Home CRONACA Ciao Vittorio, fa buon viaggio

Ciao Vittorio, fa buon viaggio

il papà: "Amore mio, il buon Dio aveva bisogno di avere accanto un angelo come te...."

funerali vittorio trombetti

Se nel sole di domani ci perdessimo così, e se anche fossimo lontani, noi saremo insieme, sempre tutti qui“. E’ con le parole di un brano di Claudio Baglioni caro a Vittorio che padre Angelo Celani, rettore dell’Istituto San Giuseppe Calasanzio, termina la sua omelia nel silenzio totale che avvolge la famiglia di Vittorio Trombetti nonostante la presenza di un migliaio di persone.

A dare l’ultimo saluto a Vittorio mille e forse più persone questa mattina sul campo di calcio del Calasanzio in via Cortina d’Ampezzo. Una folla enorme composta in gran parte da centinaia di giovani, di amici, di studenti ed ex dell’Istituto in cui anche Vittorio ha studiato.

Che tutte le centinaia di ventenni presenti lo conoscessero o no poco importa, Vittorio era uno di loro, un ragazzo di 19 anni pieno di vita e di amore e quando un giovane se ne va per colpa di un tragico destino un pezzetto di ognuno di loro se ne va con lui.

Vittorio Trombetti è deceduto nel pomeriggio di lunedì 2 maggio a seguito di un incidente stradale avvenuto in via Cassia Antica, una strada non nuova a fatti a del genere a causa di automobilisti indisciplinati che si ostinano ad uscire da via Pareto e da via Villa di Lauchli come non si dovrebbe.

Ma questa volta ben altra è stata la causa. Vittorio era in sella al suo scooter e viaggiava in direzione Piazza Giochi Delfici quando la conducente di un’utilitaria che proveniva in senso opposto gli ha tagliato  la strada per entrare in un distributore.
Vittorio non riesce ad evitare l’impatto e si schianta a terra. Ancora lucido, come poi ha raccontato un operatore del 118 che lo ha soccorso, è stato trasportato  di corsa all’Ospedale San Pietro dove purtroppo è deceduto.

Un fatto che ha sconvolto una intera comunità, un intero quartiere e che ha spinto questa mattina tantissimi adulti e tantissimi giovani a rendergli l’ultimo saluto su quel campo di calcio affollato per tre quarti.

E’ stata una cerimonia silenziosa, raccolta. “Quando accadono tragedie come questa – ha detto padre Celani – tutte le parole sono inutili. Vai Vittorio, l’amore di tutti noi ti accompagna“.

Tante le testimonianze di affetto, di vita vissuta, di ricordi dette al microfono ma le parole più commoventi che abbiamo ascoltato sono state quelle del papà, un uomo alto, distinto, che con voce ferma si è rivolto a Vittorio e gli ha detto “Amore mio, il buon Dio aveva bisogno di avere accanto un angelo come te. Ciao Vittorio, fa buon viaggio”.

Quando accadono tragedie come questa tutte le parole sono inutili, anche da parte nostra. Ciao Vittorio.

Claudio Cafasso

.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Sono un caro amico di Giuseppe, il fratello di Vittorio. Comunico anche io il mio più grande dispiacere per la sua morte e farò di tutto per stare vicino al mio amico Giuseppe (Peppe) ogni volta lui avrà bisogno di una spalla su cui appoggiarsi! Condoglianze di gran cuore a Vittorio!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome