Home ATTUALITÀ Risveglio bagnato per la Capitale

Risveglio bagnato per la Capitale

Risveglio sotto l’acqua per la Capitale. Precipitazioni sparse ma non eccessivamente abbondanti, le previsioni dicono infatti che sarà nel primo pomeriggio la fase più cruciale di questo “codice rosso”che ha indotto il Prefetto di Roma a tenere chiuse le scuole e il Sindaco a chiedere ai romani limitare l’uso dell’auto.

Precipitazioni non abbondanti dicevamo ma sufficienti a creare allagamenti nelle strade e a mandare in tilt i semafori. Decine gli interventi dei vigili del fuoco da stanotte per strade, alberi e rami pericolanti. Proprio a Vigna Clara, a causa di alberi pericolanti, la Polizia Municipale si è vista costretta a chiudere al traffico via Ronciglione.

Per restare a Roma Nord, chiuso al traffico viale Giovanni Falcone e Paolo Borsellino a causa allagamenti nel tratto della “Panoramica” compreso tra Via Trionfale e Piazzale Clodio, in direzione Lungotevere. Traffico rallentato con code sulla Flaminia tra il GRA e Corso di Francia nonchè sulla Cassia in direzione centro. In via Pineta Sacchetti, all’altezza del civico 87, un grosso allagamento ha raggiunto il ciglio del marciapiede provocando forti rallentamenti alla circolazione.

Allagamenti si registrano invece a Roma Sud-est, su via Prenestina all’incrocio con via Palmiro Togliatti, in viale della Primavera e nei pressi della stazione Tiburtina. Chiuse per allagamenti anche quattro stazioni della metropolitana.

Restano ferme le previsioni per oggi. Secondo la Protezione Civile ci saranno precipitazioni per 100 millimetri, un decimo di quelle che cadono su tutto il territorio regionale in un anno, con una concentrazione possibile di 6-12 cm di pioggia in poche ore. Immaginabili i disagi. Ed è per questo che “Tutti gli uomini della polizia di Roma Capitale non saranno negli uffici ma in strada”, ha annunciato il sindaco Marino.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome