Home CRONACA Quell’uomo al semaforo di Ponte Milvio

Quell’uomo al semaforo di Ponte Milvio

mano

Ha accettato di raccontarci la sua storia a patto che resti sconosciuto il suo vero nome. La sua famiglia di origine infatti non sa che per vivere fa il mendicante a Ponte Milvio.
Luca (nome di fantasia), da mesi ormai è fisso all’altezza del semaforo di Largo Maresciallo Diaz. Discreto, quasi timido, non tende la mano: è col sorriso che ti invita in silenzio a dargli a qualcosa ed è diventato il beniamino di tutti coloro che ogni giorno si fermano a quel semaforo.

Lo incontriamo lì, sul posto “di lavoro”; accetta di fare una pausa e si ferma a raccontarci la sua vita.

Luca ha 52 anni, è romano di nascita. Sposato, poi divorziato, ha due figlie di 23 e 27 anni. Oggi vive in un appartamentino, di proprietà di sua madre, con la sua compagna e al bambino di lei di quattro anni.

Dopo il divorzio, è tornato a vivere con la madre anziana. Il suo stipendio da autista di una ditta di soccorso stradale non gli consente infatti di pagarsi un affitto. La paga è minima ma i ritmi sono tosti, anche 12 o 14 ore al giorno. Per lo più turni notturni.
Accadeva nel 2013, anno che Luca ricorda come terribile: “il divorzio, le mie figlie che riuscivo a vedere pochissimo, i soldi che non bastavano mai e i ritmi del lavoro che mi logoravano“. E come se non bastasse, poco dopo la ditta fallisce e perde anche il lavoro.

Ma intanto era entrato nel tunnel della droga. “Ho iniziato a fare uso di cocaina per riuscire a stare sveglio al lavoro; non potevo permettermi di non farcela, e sono caduto nella trappola più schifosa che possa esistere: la droga. Poi mi sono ritrovato senza lavoro e non avevo più neanche quei pochi soldi che prima riuscivo a dare alle mie figlie. Così ho continuato a drogarmi, ero disperato. Ho venduto la macchina, ho preso i gioielli di mia madre e li ho venduti, ho fatto di tutto...”

Se non fosse lui a raccontarcelo verrebbe difficile credere che sia tutto vero.
Luca due occhi grandi, è garbato, parla sottovoce. Nota il nostro sguardo e aggiunge: “sì, sono proprio io quello di cui sto parlando; ho deluso mia madre che ora è andata a vivere altrove, ho deluso le mie figlie, i miei amici….”

Veniamo interrotti da un automobilista che vuole donargli qualche spicciolo. “E’ un mio cliente fisso” ci dice Luca. Sì, lui li chiama ‘clienti’ perché li vede tutti i giorni dallo scorso ottobre, da quando ha iniziato a “presidiare” quel semaforo dalla mattina presto fin verso le 16.
E’ grazie alla gentilezza dei miei ‘clienti’ se riesco a racimolare i soldi per le bollette di casa“.

Poi riprende il racconto e ci spiega che dopo aver toccato il fondo, decide di farsi aiutare e va al Sert della Asl di zona dove trova chi lo accompagna nel lungo e difficile percorso per uscire dal tunnel della droga. “Alla fine di quest’anno mi rilasceranno l’attestato che si da agli ex tossicodipendenti; sono quasi due anni che non mi drogo, ce l’ho fatta”.

Ed è proprio al Sert che Luca incontra la sua attuale compagna, anche lei ex tossicodipendente; ha un figlio piccolo avuto da una precedente relazione. “Una vita difficile – racconta Luca – perché il padre del bambino è in prigione ma a breve otterrà i domiciliari e per ripicca verso la donna che ha un nuovo compagno ha già fatto sapere che chiederà l’affidamento del bambino. figlio. E’ riuscito ad avere il mio numero di telefono e spesso mi chiama per minacciarmi, è geloso. Ho paura ma non posso denunciarlo. Se i servizi sociali venissero a sapere che la mia compagna non lavora e che io faccio il mendicante, le toglierebbero il figlio. L’unica soluzione è che io trovi un lavoro vero ma chi è disposto ad offrirne uno a un ex tossico?

Gli occhi gli si fanno lucidi e le parole gli escono con difficoltà. “So che è tutta colpa mia, so che ho sbagliato, ma fino a quando dovrò pagare per tutto questo? Io voglio tornare ad essere una persona per bene, voglio prendermi cura della mia compagna e di suo figlio, voglio far tornare mia mamma a vivere con me, voglio poter andare dalle mie figlie a chiedere loro scusa e ricominciare”.

Il tempo è volato, Luca deve tornare a lavoro. Non si offende quando gli offriamo un po’ di euro, quelli che ha perso chiacchierando con noi. “Perché dovrei offendermi? Io la gente la riconosco dagli occhi, la tua non è pietà, è aiuto sincero“.

Valentina Ciaccio

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. ..ed anche molte persone che non si sono mai drogate sono nelle sue condizioni ma senza avere il grande coraggio di mendicare.

    Valentina Ciaccio, ..riesci spesso ad emozionarmi.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome