Home ATTUALITÀ S.Godenzo – Vigna Clara, un percorso ad ostacoli

S.Godenzo – Vigna Clara, un percorso ad ostacoli

autista-arrabbiato

Da quasi 6 anni abita in Via Montemignaio, sulla Cassia, di fronte a via di S.Godenzo. Da 6 anni tutte le mattine accompagna le figlie a scuola: una alle elementari di via  Zandonai e l’altra alle medie di via della Maratona.

Un percorso ben noto a centinaia di genitori. Essendone diretto testimone, il nostro lettore Marco C. ha voluto segnalare a VignaClaraBlog.it tutti i disagi presenti lungo questo  tratto di appena 3,2 km.

Buche: non esiste un tratto più lungo di 10 metri lineari privo di vere e proprie voragini che mettono a rischio l’incolumità degli automezzi così come, ancora peggio, delle persone” sostiene Marco dando il via al suo personale – ma non troppo, visto che le segnalazioni siffatte si contano a decine – cahier de doléances.

Segnaletica orizzontale: per tutto il percorso è inesistente, e in particolare lo è all’incrocio fra via Cassia e via Massarosa/S.Godenzo (dove c’è un semaforo a 3 tempi con pre-canalizzazione del traffico, quindi indispensabile) e a quello fra via Cassia e via Pareto. La mancanza in questo caso “autorizza” assurde infrazioni e genera, ancora una volta, pericolo“.

Illuminazione stradale: lampade che non funzionano, in particolare all’incrocio di Via di S.Godenzo. E i marciapiedi? Sono disastrati e pieni di erbacce“.

E non finisce qui, perchè Marco vuole aggiungere un paio di considerazioni. La prima riguarda il presidio della Polizia Locale di Roma dell’incrocio via Cassia-via Oriolo Romano. “Immagino che la presenza della pattuglia serva a gestire al meglio i tempi del semaforo. Ma perchè, quando la mattina il traffico inizia già molto presto, loro arrivano verso le 8.20-8.30 ? Forse dovrebbero arrivare prima“.

E sempre in merito allo stesso incrocio Marco si fa portatore di un’altra istanza. “Perchè non consentire a chi proviene dalla Cassia in direzione centro di svoltare a destra verso la Cassia Antica quando diventa verde il semaforo che, nell’altro senso di marcia, dalla Cassia Antica consente di imboccare Cassia Nuova? I due flussi non si incrociano,e facendo come da me suggerito si smaltirebbe un po’ di traffico“.

Scontata la conclusione: “Siamo stufi noi romani di essere gestiti in questo modo poco attento. Se va avanti così – conclude – finirà che Milano ci scipperà (e ne avrebbe ragione) il titolo e ruolo di Capitale“.

3 COMMENTI

  1. Concordo su tutta la.linea, abito a San godenzo e tutte le mattine faccio lo.stesso identico tragitto!!!
    Una cosa inuadita!!!
    Pia

  2. Sono anche io perfettamente d’accordo. Non siamo mai stati così abbandonati. Io abito in via Acqua Traversa e denuncio la sporcizia che attira i cinghiali che rovesciano i cassonetti con le conseguenze che si possono immaginare. Sarebbe questa la capitale d’Italia?? Che vergogna!!
    Maria

  3. prendiamocela con gli incivili, e con quelli che ai cinghiali danno a mangiare, e non con qualsiasi politica, sinceramente non ho mai visto qualcuno che si indigna quando vede la gente incivile , io lo faccio e mi rispondono fatti i cavoli tuoi. perciò controllate voi stessi il territorio e quando vedete gli incivili, riprendete il tutto. oggi almeno abbiamo a disposizione telefono come video e foto, e non stiamo sempre a lamentarci, ma chiediamoci cosa possiamo fare noi per il nostro paese, senza delegare sempre. perchè per controllare gli incivili e chi viola le regole ci vorrebbero ad ogni strada o sentiero vigili ed esercito. cerchiamo di essere noi l’esercito che controlla visto che le tasse le paghiamo. e cosi piano piano gli incivili che vengono multati sparirebbero,

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome