Home ATTUALITÀ Sicurezza stradale, nasce a Roma Nord un progetto per le scuole

Sicurezza stradale, nasce a Roma Nord un progetto per le scuole

abbey.jpg“Ricordiamo in molti la celebre foto dei Beatles che attraversano Abbey Road, a Londra. A rappresentare il loro “cammino” verso un nuovo progetto musicale, in fila e al sicuro sulle strisce pedonali”…Così Alvise Di Giulio, presidente del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti, ha dato inizio alla conferenza stampa di questa mattina in Campidoglio per presentare il progetto “Adotta 1 zebra“.

Convocata proprio dal Comitato e dall’Istituto Montessori, – lo stesso frequentato da Valentina Giannini, la giovane morta lo scorso marzo in un tragico incidente sulla Cassia Nuova – la conferenza stampa si è svolta nella Sala del Carroccio in Campidoglio.

Presenti, oltre ad Alvise Di Giulio, Daniele Torquati, presidente del XV Municipio, Athos De Luca, presidente della commissione capitolina ambiente, alcuni professori dell’Istituto Montessori, e la dott.ssa Lucia Sammartino, dello staff del comando generale della Polizia Locale di Roma Capitale.

a31.jpg

Una proposta per coinvolgere i giovani dei licei del XV Municipio e di tutta Roma nel prendere a cuore le norme del Codice della Strada a cominciare dall’attenzione ai passaggi pedonali. Ecco di cosa si tratta ed ecco perché la Zebra; è un animale simpatico, non ci fa paura è a strisce. Come le strisce pedonali, che per i pedoni dovrebbero rappresentare una “zona franca”, una zona sicura, un percorso solo a loro riservato. Ma purtroppo così non è.

“Sulle strade di Roma muoiono in media 15 persone al mese, ogni giorno 45 ne vengono ricoverate a causa di incidenti, mentre ogni anno, nella Capitale, perdono la vita tante persone quante le vittime di 6 navi Costa Concordia..”

Cifre ed eventi terribili che hanno spinto il Comitato Cittadino Villaggio dei Cronisti e l’Istituto Montessori a lanciare questa iniziativa.

Un quarto delle vittime della strada sono persone investite sulle strisce pedonali molto spesso mal segnalate o scarsamente visibili a causa di un cattivo stato di manutenzione dei passaggi pedonali.

Il progetto, il cui obiettivo è sviluppare informazione e consapevolezza sui temi della sicurezza, prevede anche la possibilità di stabilire un proficuo dialogo con le istituzioni, Campidoglio e XV Municipio; segnalare situazioni di criticità o richiedere misure che possano garantire un miglioramento degli standard di sicurezza.

Il progetto è semplice, la proposta è concreta. Intervenire nelle scuole e sensibilizzare i ragazzi.

Ogni scuola deve operare una mappatura della zona di competenza, “vigilerà” sulla corretta manutenzione dei segnali stradali, e segnalerà i mal funzionamenti. Alla fine dell’anno scolastico, ci si incontrerà e si farà il punto della situazione; sarà il “giorno della Zebra“.

a7.jpg

De Luca ha ringraziato tutta l’organizzazione per questa opportunità; “è necessario far nascere nei giovani una cultura civica spontanea, è miglio una buona iniziativa piuttosto che intervenire con misure repressive”.

Porterà questo progetto all’attenzione del sindaco Marino, convinto che una buona prevenzione sia la miglior soluzione.

a2.jpg

Non da meno, l’impegno e le parole di Torquati; come Municipio già si sta cercando di creare delle realtà protette, dei percorsi sicuri per i ragazzi, come sta accadendo ad esempio a La Giustiniana grazie all’associazione genitori degli alunni dell’omonimo ICS.

Accanto al necessario impegno delle Istituzioni, però è indispensabile una educazione civica che solo la scuola e la famiglia possono dare.

Ed è per questo che i professori della scuola Montessori, oggi intervenuti alla conferenza stampa, hanno voluto dare la loro testimonianza, di dolore per la morte della giovane Valentina, ma soprattutto di speranza.

“Dopo la triste scomparsa di Valentina, la scuola è stata chiusa un giorno per lutto. La settimana nella quale Valentina è deceduta è stata una settimana di dolore, ma di dolore condiviso. Le lacrime e la sofferenza dei ragazzi, ci hanno interrogato e hanno interrogato i ragazzi stessi. Come possiamo evitare che ciò accada di nuovo? Cosa possiamo fare noi per rendere “utile” questo dolore”? Così è nato il tutto.

a5.jpg

Di buon auspicio anche l’intervento della dott.ssa Sammartino; dal mese di marzo sono stati incrementati i controlli con l’autovelox, soprattutto nelle zone della movida romana.

Se pensassimo però che la buona volontà di pochi e il giusto intervento delle Istituzioni, fossero le sole necessarie, sbaglieremmo.

Lo ha ben ricordato Federico, compagno di scuola di Valentina, presente alla conferenza stampa di questa mattina.

“Prima di quel terribile incidente, non pensavo troppo alla velocità, al rispetto del semaforo, delle strisce pedonali. Dopo la morte di Valentina, tutto è cambiato. Ho imparato che la sicurezza dipende anche da me, dal mio comportamento, dal mio ben agire”…

a4.jpg

“Adotta 1 Zebra” si augura proprio questo; che nessuno debba più imparare da una tragedia, perché la tragedia si può evitare.

A conclusione della conferenza stampa, Alvise di Giulio, ha ringraziato i partecipanti ed in particolare le istituzioni presenti, dando a tutti appuntamento a settembre; con l’inizio della scuola infatti prenderà vita “Adotta 1 Zebra”.

a6.jpg

L’auspicio è che “bollettini di guerra” come questo non debbano essere più stilati. Quanti morti e feriti sulle strade di Roma Nord? Tanti, troppi. Solo negli ultimi quattro anni si contano a decine gli incidenti. Eccoli riepilogati, ma non ne vorremmo più aggiungere altri: clicca qui.

Valentina Ciaccio

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome