Home AMBIENTE Comitato Pendolari, “Rifiuti a Pian dell’Olmo e Saxa Rubra, scelte scellerate”

Comitato Pendolari, “Rifiuti a Pian dell’Olmo e Saxa Rubra, scelte scellerate”

protesta-pian-dell'olmo

Il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord esprime parere nettamente contrario all’ipotesi di una discarica nella cava di Pian dell’Olmo, ultimo lembo del territorio del Municipio XV senza soluzione di continuità con quello del Comune di Riano,  tornata dopo sette anni di nuovo al centro dell’attenzione in questi ultimi giorni.

“Già nel 2012 – dichiarano gli esponenti del Comitato – era stato scartato come sito non idoneo per le tante criticità presenti, non vediamo perchè dovrebbe esserlo adesso. La Regione Lazio ha il dovere di rifiutare il progetto della ditta che vorrebbe portare i rifiuti a ridosso delle case e della nostra ferrovia”.

Ma non basta. Il Comitato si schiera anche contro la scelta del Campidoglio di utilizzare una parte del parcheggio di scambio della stazione Saxa Rubra della Ferrovia Roma Nord come sito per il trasbordo di rifiuti, circa 300 tonnellate al giorno.

“A queste due ipotesi scellerate – si legge nella nota – il Comitato pendolari, uscendo una volta tanto dal contesto ferroviario (anche se pertinente), dice NO con tutta la sua forza e dà il massimo appoggio possibile ai comitati di quartiere e alle associazioni che lottano contro la discarica a Pian Dell’Olmo e al trasbordo a Saxa Rubra.
Il nostro supporto è doveroso in quanto prima che pendolari siamo cittadini e coinvolti direttamente nella questione rifiuti” scrivono gli esponenti del Comitato appellandosi ai diciotto sindaci della Valle del tevere affinchè, come già accaduto nel 2012, facciano fronte unico contro il risorgere di questa ipotesi di discarica a Pian Dell’Olmo.

“I cittadini del quadrante Roma Nord hanno bisogno di investimenti in strutture: strade, ferrovia, nuovi treni, parcheggi più grandi, stazioni moderne, non certo di buche dove buttare i rifiuti indifferenziati” incalzano i rappresentanti dei pendolari sostenendo: “Stiamo facendo tanto come cittadini soprattutto per fare una raccolta differenziata di buon livello, sicuramente migliorabile, ma  non ci meritiamo tanto disagio, sporcizia e rifiuti. Paghiamo le tasse anche per questo!
Non degradiamo ulteriormente una zona che già soffre di suo: disagi ferroviari quotidiani, strade scarsamente illuminate, mancanza di parcheggi di scambio fuori dal raccordo e di camminamenti sicuri, innovazione che tarda ad arrivare, gare di raddoppio ferroviario ferme da mesi, treni obsoleti e inadatti, sporchi, senza aria condizionata, con servizi igienici inesistenti”.

“Anche socialmente – concludono – questa scelta si potrebbe rivelare una bomba ad orologeria, andando ad impoverire ulteriormente il tessuto sociale e produttivo di tutti i comuni coinvolti”.

1 commento

  1. Il quadrante nord e il Municipio XV in particolare sono stati considerati come il ricettacolo della capitale negli ultimi decenni Si pensi al CARA di Castelnuovo per i richiedenti asilo politico sulla Tiberina e il campo nomadi del Comune di Roma a via tenuta piccirilli (Tiberina-Prima Porta), che dopo anni sono stati finalmente dismessi riportando un minimo di decoro in questo quadrante. Ed ora vorrebbero portare sempre in questa stessa zona una discarica in via Tiberina e un’area di trasbordo dei rifiuti a Saxa Rubra. Sembra quasi un’accanimento nei confronti di questo Territorio del Municipio XV.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome