Home ATTUALITÀ Salvatore sarà sfrattato? Lo deciderà il Consiglio del XV

Salvatore sarà sfrattato? Lo deciderà il Consiglio del XV

consiglio Salvatore, il clochard del Fleming, a rischio sfratto. Sarà infatti lo sgombero della mini baraccapoli presente da quasi due anni in via Gosio il primo punto all’ordine del Consiglio del XV Municipio che si terrà domani, martedì 20 gennaio, a partire dalle 9.30 nella sede di via Flaminia 872.

Poco meno di due anni fa Salvatore s’è costruito il suo mini “residence” all’aperto nello spazio verde che intercorre tra l’inversione di marcia su Corso Francia e via Gosio. C’è di tutto, dalla dispensa dei libri al letto, da un bel po’ di taniche con l’acqua al cucinino. Cassette, pneumatici, giacigli di fortuna e tanti, tanti cartoni completano l’arredo. Di tanto in tanto qualche altro senza tetto approfitta della situazione e la comunità così s’allarga.

Di Salvatore parlammo un anno fa esatto (leggi qui) e la situazione non è affatto cambiata. Salvatore continua ad essere “protetto” da numerosi residenti che gli portano cibo e un saluto ma è altrettanto malvisto da altri in quanto quell’insediamento rappresenta una situazione di degrado non tollerabile perchè, come s’è visto, crea pure l’effetto emulazione.

Da qui la proposta di risoluzione presentata da gruppo Fratelli d’Italia con la quale si chiede l’abbattimento della piccola favela del Fleming.

Discusso di Salvatore, si passerà ad analizzare il “piano particolareggiato decaduto zona O Sacrofanese km 5 e variante con la destinazione totale o parziale dell’area pubblica di comparto C6”. Poi, come terzo e ultimo punto, si discuterà del progetto “menu europei nelle mense scolastiche romane”.

Claudio Cafasso

AGGIORNAMENTO: Salvatore è stato “sfrattato”, leggi qui

Visita la nostra pagina di Facebook

9 COMMENTI

  1. Da quanto dicono i residenti è una bravissima persona e ben amata, però ci sono evidenti problemi di decoro, igiene ecc. In un paese civile Salvatore avrebbe una abitazione e un supporto sociale da parte dell’assistenza pubblica. Quello che fa vergogna è l’amministrazione pubblica che emargina lasciando a se stessi i più deboli e dilapida fondi in iniziative per gli amici degli amici.

  2. Ecco i problemi di Fratelli d’Italia…… Per le altre baraccopoli disseminate sulla Via Flaminia, a Labaro, a Prima Porta?

  3. Non capisco perché si debba impegnare il consiglio municipale per una vicenda che dovrebbe interessare i vigili.Se il signore citato avesse occupato una piazza al centro da quel di che sarebbe stato spostato . Sarà anche una brava persona come dicono ma c’è la legge è sarebbe il caso di farla rispettare e non solo in questo caso.

  4. Forse chi scrive prima di me ha ragione sull attenzione, ma puo essere lo spunto per affrontare in modo definitivo tutto cio che è presente a livello di baraccopoli in XV municipio, forse nella risoluzione bisognerebbe aggiungere di chiedere alla PM di Roma capitale piu uomini non per fare un censimento ma bensi di attuare sgomberi con relativa sistemazione in luoghi consoni per queste persone .

  5. ah ecco siccome stiamo tra collina fleming e parioli allora si porta all’attenzione del consiglio, invece per labaro, prima porta e saxa rubra non c’è mai tempo.

  6. mi piacerebbe sapere se l’abbatimento della favela proposta da fratelli d’Italia ha , al seguito, una proposta alternativa. E’ deludente e penoso dover partire dal singolo episodio per trattare un tema in termini generali, ma dal momento che la programmazione e la prevenzione in Italia non è una cavallo di battaglia , per lo meno affrontiamo legalmente e umanamente anche i casi singoli.

  7. nASCONDERE LA POLVERE SOTTO IL TAPPETINO è DA CODARDI.
    E’ VERO IL DECORO URBANO DEI BEN PENSANTI DEL FLEMING VIENE COMPROMESSO. ALLORA PERCHE NN FARLO ALLOGGIARE NELLA VECCHIA STAZIONE DI VIGNA CLARA DOVE UN TEMPO GIà VI DIMORAVA???

    IO NON VOGLIO PIU ESSERE ITALIANO!!

  8. Per chi non lo sapesse la risoluzione di FdI non è passata.La maggioranza consiliare ha demandato tutto all’assessore e uffici comunali che dicono se ne stanno occupando.Aspettiamo con fiducia che sappiano prendere una decisione definitiva,speriamo in tempi brevi visto che oramai sono passati anni.A tutti quelli che parlano di solidarietà ribadisco che non si discute l’aiuto alle persone,legittimo in un paese civile,ma di decoro che è regolato dalla legge.
    P.S. non sono di FdI.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome