Home POLITICA Amministrative, Roma sotto la lente dell’Antimafia

Amministrative, Roma sotto la lente dell’Antimafia

trasparenza

Se ci saranno degli impresentabili fra le centinaia di candidati al seggio di consigliere comunale capitolino sarà la Commissione Antimafia a evidenziarlo. E’ quanto ha reso noto Rosy Bindi, presidente della Commissione, annunciando che presenterà una proposta all’Ufficio di presidenza con l’obiettivo di mettere sotto osservazione le liste dei comuni sciolti per mafia e di quelli che hanno avuto la commissione d’accesso e sono in commissariamento, appunto come Roma.

Sono 1400 i comuni che vanno al voto per più di 150mila candidati. Impossibile controllarli tutti.
“I tempi e gli strumenti che abbiamo a disposizione sono limitati e non ci consentono di fare questo lavoro e qualunque campionamento sarebbe arbitrario” ha spiegato Rosy Bindi sostenendo che “sono proprio le amministrazioni locali il primo varco delle mafie nelle pubbliche amministrazioni, nei rapporti con la politica e anche nell’economia. Quindi il nostro allarme è particolarmente forte. Si va a votare in molte realtà nelle quali le mafie hanno dimostrato di essere luoghi di insediamento”.

“Ho avuto mandato a elaborare una proposta che farà parte della relazione della Commissione e che si caratterizza intorno a questi comuni che non potranno non essere oggetto di valutazioni da parte dell’Antimafia. La mera applicazione del nostro Codice non è sufficiente a fare l’effettiva foto del rischio di infiltrazione mafiosa. Su queste realtà – ha concluso – faremo una relazione che andrà oltre l’applicazione del Codice. Vogliamo acquisire informazioni che vadano oltre il semplice dato giudiziario legato al carico pendente dei reati”.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome