Home ATTUALITÀ La Giustiniana, emergenza bagni nella scuola di via Silla

La Giustiniana, emergenza bagni nella scuola di via Silla

bagno-fuori-servizio.jpgCinque bagni per seicento bambini, anche fare pipì è un problema per le giovani leve delle scuole romane. Quando poi non crollano i laterizi. Accade in via Silla, a La Giustiniana, nell’omonimo Istituto Compensivo dove si verifica quella che Riccardo Corsetto del comitato DifendiAMO Roma e il consigliere della Regione Lazio Fabrizio Santori definiscono “una vergogna morale nei confronti dei bambini e dei loro genitori”.  E annunciano una denuncia in Procura.

E già ieri un altro episodio a dir poco spiacevole era accaduto nella stessa scuola. Un pezzo di soffitto è caduto nel bagno, “un miracolo che nessuno fosse sul wc in quel momento, con quei laterizi piombati dal soffitto, Dio solo sa cosa sarebbe potuto succedere” commenta la preside, Anna Maria De Luca, sulle pagine dell’ huffingtonpost.it.

E nel denunciare che si tratta dell’ennesimo caso oggetto dell’ennesima lettera inviata alle istituzioni, poi aggiunge: “cosa me ne faccio di lettere trasmesse da ufficio a ufficio mentre la scuola mi crolla a pezzi, giorno dopo giorno? In questo momento mi sento davvero sola… ma il sentimento preminente è, ancora una volta, la rabbia. Tutti sembrano ingabbiati nelle maglie di qualcosa di invisibile…i neo eletti che oggi gestiscono il Municipio XV sono volenterosi e onesti ma hanno le mani legate.. mancano i fondi… il Comune è in attesa del Salva Roma… tutti aspettano… e intanto qui tutto crolla...”

Una testimonianza inquietante, un episodio che secondo Stefano Erbaggi, consigliere NCD e vice presidente del Consiglio del XV Municipio, è accaduto perché “il sindaco Marino, in attesa del Salva-Roma, con l’obiettivo di vedere approvato un bilancio pieno di ‘buchi’, ha pensato bene di tagliare la spesa per l’edilizia scolastica. Una scelta compiuta sulla pelle dei nostri bambini, per i quali andare a scuola dovrebbe rappresentare un’opportunità per vivere meglio il proprio futuro e non la certezza di vederlo interrotto a causa di una scarsa manutenzione e ad opere di edilizia scolastica non più procrastinabili”.

Non più procrastinabili, lo sostengono anche Corsetto e Santori. “Da anni i genitori della scuola primaria ICS La Giustiniana, di via Giuseppe Silla, lamentano questa intollerabile situazione da terzo mondo più che da Capitale d’Italia e in questi giorni stanno partecipando a delle petizioni dirette alla giunta del Municipio XV.”

“I miei nipoti frequentano quella scuola – fa sapere Riccardo Corsetto – ma vigileremo su questa indecenza per la dignità e il comfort di tutti i bambini, e per questo ho firmato un esposto alla Procura della Repubblica per inosservanza delle norme igienico sanitarie in materia di edilizia pubblica.”

Ma il XV Municipio, per quel che può, non sta con le mani in mano. Dall’assessore alle scuole Alessandro Cozza, veniamo infatti informati che un primo intervento di messa in sicurezza avverrà già nella giornata di domani, giovedì 27 marzo, e che un secondo intervento, questo risolutivo, è previsto nel periodo di chiusura della scuole per le prossime festività pasquali in quanto si renderà necessario chiudere tutti i bagni e rimodernare il sistema di scarico la cui inadeguatezza ne fa il responsabile delle continue perdite di acqua nel solaio e nelle pareti.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome