Home PONTE MILVIO La banda del tombino colpisce ancora a Ponte Milvio

La banda del tombino colpisce ancora a Ponte Milvio

Si rifà viva a Ponte Milvio la banda del tombino mettendo a segno un colpo nel cuore della notte in uno dei locali più frequentato dai giovani.

Dopo i due colpi a Corso Francia e i due in via Flaminia e dopo un’incursione in Prati, pare dunque che questa banda non voglia allontanarsi da Roma Nord.

Proprio questa notte ha rivolto le sue attenzioni al Jarro, il wine bar su Piazza Ponte Milvio quasi all’angolo con via Cassia, che anche ieri notte aveva chiuso i battenti intorno alle 3.30.

Ma un passante questa mattina ha dato l’allarme ed ha chiamato i Carabinieri.

tombino-jarroLa vetrinetta d’ingresso era stata infatti letteralmente mandata a pezzi con l’utilizzo di una caditoia divelta poco lontano e poi abbandonata sul posto.

Ancora non è nota l’entità del bottino. Il proprietario del Jarro, Simon Clementi, presidente dell’Associazione Commercianti Ponte Milvio,  ci dice che nel locale c’era solo un fondo cassa di pochi euro. E’ dunque probabile che i ladri abbiano fatto razzie di bottiglie di vino.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Apprendo solo ora la notizia e molto velocemente scrivo questo commento, riservandomi di tornare sull’argomento in un momento di maggiore tempo a disposizione.

    Prima di tutto, voglio esprimere la mia solidarietà a Simon Clementi, ribadendo che solamente attraverso un’azione comune commercianti/residenti sarà possibile fronteggiare il degrado di questa area delicata della Città.
    Degrado e criminalità (qualsiasi tipo di criminalità), come noto, vanno “a braccetto” e quanto sta accadendo a Piazzale Ponte Milvio, via Flaminia Vecchia, Corso Francia ne è testimonianza.
    Ponte Milvio è ormai all’abbandono totale e il peggioramento, giorno dopo giorno, è vistosissimo, assolutamente intollerabile.
    La sosta nel Piazzale, molto più che selvaggia, la sosta nell’angolo “maledetto” del Piazzale con la via Cassia assolutamente vergognosa, senza che si manifesti il più pallido contrasto, rappresentano l’immagine solidissima di questa deriva incontenibile.
    Il Presidente Simonelli spesso ci dice che quotidianamente ha un contatto telefonico frequente con il Dirigente della Polizia Municipale…….ma cosa si dicono se risultati non se ne vedono?

    Senza aggiungere nulla su tutte le altre ben note problematiche.
    Dunque, il terreno di coltura è quanto mai fertile e gli effetti non stanno tardando a sommarsi, netta e precisa l’assenza dello Stato nelle forme di una sua maggiore vicinanza alla cittadinanza (residenti e lavoratori).
    E’ troppo chiedere, come cittadini, cosa intendono fare l’Amministrazione e le Forze dell’Ordine per contrastare la crescente criminalità nella zona e ripristinare un minimo livello di vivibilità?

    Paolo Salonia
    Portavoce del Comitato Abitare Ponte Milvio

  2. Troppo difficile mettere su un servizio di sorveglianza visti i ripetuti colpi in zona ?
    Tra l’altro il posto è vicinissimo al presidio della farnesina per il palazzo crollato.

  3. Condivido in pieno il commento di Paolo Solonia. Il Municipio sta alimentando il degrado di Ponte Milvio e zone limitrofe. La sosta selvaggia a Ponte Milvio è ormai costante con macchine che parcheggiano non solo in doppia fila ma anche al centro della piazza. All’angolo con via cassia le macchine stazionano in divieto di sosta incuranti del fatto che dopo il noto crollo tutto il traffico è deviato su tale strada e quindi creano ingorghi incredibili. In via della Farnesina doppia fila a destra e sinistra. I Vigili non ci sono e se ci sono non si occupano minimamente di sanzionare e scoraggiare questo andazzo. Se ne stanno in macchina a guardare il palazzo crollato e se gli chiedi di intervenire ti rispondono che non possono muoversi. Non parliamo poi delle ore notturne in cui Ponte Milvio è terra di nessuno. E’ vergognoso che il Municipio non faccia nulla di nulla.

  4. Paletti di ferro e marciapiede alto tra jarro/vineria e pompi (10 metri).
    Fine del problema traffico direzione nord.

    Paletti di ferro e marciapiede alto tra benzinaio e pallotta (4 metri)
    Fine del problema pedonale direz piazzale.

    Dieci anni circa che lo ripeto

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome