Home ATTUALITÀ Al via la riorganizzazione dei Commissariati, denunce notturne più difficili

Al via la riorganizzazione dei Commissariati, denunce notturne più difficili

ps6.jpgAl via la riorganizzazione dei commissariati romani voluta dalla Questura di Roma “per offrire ai cittadini un servizio più efficiente attraverso una buona razionalizzazione dell’impiego delle risorse” che superi il rischio di sovrapposizioni e dispendio di personale.

La riorganizzazione riguarderà, in particolare, l’apertura, nelle ore serali e notturne, degli Uffici Denunce. Dopo aver infatti appurato che in tali fasce orarie, per alcuni di essi, l’attività lavorativa è estremamente ridotta e spesso priva di requisiti di gravità ed urgenza, è stato deciso di chiudere gli uffici denunce nei commissariati Aurelio, Fidene, Monteverde, San Giovanni, Prati, Prenestina, Salaria, Romanina, Tor Carbone, Torpignattara e Tuscolana.

Dove invece sarà possibile presentare denunce nell’arco delle 24 ore è nei commissariati di Lido di Ostia, Trevi Campo Marzio, Viminale, S. Lorenzo, S. Paolo, Ponte Milvio, Esposizione, Primavalle, S. Basilio e Casilino.

Dalla Questura viene quindi garantito che in tal modo viene intaccata l’operatività dei Commissariati, che continueranno ad essere costantemente presidiati H24 da personale che sarà affiancato dalle autoradio e dalle volanti di zona ed al quale i cittadini potranno comunque rivolgersi in caso di emergenze.
Autoradio e volanti nel frattempo aumentate. Nei primi nove mesi del 2014 infatti le pattuglie impiegate sono state 76377 mentre nello stesso periodo dell’anno precedente erano 64400, con un incremento di 11977 unità.

Altra novità di prossimo arrivo l’impiego di computer portatili a bordo di alcuni equipaggi delle volanti che garantiranno la possibilità di acquisire una denuncia a domicilio laddove il denunciante abbia una oggettiva impossibilità a recarsi presso gli Uffici di Polizia.

Infine, sempre perseguendo l’obiettivo di ottimizzare l’impiego delle risorse disponibili, verrà attuato il cosiddetto “piano coordinato per il controllo del territorio”, che prevede la suddivisione delle zone di pronto intervento tra la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri con conseguente aumento delle numero di pattuglie a disposizione della collettività.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Ma dello spostamento del commissariato flaminio nuovo ad altra sede non si è saputo più niente ? Sembrava cosa imminente ma sono ancora li’

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome