Home ATTUALITÀ Per non dimenticare la Shoah: convegno a Sacrofano

    Per non dimenticare la Shoah: convegno a Sacrofano

    Convegno-shoah-sacrofano

    Si è svolto martedì 11 febbraio presso la Fraterna Domus di Sacrofano il convegno dal titolo “Linguaggi della memoria – per non dimenticare la Shoah” dedicato agli alunni della Scuola Secondaria dell’Istituto Comprensivo Padre Pio.

    L’incontro, che è stata una importante occasione di riflessione, ha visto la presenza di ospiti che hanno dialogato con gli studenti, utilizzando i vari linguaggi della comunicazione. Le immagini, le testimonianze, i racconti, la recitazione si sono alternati  nel corso di questo evento pensato per celebrare la giornata della Memoria, arrivando a toccare le corde più profonde dell’animo di ragazzi e adulti.

    Sono intervenuti Patrizia Nicolini, sindaca di Sacrofano, Daniela De Simone, dirigente Istituto Comprensivo Padre Pio di Sacrofano, Lello Dell’Ariccia, sopravvissuto alla Shoah e Presidente dell’Associazione culturale “Progetto Memoria”, nata nel 2003 sotto l’egida dell’UCEI da un’idea di Enrico Modigliani e Piero Terracina con l’intento principale di fornire assistenza e collaborazione ai testimoni, soprattutto agli ex deportati, dopo l’emanazione della legge istitutiva del Giorno della Memoria.

    E ancora, Rosalba Vitellaro, scrittrice, regista e sceneggiatrice del toccante docu-cartoon mostrato agli studenti, “La Stella di Andra e Tati”, il primo cartoon che racconta la Shoah vista con gli occhi di due bambine di 4 e 6 anni, vincitore del Rockie Award come miglior produzione in animazione per ragazzi del Banff World Media Festival (Canada), e Antonella Staffoli, consigliera con delega alla Scuola del Comune di Sacrofano.

    Viviana Verbaro, giornalista Rai, ha moderato l’incontro. Grande emozione durante la visione del cartoon e forte partecipazione dei ragazzi che hanno manifestato, attraverso la lettura di documenti e la realizzazione di disegni realizzati per l’occasione, il loro dolore nei confronti di questa triste pagina della nostra storia.

    A conclusione della manifestazione tante mani si sono levate in cielo mimando il volo di altrettante farfalle, ricordando le parole di Liliana Segre pronunciate al Parlamento Europeo: “Questo è un semplicissimo messaggio da nonna che vorrei lasciare ai miei futuri nipoti ideali: che siano in grado di fare la scelta e con la loro responsabilità e la loro coscienza essere sempre quella farfalla gialla che vola sopra i fili spinati”.

    VignaClaraBlog.it

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome