Home ATTUALITÀ La cicca? Meglio metterla in tasca. In arrivo multe salate per chi...

La cicca? Meglio metterla in tasca. In arrivo multe salate per chi le getta in terra

cicca.jpgAttenti a gettare a terra mozziconi di sigaretta, cartacce e quant’altro, in vista del Giubileo potreste ricevere multe salatissime. La Polizia Locale di Roma sta varando infatti in questi giorni una bozza di regolamento pronto a sanzionare gli incivili e rilanciare il decoro urbano: dai 150 euro in su di multa per chi butta cicche di sigaretta in strada, ma anche provvedimenti contro il bivacco nei luoghi pubblici, i lavavetri ai semafori, l’accattonaggio molesto e chi siede sui monumenti.

Secondo un’indagine di “Ecoitaliasolidale”, social network ambientalista, ogni giorno si producono a Roma circa 11 milioni di cicche, per un totale di quasi 4 miliardi l’anno. Considerando che almeno il 50% di queste finisce in strada e che la lunghezza media di ogni cicca si aggira sui 3 centimetri, otterremmo un dato allarmante: basterebbe mettere i mozziconi tutti in fila per percorrere il giro della terra più di una volta. L’equatore terrestre è infatti lungo 40mila km, mentre i 2 miliardi di cicche raggiungerebbero i 60mila km.

La bozza di regolamento, attualmente al vaglio della giunta capitolina, interverrà su questa situazione in modo ferreo: “Nei luoghi pubblici o aperti al pubblico – si legge nell’articolo 4 – a salvaguardia della sicurezza e del decoro della città, non è consentito gettare mozziconi o, comunque, avanzi di tabacco”.

Il regolamento, voluto in occasione del Giubileo e delle recenti polemiche sullo stato di degrado in cui riversa Roma, si somma alle altre opere pubbliche iniziate in questi giorni in vista dell’Anno Santo.

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Benissimo ma la cosa sia valida su tutto il territorio comunale che comprende anche i quartieri più periferici ( Cesano) dove la sera del giovedi, venerdi e sabato si può gozzovigliare impunemente dinanzi a locali pubblici ( compreso un negozio di generi alimentari! ) , gettare in terra avanzi , cartacce, bottiglie ,bicchieri e (pensa un pò) anche cicche di sigarette e spinelli. Il tutto è accompagnato da musica a tutto volume sino a notte inoltrata. E la Vigilanza di Roma Capitale dove sta? A Cesano non esiste, esiste solo anarchia comportamentale.

  2. La solita buffonata.
    Dovrebbe essere una prassi continua, ma l’esperienza passata non lascia dubbi. Esiste una forte multa per coloro che guidano usando il cellulare, mai visto un vigile multarli.

  3. Nei luoghi pubblici o aperti al pubblico – a salvaguardia della sicurezza e del decoro della città- sarebbe necessario una politica di sensibilizzazione ed educazione su semplici regole di educazione e buone senso. Inoltre fornire cestini, tanti e vicini tra loro, continuamente puliti e comodi da utilizzare x rifiuti di vario genere.
    Certo non come i cassonetti della spazzatura, puzzolenti, stracolmi, posizionati male e difficili da utilizzare.
    La politica punitiva non porta mai buoni risultati…………prima di pensare alle multe dovrebbero pensare al decoro della citta e dare la possibilità ai cittadini di contribuire con orgoglio, fierezza e dignità.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome