Addio a Boncompagni, la camera ardente in via Asiago

Addio a Boncompagni, la camera ardente in via Asiago

via-asiago-10
Analisi a prezzi da Ticket

Domani, martedì 18 aprile, parenti, colleghi, amici e fan di Gianni Boncompagni, deceduto nel giorno di Pasqua nella sua abitazione di via Nemea a Vigna Clara, potranno dargli l’ultimo saluto nella sede Rai di via Asiago 10.

Là, nella storica palazzina del quartiere Prati dove il padre della radio e della Tv di intrattenimento ha trascorso molti anni della sua attività professionale e da dove lanciò dalla famosa Sala A le trasmissioni cult “Bandiera Gialla” e “Alto Gradimento”, dalle 12 di domani sarà infatti aperta al pubblico la camera ardente.

Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati da ieri e che continuano ad arrivare dal mondo dello spettacolo e delle istituzioni.

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni lo ha definito “un artista che ha rivoluzionato, con garbo e ironia, gli schemi dello spettacolo, della televisione e della radio italiana“.

Giancarlo Magalli, che ha abitato per lunghi anni nello stesso comprensorio di via Nemea e che lo ha ben conosciuto frequentandolo sin da ragazzo, ha commentato: “E’ stato prima mio vicino di casa, poi amico, poi collega, quasi 60 anni insieme. E’ stato un precursore, un inventore di cose belle“.

Gianni mi insegnava tante cose – ha detto Renzo Arboreci siamo sempre intesi, non abbiamo mai litigato, ci siamo divertiti moltissimo e adesso non ci divertiamo più“.

Fiorello, la cui Edicola Fiore si tiene a pochi metri dall’abitazione di Boncompagni, su facebook ha invece scritto “Andarsene nel giorno di Pasqua! Come sempre mai banale… ciao Grandissimo Genialissimo Gianni“.

Visita la nostra pagina di Facebook

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO