Home ATTUALITÀ “Riaprire la Torretta Valadier”, flash mob a Ponte Milvio

“Riaprire la Torretta Valadier”, flash mob a Ponte Milvio

torretta valadier notte

Un flash mob a Ponte Milvio e, a seguire, incontro con la Giunta del  Municipio XV per chiedere l’immediata riapertura di Torretta Valadier.

Ad organizzare la manifestazione, che si terrà giovedì 9 febbraio, sono gli esponenti locali dei partiti di centrodestra che si sono dati appuntamento alle 10 nel plateatico davanti la Torretta per chiedere pubblicamente che venga restituita alla fruizione dei cittadini.

A seguire, alle 11.30, gli organizzatori si recheranno in Municipio dove saranno ricevuti dall’Amministrazione alla quale porteranno le loro formali richieste.

Grida infatti vendetta la chiusura della Torretta Valadier avvenuta circa quattro anni fa. Per quasi tre lustri è stata sito espositivo di artisti noti e meno noti, per anni chiunque ha potuto godere della bellezza dei tramonti sul Tevere dall’alto della terrazza. Poi stop, la Sovrintendenza capitolina blocca tutto.

Due cuori e una Torretta

E pensare che, a maggio 2014, il Campidoglio aveva deliberato di estendere il numero delle location adibite a celebrare i matrimoni civili e fra queste c’era pure la nostra Torretta.

Celebrarvi matrimoni, fra tramonti mozzafiato sul Tevere e voli di gabbiani sulle banchine, era stata una esplicita richiesta del XV Municipio, votata dal Consiglio a ottobre 2013 e accettata dal Campidoglio pochi mesi dopo.

Ma lì, di fiori d’arancio, non si è potuto mai vedere neanche l’ombra. Solo lucchetti e scritte sui muri.

La storia

La storia ha inizio a Febbraio 2012 quando la storica Torretta viene chiusa per un restyling interno. Costo stimato per i contribuenti, circa 50mila euro. Ma a inizio marzo, finiti i lavori, il portoncino non viene riaperto per ordine della Sopraintendenza Comunale secondo la quale non esistono condizioni sufficienti a garantirne l’uso degli spazi in sicurezza.

Scatta così un braccio di ferro fra quest’ultima e il XV Municipio. Secondo la Sovraintendenza le criticità riscontrate riguardavano, per quanto attiene agli spazi espositivi interni, la scala di accesso/deflusso mentre, per le parti esterne, i parapetti dei terrazzi con altezza inferiore alle norme di sicurezza, l’impianto dei parafulmini, gli intonaci ammalorati e le pianelle dei cornicioni a rischio di caduta.

Ma per gli uffici competenti del Municipio, escluse le parti esterne degradate dalle intemperie, il problema non sussiste, gli spazi, in tema di sicurezza, sono fruibili.

Passano i mesi, finisce il 2012, inizia la primavera del 2013 e il Municipio rifà gli interni ma non le scale. Bisogna attendere maggio perché a cura della Sovrintendenza prendano il via i lavori esterni.

I lavori sono partiti – spiegò l’allora sovrintendente Umberto Broccoli – e entro la fine di giugno l’opera di restauro sarà completata”. E infatti, mentre Broccoli sottolinea  che si tratta di “un segnale importante che mette fine a ogni polemica sul degrado a Ponte Milvio” gli operai rimuovono i cornicioni pericolanti e ripristinano intonaci e stuccature.

E con la fine di giugno arriva la fine dei lavori: la Torretta Valadier è più bella e più splendente che pria ma sempre chiusa.

Qualche mese dopo arriva l’ultima doccia gelata: per la Sovrintendenza la Torretta deve restare chiusa perchè manca la messa in sicurezza della scala interna i cui lavori spettano al Municipio. Servono, si disse allora, circa ventimila euro che il XV non ha a bilancio nel 2013 e che non ci saranno nei successivi.
Morale, la Torretta resta chiusa ad libitum.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome