Home ATTUALITÀ In XV martedì c’è Consiglio

In XV martedì c’è Consiglio

xv municipioDi urgenza in urgenza, martedì 8 luglio alle 10 si terrà un nuovo Consiglio del XV Municipio convocato appunto di gran corsa con la formula “ad urgenza” per dibattere e deliberare l’attuazione di un “evento socio-culturale-commerciale denominato Natale nei borghi e nei Parchi”. A seguire altri tre argomenti.

Smarcati con largo anticipo i “mercatini di Natale”, perché è di questo che si tratta, si discuterà dell’adesione del Municipio alla rete RE.A.DY. (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni per il superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere).

A seguire, un tema molto attuale, di certo il più importante della giornata: il contrasto al fenomeno degli insediamenti abusivi.

In chiusura di seduta spuntano gli amici a quattro zampe. Si dibatterà infatti di un modello pubblico di accoglienza di cani e di gatti randagi e delle attività necessarie alla messa a norma delle strutture comunali per la loro accoglienza.

Visita la nostra pagina di Facebook

17 COMMENTI

  1. E’ tanto che nun pratico sto blog e no petche nun cio’ gnente da di , ma pe piamme nperiodo de riposo per cervello .
    Si posso favve n’appunto ” state a continua’ a politica dell’aria fritta cioe’ nulla e mentre quarcuno aspetta li TEMPI vostri (pe esse cortesi), er tempo passa e li problemi rimangheno soprattutto pe quelli che dentro ar municipio nun cia’ nissuno che li rappresenta .
    Visto c’ogni tanto ce dite nartra storia fatece capi pure a noi poracci si sete n’artar cosa oppure a stessa cosa de prima.
    Siccome sete cosi attenti a li cani e li gatti nun vorrei che ve sete dimenticati dell’umani.
    Che bello vive dentro a n’ paese cosi attento , de facciata , sensibile “se dice c osi no”.
    Che ve devo di nun cio’ parole , potete cambia tutte e sigle che volete pe dimostra quarcosa , ma qua nun c’e trippa pe gatti , nun ce ncantate PIU’.

  2. E cosa c’è di più urgente che discutere se aderire o meno alla rete ready ??? non ci stiamo dormendo la notte per questo grosso problema che ci attanaglia…

  3. Rischio di diventare volgare, ma cosa m….ia c’è di urgente nel mettere in discussione il natale dei parchi a luglio?

  4. Per una volta che “programmano in tempo” tutti a criticare….
    Riunione sul problema della “movida” estiva fatta, ( e senza risolvere nulla ) a luglio, apertura nidi comunali d’estate fatta dopo la chiusura degli asili stessi, qualsiasi attività o problematica del Municipio affrontata in ritardo, senza la minima programmazione…
    Il XV Municipio è il “last minute” di Roma….
    Però si convoca un consiglio D’URGENZA a luglio per parlare dei mercatini di Natale, sul “…superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale..” e sul “….modello pubblico di accoglienza di cani e di gatti randagi…”
    Siamo davvero allo SBANDO….!!!
    p.s. e se l’opposizione facesse come la maggioranza e no partecipasse al Consiglio ???

  5. Adesione del XV Municipio a Re.a.dy, ma c’è chi dopo anni di adesione ha deciso di uscire dalla rete: Cremona quest’anno.
    Ecco perché.

    Massimiliano Salini, presidente della Provincia di Cremona,ha deciso di revocare l’adesione della Provincia a Re.a.dy (Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere). Attaccato dall’Arcigay («un sopruso gratuito, un gesto senza precedenti»), Salini ha spiegato perché ha proposto di togliere il sostegno all’associazione. L’adesione dell’istituzione, ha spiegato il presidente, risale a cinque anni fa quando, nel 2009 «a pochi mesi dalle elezioni», la precedente giunta di centrosinistra diede il proprio sostegno a Re.a.dy. Ma in questi cinque anni, la rete che, in teoria, dovrebbe promuovere politiche in favore delle persone Lgbt, non ha presentato lo straccio di un progetto. «Mai – ha spiegato Salini – ci è arrivata comunicazione di idee, iniziative o attività di sorta. Solo recentemente, alcuni partecipanti a un convegno milanese hanno visto che la nostra realtà figurava tra le pubbliche amministrazioni aderenti. Allora ho espresso alla Giunta tutte le mie perplessità, ottenendo la decisione unanime di interrompere quest’esperienza».
    «Di facciata». Salini è stato molto esplicito nel condannare «l’assoluta inutilità di iniziative come queste», che si configurano «di facciata» e «fuori dall’impostazione concreta e operativa della nostra amministrazione». «Per noi – ha aggiunto -, la difesa dei diritti riguarda in maniera integrale la persona, nella sua qualità di essere umano. Non ha dunque alcun senso creare una rete contro certi tipi di discriminazione, come se altri fossero meno importanti». L’unico vero motivo di esistenza di Re.a.dy è, secondo Salini, «divulgare un tipo di ideologia che oggi è ben rappresentata da esempi come il disegno di legge “Scalfarotto”, per cui il fatto di non essere in linea con il riconoscimento dei matrimoni omosessuali può essere visto come una discriminazione da punire».

    Fatti su cui riflettere.

  6. Voi parlate pensando che l’attività amministrativa di un municipio si limiti a quello che è presente nell’ordine del giorno dei consigli municipali ed è qui l’errore!
    in consiglio passa solo una minima parte di quello che viene fatto dal municipio.
    dopo 20 anni iniziano a fare i lavori della raccolta delle acque metoriche a via di grottarossa, mi sembra un’opera bella importante, e che era all’ordine del giorno degli scorsi consigli municipali?!
    assessori e presidente operano a prescindere da quello che viene fatto nei consigli municipali.

  7. @ Luciano, non siamo in campagna elettorale… quei lavori erano progettati da anni, e chiunque sarebbe stata la nuova amministrazione li avrebbe realizzati.. ma siate un pochino seri…

  8. Credo che gli italiani abbiano dimostrato fin troppa tolleranza e disponibilita’ nei confronti di omosessuali, trans e bisex; e’ ora di dire basta al diktat dell’ARCIGAY e ai capricci di gente come Scalfarotto. Anziche’ cercare serbatoi di voto tra queste minoranze e’ il caso che i nostri politici si occupino dei giovani senza lavoro, delle imprese che chiudono, delle famiglie in difficolta’……..fino ad ora quello che hanno fatto e’ inventarsi una Socialcard di 30 Euro mensili! VERGOGNA!
    Al Consiglio municipale parlate per tempo di cose serie e cercate di risolvere i tanti problemi che gravano su cittadini tartassati ed esasperati!

  9. Gentile Nico Ferri, ma almeno la smetta di dire sciocchezze. Quei lavori erano si progettati da anni, ma i soldi non c’erano più e lo abbiamo scoperto proprio grazie ad una interrogazione dell’ex Assessore ai Lavori pubblici che si era fatto sottrarre i soldi durante il suo assessorato. Oggi dopo anni e solo dopo un anno di lavoro non solo abbiamo fatto partire i lavori che aspettavamo da anni, ma abbiamo anche recuperato i fondi che erano stati tolti. Capisco l’abnegazione nel fare il difensore di certa politica, e in qualche modo l’apprezzo anche, ma addirittura negare l’evidenza è troppo.

    Questo è il comunicato del 27 Agosto scorso, giorno in cui abbiamo iniziato a lavorare per recuperare i soldi.
    https://www.vignaclarablog.it/2013082724415/torquati-paris-pd-grottarossa-senza-raccolta-acque-meteoriche-grazie-alemanno/

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Presidente Municipio Roma XV
    daniele.torquati@comune.roma.it
    http://www.danieletorquati.it

  10. @Daniele Torquati diciamo tutta la verità… a giugno scorso dovevano partire i lavori da parte del dipartimento, già appaltati dalla precedente amministrazione di Roma, e la vostra decisione di rinvio ha scoperchiato una grana amministrativa di cui NESSUNO si era accorto… ovvero che nel dicembre 2011 la Ragioneria Generale ha cancellato per puro errore materiale la copertura finanziaria mentre autorizzava le procedure di appalto… un ovvio errore amministrativo tant’è che lo stesso dipartimento non sapeva nulla e avrebbe svolto i lavori a giugno 2013!!!
    è evidente che la situazione andava sanata da un punto di vista amministrativo ma dire che grazie a voi si fanno i lavori sennò non si faceva nulla è una bugia bella e buona…

  11. Molto divertente e tragicamente realistica l’interpretazione di Michela Madia sul XV Municipio, last minute di Roma.
    Non condivido invece la perplessità sull’urgenza di deliberare il “Natale nei borghi”.
    Ricordo in modo surreale l’ex presidente della commissione commercio studiare tutto, come si dice, il giorno prima dell’esame, nella scorsa consiliatura e dunque mi pare corretto iniziare subito. Bravo chi ha fatto questa scelta virtuosa.
    Diamo a Cesare quello che è di Cesare e a Daniele quello che è di Daniele.
    Interessante anche la segnalazione di Emanuela sull’associazione Re.a.dy. che però sicuramente sarà stata già presa in considerazione dai promotori di questo documento, a meno di non voler essere umiliati in aula.
    Se, come dice lei, si tratta di un’ “operazione di facciata”, allora Roma e il XV Municipio sono forse il luogo migliore dove innestarla, comunque … 😉
    Ormai manca solo che il “Presidente Ragazzaccio” promuova un progetto in cui i cittadini lascino i sacchi dell’immondizia per strada, che poi passa lui in macchina e li carica … Secondo me sta sperimentando già il servizio per gli amici …
    Come dice correttamente la Redazione il tema più importante della giornata è il contrasto al fenomeno degli insediamenti abusivi.
    Via del Bajardo in questo senso è di monito per tutti.
    Se il PD XV non si fosse opposto al presidio fisso nell’area, questa oggi almeno non sarebbe diventata una discarica a cielo aperto. Il PD ha gravissime responsabilità su quell’area e presto pagheremo questa inefficienza.
    Sono però molto curioso di sapere quali posizioni terranno le varie anime del PD su questi temi. Prevarrà la lungimiranza e legalità del capogruppo o, ancora una volta, l’insipenza e il temporeggiamento estremo del Presidente Ragazzaccio .. ?
    A proposito, Presidente, ti ringraziano da Via Tenuta Piccirilli per la pesante lettera che hai inviato alla Questura. Si cominciano già a vedere i primi effetti … 😀
    G.Mori
    Fratelli d’Italia ROMA XV

  12. Gentile Daniele Torquati, oggi capisco che lei è solo un narcisista : per affermare qualcosa riporta un comunicato fatto da chi ?? da lei, quindi si riafferma e si complimenta da solo… Io ho risposto al suo fan sig. Luciano, che crede ancora ai salvatori della patria… nel ventunesimo secolo !!! Dall’intervento del chiamato in causa cons. Erbaggi, qualcuno mente con piena consapevolezza… faccia lei.. e non continui a prendere tutti i meriti che non ha..

  13. Non lo so , non me ne frega niente ma certo che ….. RE.A.DY. (Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni per il superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere).

    rete nazionale delle pubbliche amministrazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere ????????????

    ma siete fuori di testa ???
    ma che è sta roba ?????????
    Magari pigliano pure sovvenzioni pubbliche !!!

    ……….In chiusura di seduta spuntano gli amici a quattro zampe ……..???
    Ma che è un circo ? un club di picchiatelli ??

    Mammamia !!!

  14. READY sarebbe, par di capire, la versione Roma-XV dell’autoritarismo genderistico francese. Not to worry, though: roba italiana, inutile, inconcludente. Meno male.

  15. @ Luciano: gradirei sapere, visto che “….il Presidente e gli Assessori operano a prescindere da quello che viene fatto nei consigli municipali…..” cosa è stato FATTO e non DISCUSSO IN CONSIGLIO riguardo agli impegni presi in campagna elettorale (più di un anno fa):

    1) Marciapiedi fai da te (ancora ci sono)
    2) Torretta Valadier (ancora chiusa)
    3) Casetta di via del Podismo (ancora chiusa)
    4) Parco Inviolatella Borghese (ancora chiuso)
    5) Rotatorie Cassia – Grottarossa (ancora non c’è nemmeno un progetto)
    6) Frana Cassia Antica (ancora chiusa)
    7) Nomadi sotto i ponti di Tor di Quinto e via Flaminia (sono tornati !!)

    ecc.ecc.ecc…..

  16. DAL SITO UFFICIALE “RE.A.DY”
    “Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni
    per orientamento sessuale e identità di genere”
    In questi ultimi anni diverse amministrazioni locali e regionali hanno avviato politiche per favorire l’inclusione sociale delle cittadine e dei cittadini LGBT (persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali/transgender), sviluppando azioni e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi per contrastare le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

    I partner attuali di RE.A.DY (in ordine alfabetico):

    “Provincia di Agrigento, Provincia di Arezzo,….Comune di Rende (Cosenza), Municipio XV del Comune di Roma….”

    SE L MUNICIPIO E’ GIA’ “PARTNER” UFFICIALE DELLA RETE RE.A.DY. ….DI COSA DISCUTONO OGGI….????

  17. Sulla più grande piaga del XV° Municipio, ovviamente mai un cenno.
    Le tre scimmiette di maggioranza e presunta opposizione perseverano nella più
    completa dissociazione dalla realtà territoriale.
    Speculatori e sfruttatori, mercanti e negrieri del terzo millennio, sentitamente ringraziano.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome