Home ARTE E CULTURA Debutta all’Argentina la Medea del Teatro Patologico

Debutta all’Argentina la Medea del Teatro Patologico

medea240.jpgLunedì 14 e martedì 15 settembre, al Teatro Argentina Dario D’Ambrosi e il suo Teatro Patologico, vanto di Roma Nord, portano in scena una particolare versione della Medea di Euripide, con protagonisti Almerica Schiavo nel ruolo di Medea, lo stesso D’Ambrosi nel ruolo di Creonte e Mauro F Cardinali nel ruolo di Giasone. Il coro greco è interpretato dagli attori diversamente abili del Teatro Patologico.

Un lavoro di grande integrazione teatrale per questa Medea in cui Dario D’Ambrosi è riuscito a coinvolgere con delicatezza e sensibilità attori professionisti e attori diversamente abili, per un adattamento che pone come elemento centrale dello spettacolo il rapporto tra corpo e linguaggio.

Un corpo che si fa lingua e comunicazione, grazie al ruolo ricoperto dalla musica dal vivo che accompagna i momenti in greco antico, non come semplice tappeto musicale, ma come vero e proprio intervento corporeo atto ad arricchire e a completare le suggestioni evocate da un lingua così antica e musicale.

Fra ciò che a tratti appare e ciò che rimane nascosto tra le righe del dramma, tra un guizzo di follia e uno di tremenda passione, la Medea del Teatro Patologico diviene palcoscenico degli impulsi e delle sonorità che non si svelano nell’ineluttabilità del destino che ogni personaggio si costruisce. Così, pubblico ed attori palpitano in un unico, grande respiro, accompagnando follia ed estasi di morte in un dramma che penetra il reale fisico e l’irreale psichico.

Ed infatti, gli attori speciali di Dario D’Ambrosi, ragazzi disabili psichici e fisici, rispondono sulla scena ai ritmi delle percussioni e dell’azione tragica, mettendo in relazione il corpo che si fa lingua attraverso la musica; e il linguaggio che affianca all’italiano il greco antico. Violenza, commozione e dolore, in questa Medea riverberano nel coro, cuore del dramma accanto a quello della protagonista.

medea.jpgOgni suono completa le vibranti suggestioni del greco antico; mentre l’italiano è lasciato al silenzio, all’assenza di musica, a quella carica di emotività sanguigna che sarà presente nei monologhi di Medea e nei rapidi ed intensi scambi di battute.

Dopo il grande successo di Londra, dove ha debuttato vincendo il Wilton’s Price come migliore spettacolo straniero della stagione teatrale 2013, la Medea di D’Ambrosi approda al Teatro Argentina di Roma per volare a New York in un altro tempio della storia del teatro mondiale, il Cafè La Mama, dall’8 al 18 ottobre. Inoltre, D’Ambrosi, in collaborazione con l’Università degli Studi di Tor Vergata, ed il benestare del Ministro dell’istruzione Giannini, aprirà la prima facoltà al mondo di “Teatro integrato dell’emozione”, che sarà frequentata da attori e studenti diversamente abili.

Teatro Patologico

Fondato nel 1992 da Dario D’Ambrosi, ideatore e direttore artistico, dallo stesso anno comincia un lavoro unico e universale: quello di trovare un contatto tra il teatro e le gravi malattie mentali. Dal 2009 ha il suo teatro stabile in via Cassia 472 a Roma, dove apre la Prima Scuola Europea di Formazione Teatrale per ragazzi disabili psichici, con l’intento di stimolare la loro libertà creativa senza influenzare didatticamente la loro sensibilità, permettendo ad ognuno di trovare uno spazio nel campo teatrale.
Il progetto prevede l’interazione tra docenti, allievi, operatori sociali con la partecipazione attiva dei familiari.

Il lavoro del Teatro Patologico è stato presentato a Parigi, Barcellona, Amsterdam, Praga, Madrid, Monaco, Londra e Stati Uniti. A novembre aprirà la prima Università al mondo di teatro integrato

Dario D’Ambrosi

I primi spettacoli romani di Dario D’Ambrosi risalgono agli inizi degli anni ’80, in un luogo bellissimo come l’Uccelliera di Villa Borghese. Il pubblico presente rimase sbigottito di fronte ad un giovane in camicia di forza e con una gabbietta per uccelli vuota in mano. Quegli ignari spettatori si chiesero tutti la stessa cosa: “ma è un matto uscito dal manicomio o un attore che recita la parte di un folle?”. Molti, infatti, erano convinti si trattasse di un pazzo introdottosi per caso in quel luogo teatrale.

D’Ambrosi era giovane ma avrebbe fatto molta strada. Dopo altri singolari lavori teatrali presentati al Teatro dell’Orologio e al Valle di Roma, Dario D’Ambrosi diventa il flagellatore di Cristo nella Passione di Mel Gibson e recita al fianco di Anthony Hopkins e Jessica Lange nel Titus di Julie Taymor. Si fa, quindi, conoscere dal grande pubblico italiano con la serie televisiva Romanzo Criminale, dove veste i panni del capo ispettore Canton, assistente di Scialoja.
E a vent’anni dal debutto fonda il Teatro Patologico, un luogo magico e pieno di energia, che D’Ambrosi dirige in Via Cassia.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome