Home ATTUALITÀ Labaro, il mistero del cassonetto blu

Labaro, il mistero del cassonetto blu

differenziata.jpg“Benché sia rimasta inevasa la mia segnalazione riguardo i rifiuti del mercato di Largo Nimis io non mi arrendo!” Così scrive la nostra lettrice Claudia intenzionata a denunciare “un’altra disattenzione, sempre a Labaro, che evidenzia – a suo dire – come non esista l’impegno dell’Amministrazione ad incentivare la raccolta differenziata.”

“Ormai da almeno due mesi, dopo la rimozione di un cassonetto blu per la raccolta differenziata da parte dell’Ama, l’utenza in Via Clauzetto, all’altezza della scuola materna Arcobaleno può usufruirne di uno solo. Già solo due cassonetti blu per una zona che vede diversi condomini sono insufficienti, figuriamoci averne disponibile solo uno” esclama Claudia spiegando che l’AMA non ha più provveduto ad integrare quello rimosso.

Succede quindi, continua Claudia che “i cittadini dal civico 47 in poi, unitamente ai tanti residenti di Via Trasaghis, pur effettuando la raccolta differenziata, si trovano costretti a lasciare il materiale (plastica e metallo) a terra o a depositarlo nell’indifferenziata. Quest’ultima soluzione mi era stata suggerita da alcuni operatori che riferivano che , con il sistema automatico di raccolta, le buste/oggetti abbandonati in strada non vengono raccolti, se non da altre squadre che occasionalmente provvedono manualmente”.

“Ma quante firme occorrono per dare una disposizione per spostare un cassonetto?” chiede Claudia sbottando “vorrei tanto confrontarmi con il responsabile di turno per spiegargli cosa vuol dire la parola “lavorare”, adempiere ai propri doveri, far funzionare le cose partendo dalle quelle più semplici che però risolvono la vita quotidiana, e come in questo caso evitano il degrado.”

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. La gestione dela raccolta dei rifiuti in tutto il xv municipio è semplicemente scandalosa. Non si riesce ad avere un servizio serio di raccolta differenziata porta a porta come in altri municipi, e in aggiunta a ciò non si hanno a disposizione cassonetti adeguati per la raccolta in strada. La manutenzione di quest’ultimi poi meriterebbe un servizio a parte, considerato lo stato pietoso incui molti di essi versano.

  2. anche io sono un abitante di via clauzetto.
    effettivamente non posso che confermare quanto denunciato da claudia.
    Uno ci mette tutta la buona volontà..ma tale atteggiamento dovrebbe valere anche dall’altra parte…
    oltretutto si avvicina l’estate e con il caldo conosciamo tutti i rischi connessi a tale situazione…

  3. …riporto le recenti dichiarazioni del giovane Presidente Torquati:…” Comune e AMA si sono presi cura dei nostri quartieri..” e ancora: “…nei mesi scorsi sono stati numerosi gli interventi effettuati, ad ogni denuncia è seguita prontamente la reazione del Municipio. Colgo quindi l’occasione per ringraziare gli operatori dell’AMA che…si sono prodigati per tenere pulite le nostre strade….”
    MA ‘NDO VIVE….????

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome