Home VIGNA CLARA Alla Marymount il primo FabLab in una scuola privata romana

Alla Marymount il primo FabLab in una scuola privata romana

marymount
Percorso obesità: Centro per la cura dell’obesità

Dopo quello inaugurato lo scorso 11 novembre nell’Istituto Scolastico Comprensivo Largo Castelseprio, a Labaro, sabato 14 gennaio s’inaugura il primo FabLab in una scuola privata romana, la Marymount International School ubicata in via di Villa Lauchli, zona Cassia Antica-Vigna Clara.

Un laboratorio che si fonda sul lavoro del Professor Seymour Papert, Neil Gershenfeld e i loro colleghi del MIT, dedicato alla fabbricazione digitale oltre a quella artigianale dei “Makers” che utilizzano sia tecnologia d’avanguardia sia strumenti tradizionali per realizzazioni di tipo ingegneristico, scientifico, tecnologico, artistico e matematico.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Il FabLab della Marymount si sviluppa su circa 220 mq in quelli che erano i ruderi di un fienile che faceva parte di un nucleo edilizio risalente la fine del ‘800 e riqualificato ad area super tecnologica da un team di architetti e ingegneri.
Le strutture murarie sono state recuperate e in parte lasciate a vista in modo che si possa ancora leggere il sistema costruttivo originale mentre le grandi vetrate hanno un alto isolamento acustico e termico per fornire buone prestazioni energetiche e garantire comodità termica oltre a contenere i costi per il riscaldamento e il condizionamento.

L’edificio può ospitare fino a 100 persone. Lì gli studenti impareranno a usare attrezzature e macchine quali stampanti 3D, scanner 3D, laser cutter, vinyl cutter, il compressore ad aria, il multimetro e software particolari sotto la guida di un insegnante dedicato.

Fra i progetti già messi in campo un modello motorizzato delle regioni dell’Italia centrale che riproduce una simulazione di cosa accade quando il terreno subisce l’enorme pressione dovuta a un terremoto per capire meglio i fatti recentemente accaduti.
Sarà interessante capirne di più nel corso dell’inaugurazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome