Home CRONACA Foro Italico, sventato dalla Polizia un sequestro di persona

Foro Italico, sventato dalla Polizia un sequestro di persona

polizia tre rapinatori

Nella serata di martedì 10 aprile, mentre la Roma infiammava i cuori dei romani infliggendo un secco tre a zero al Barcellona, poco distante dallo Stadio Olimpico tre malviventi armati di pistola e col volto coperto da passamontagna stavano mettendo in atto il sequestro di un imprenditore all’interno della sua villa ubicata a ridosso dello stadio.

L’intervento degli agenti della Squadra Mobile ha mandato però in fumo il piano dei rapinatori che per accedere indisturbati nell’abitazione dell’imprenditore e portare a termine il colpo si erano appostati in una via residenziale, proprio nei pressi del Ministero degli Affari Esteri, che si prestava anche per lo scarso traffico a teatro ideale del sequestro.

L’operazione è avvenuta nell’ambito di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma – Gruppo Reati contro il Patrimonio –  ed in particolare a seguito di un servizio di pedinamento dei tre rapinatori iniziato sin dalle prime ore della mattina di ieri.
L’intervento è poi scattato nel momento in cui i tre stavano entrando all’interno della villa con in mano del nastro isolante da utilizzare per immobilizzare la vittima.

I tre rapinatori sono tutti di età superiore ai 50 anni. Due, S.S. di 58 anni con precedenti per rapina e P.D.S. di 50, sono romani; il terzo è M.M., 67enne bosniaco con vari precedenti è già appartenente alla nota banda denominata “Pink Panthers” responsabile di numerose rapine nelle gioiellerie di vari paesi del mondo.

Tutti e tre sono accusati di tentato sequestro di persona a scopo di rapina e porto di arma clandestina e ora sono “ospiti” delle carceri di Regina Coeli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono in corso indagini al fine di ricostruire altre rapine consumate da parte degli arrestati e di individuare ulteriori complici.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome