Home AMBIENTE Via Due Ponti: una lunga passeggiata nel verde

Via Due Ponti: una lunga passeggiata nel verde

Avete un paio d’ore libere e dovete portare a sgambettare figli e cane ma non volete infilarvi con l’auto nel traffico? La soluzione al vostro problema è a due passi….anzi, a Due Ponti.

Subito dopo l’incrocio con Via della  Crescenza e Via Oriolo c’è un vastissimo terreno di proprietà del Ministero dell’Agricoltura dove vengono condotti studi e sperimentazioni sui cereali; il terreno non è pubblico ma l’Istituto responsabile non si oppone all’accesso da parte dei cittadini. Chiede solo a chi entra di non camminare nei campi coltivati, di prestare attenzione alle macchine agricole in azione e di non abbandonare rifiuti: richieste più che ragionevoli.

I terreni sono attraversati da ampi sentieri lunghi alcuni chilometri che permettono di correre o camminare in totale tranquillità, lontani dal traffico della Cassia e dalle polveri sottili di Corso Francia.

I terreni sono di una bellezza incredibile raccolti tra l’Inviolatella e il fosso della Crescenza e con un panorama stupefacente ingentilito dal castello e dalla vista delle grotte di Grottarossa; queste grotte sono di origine antichissima e sono servite da abitazione sia in tempi remoti che durante l’ultima guerra.

La bella campagna pianeggiante è divisa a metà da un fosso, affluente di destra della Crescenza; per anni questo fosso ha riversato schiuma e inquinanti ma da quando sono terminati i lavori del collettore l’acqua è tornata ad essere pulita e incredibilmente limpida.

Sebbene i campi coltivati siano ovviamente privi di alberi questi non mancano e costeggiano il lungo sentiero ad anello che corre lungo la periferia dei campi; pioppi, salici, querce, bagolari e tantissimi arbusti tra cui la “fusaggine” chiamata anche “berretto di prete” perchè le piccole bacche rosse ricordano il berretto di un monsignore.

Se decidete di portare con voi  i bambini sarà per questi una occasione buona per vedere il gregge di pecore che pascola negli incolti, osservare stormi di piccioli in voli acrobatici e magari una coppia di germani nuotare tranquillamente nei fossi.

Se non fosse per l’Istituto che fa ricerca su cereali, molto probabilmente su questi terreni sorgerebbe oggi un super-condominio o esclusive villette o magari un circolo sportivo; fortuna ha voluto invece che i residenti di Roma nord possano godere di una porzione di territorio di grande valore ambientalistico e paesaggistico.

In questo luogo inoltre non c’è degrado: non ci sono cumuli di spazzatura, montagne di calcinacci, bottiglie vuote. Qui c’è soltanto natura.

Un’unica avvertenza: prestate grande attenzione quando, dopo aver parcheggiato, attraverserete la strada perché su via dei 2 ponti le auto sfrecciano a velocità pazzesca neanche fossimo su di un circuito automobilistico.

Francesco Gargaglia

1 commento

  1. Sperando che non si incontri una famiglia di cinghiali. Se ci sono i figli piccolini, sono particolarmente aggressivi. Alle Rughe non si può nemmeno più passeggiare per le strade che pullulano ovunque. Oramai stanno proprio dappertutto….

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome