facce e i colori e in poco tempo lo riordinavo. Da quel momento ho deciso di approfondire l’argomento “memoria” e allora mi sono messo a studiare”.

Iscritto alla Facoltà di medicina e residente con la sua famiglia sulla Cassia, Andrea non ha solo buona memoria ma ha raggiunto veri e propri record: a dicembre scorso a soli vent’anni è diventato campione mondiale di memoria in Cina, sfidando in dieci discipline altri 170 concorrenti dalla memoria di ferro provenienti da tutto il mondo: 1.829 carte da gioco memorizzate in 30 minuti, vale a dire quasi 70 al minuto.

Al podio cinese, a cui si sommano la vittoria ai campionati Europei in Svezia, i tre record mondiali ai French Open di Parigi e la vittoria del MSO Memory Championschip 2019 di Londra, si aggiungono tutti i successi europei e quelli nazionali con – è proprio il caso di dirlo – numeri da capogiro: 1.122 cifre memorizzate in un quarto d’ora, 550 carte da poker (pari a 10 mazzi e mezzo) in 10 minuti, 428 immagini in 5 minuti.

Tutti possono riuscirci

Secondo Muzii, non si tratta di genetica, né di fortuna, è convinto che tutti possano riuscirci: “Ci sono dei principi mnemonici ma le tecniche sono sempre le stesse; con queste possiamo memorizzare più o meno tutto, quello che cambia sono i processi. A seconda di quello che dobbiamo ricordare ci sono percorsi diversi che la nostra mente può fare ma alla fine le tecniche sono quelle, si tratta di convertire le informazioni in immagini. Una volta che si conoscono le tecniche allora siamo in grado di memorizzare qualunque cosa.

È solo questione di allenamento, come d’altronde per tante altre cose che facciamo nella vita. Certo, è possibile che ci siano persone più portate di altre ma tutti possono raggiungere grandi traguardi in questa disciplina, conta solo l’impegno nell’allenamento e la tecnica”.

Per farlo, lui si allena tutti i giorni, da mezz’ora a tre ore, Andrea sostiene che sia necessario non saltare neanche un giorno perché il rendimento è quello che conta. Per noi poveri smemorati quindi il videocorso ideato dai tre amici potrebbe essere un’ottima occasione per iniziare:

Avendo tutti e tre un’ampia conoscenza del mondo della memoria, visto da tre angolazioni diverse abbiamo deciso di unire le nostre competenze per creare qualcosa di completo. Vorremmo dimostrare che la memoria è questione di tecnica ed esercizio, non un dono. “

Visto il momento, Andrea aggiunge “In questi giorni in cui a causa dell’emergenza Coronavirus siamo costretti a rimanere in casa, il videocorso sarà un buon motivo per passare un po’ di tempo e per allenarsi. Basta avere un pc e tanta concentrazione”.

Memoria è: conoscenza, studio, velocità, cultura e certezza. Ti insegneremo cos’è davvero e come dominarla” – dicono convinti i tre amici nel breve trailer di presentazione del corso online, con un sogno nel cassetto ancor più nobile – “Speriamo davvero che questo corso oltre ad appassionare più persone possibili sia davvero utile a chi in questo campo ha serie difficoltà; pensiamo per esempio a chi ha poca memoria o a chi, per vari motivi ne ha persa un po’ e potrebbe riacquistarla. Ecco, sarebbe bello riuscire ad aiutare queste persone.”

Ludovica Panzerotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome