Home ATTUALITÀ Camilluccia, rapinato Renato Zero

Camilluccia, rapinato Renato Zero

renato-zero2.jpgGli si avvicinano, lo chiamano gli chiedono un autografo ma subito si rivelano per qual che sono: due rapinatori. Lo aggrediscono, gli strappano dal polso l’orologio e fuggono. Il fatto sulla Camilluccia, davanti l’elegante comprensorio dove Renato Zero abita.

La rapina è avvenuta nella giornata di ieri, venerdì 9 maggio. Il cantante era appena sceso dalla sua Porsche quando due persone con il volto coperto da un casco lo hanno avvicinato per chiedergli un autografo. Fan, a prima vista, che in pochi secondi si sono trasformati in rapinatori e gli hanno strappato l’orologio dal polso. Valore: alcune migliaia di euro.

Poco dopo il custode del comprensorio ha dato l’allarme. Ora la Squadra Mobile di Roma sta indagando sulla rapina.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. @francesco
    Permettimi di dissentire parzialmente.
    Il fatto di possedere un orologio da 45000 euro o una vettura da 100.000 non fa di renato zero una persona da punire.
    La ricchezza quando è frutto di onesto lavoro non è una colpa.
    Pensiamo invece a liberare le strade dai delinquenti invece di impegnando le forze dell’ordine nella sicurezza degli stadi.

  2. @ IL VERNACOIERE e FRANCESCO CERAVOLO

    Ma vi rendete conto?? state minimizzando il gesto e giustificando un reato!!
    Trovo preoccupante il vostro commento, così come è preoccupante la rapina a Renato Zero: la dinamica evidenzia una certa dimestichezza con l’illegalità e i due, probabilmente, erano professionisti; temo però che, data la crisi ormai dilagante, tutti quanti dovremo presto iniziare a temere di essere avvicinati da sconosciuti, che magari ci chiedono un’informazione…anche se l’orologio al nostro polso vale 50 euro…

  3. Mi dispiace per Renato Zero, a prescindere dal valore del suo orologio, che non conosco. Resta, comunque, un brutto episodio, che dimostra quanto sia aumentata la criminalità negli ultimi tempi. Non è certamente un buon indice per il nostro territorio.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome