Home ATTUALITÀ XV Municipio, PD-SEL-Civica Marino: “Voto Bilancio regolare, da NCD e PdL solo...

XV Municipio, PD-SEL-Civica Marino: “Voto Bilancio regolare, da NCD e PdL solo fango”

“Le ultime dichiarazioni di alcuni dell’opposizione in merito alla votazione sul bilancio sono quantomeno vergognose. Come vergognoso è l’attacco assolutamente infondato e demagogico contro il presidente del Consiglio Municipale, Gina Chirizzi.” E’ lapidaria la risposta della maggioranza del XV Municipio alle accuse mosse dal centrodestra che si è rivolto al Prefetto di Roma chiedendo che si accertino i fatti e si ripristini la legalità in via Flaminia 872.

I fatti sono quelli verificatisi nel corso della tre giorni dedicata all’approvazione del bilancio conclusasi giovedì 14 novembre con il voto positivo della sola maggioranza espresso fra urla, schiamazzi, espulsioni, proteste e insulti.
Fatti che, venerdì 29 novembre, hanno indotto i consiglieri del Nuovo CentroDestra e del PdL a presentare un esposto per presunte irregolarità e violazioni al Regolamento Municipale commesse dal Presidente del Consiglio, Luigina Chirizzi.

Ma le denunce di irregolarità vengono immediatamente respinte al mittente da Marco Paccione, Alessandro Pica e Sara Martorano, rispettivamente capogruppo PD, SEL e Lista Civica Marino, che in comunicato diffuso alla stampa nel pomeriggio di sabato 30 novembre, accusano l’opposizione di aver messo in moto la macchina del fango.

Una “macchina del fango fatta di illazioni, accuse e maldestri tentativi di denuncia – scrivono i tre capigruppo – che partita a seguito della votazione sul bilancio rappresenta a pieno la natura di un centrodestra che dopo aver lasciato Roma ed il Municipio XV in ginocchio, e non potendo attaccare nel merito l’operato del Presidente Torquati, della sua Giunta e della maggioranza, è costretto ad usare metodi beceri di intimidazione.”

La verità – continuano – è che la votazione si è svolta in totale regolarità, l’operato del Presidente del Consiglio Municipale è stato assolutamente legittimo e impeccabile e cosa peggiore il centrodestra dimostra di non conoscere la differenza tra la Giustizia Penale e quella Amministrativa, continuando a denunciare agli organi ed alle istituzioni sbagliate fantomatiche irregolarità che in alcun modo hanno rilevanza penale.”

“Siamo amareggiati – concludono Paccione, Pica e Martorano – perché sin dall’inizio di questa nuova amministrazione abbiamo cercato un dialogo, per migliorare la qualità del nostro lavoro e la qualità della vita dei cittadini, ma come purtroppo era prevedibile c’è chi continua a preferire populismo e demagogia. Questi metodi non fermeranno il buon governo di questa amministrazione e non ne tollereremo in alcun modo un ulteriore utilizzo.”

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Siamo ancora più amareggiati noi cittadini che subiremo il taglio del 40% del bilancio municipale, mentre i consiglieri della maggioranza hanno SUPINAMENTE accettato una tale misura così gravosa, quando la media degli altri municipi è stata del 12,5% . Dovevano alzare la voce con Marino se fossero stati amministratori esperti ed avveduti, ma hanno dimostrato tutt’altro.

  2. @Ferri, si sta approvando il bilancio preventivo di Roma Capitale del 2013. Bilancio che si discute a cose fatte con il ritardo di un anno. E’ il bilancio della giunta Alemanno. La miglior soluzione per il bene della città e dei suoi cittadini è di approvare subito questo adempimento e confrontarsi sul programma e sul bilancio del 2014. Se invece l’obiettivo è far decadere con ogni mezzo il sindaco eletto meno di un anno fa allora parliamo di questo senza strumentalizzazioni e ipocrisie.

  3. Senta Ferri, se anche ci fosse questo taglio del 40% nel bilancio municipale, è relativo all’anno 2013, posto che il bilancio in votazione era quello di previsione del 2013.
    Ha presente in che mese siamo??

  4. @ Pira, non ci provi,non sta parlando con uno sprovveduto, lei sa benissimo che il bilancio preventivo riguarda la giunta precedente per 2/12 dell’anno, perché dal mese di marzo si era in amministrazione ordinaria precedente all’elezioni.
    Se questo bilancio era realmente della vecchia amministrazione, il nostro municipio non sarebbe stato così penalizzato, e sappiamo tutti il motivo.
    Per onestà mi piacerebbe sapere da lei e Diamante se negli anni precedenti la sinistra ha fatto il becero ostruzionismo (che portava agli stessi ritardi di oggi) di cui oggi accusate il centrodestra… oggi fate i moralisti… mahhh ripeto, a rimetterci ,se sarà approvato, ci rimetteremo solo noi del XV municipio.

  5. @ Nico Ferri…. a rimetterci, per troppi anni, è stato il XV municipio governato da gente senza arte nè parte… adesso c’è una speranza, una novità… speriamo bene!

  6. Sig. Nico ferri, il bilancio preventivo 2013 si dovrebbe approvare prima che inizi l anno in questione, quindi si sarebbe dovuto approvare un anno fa!! …giunta Alemanno.

  7. Scusate tutti ma scherzate o cos’altro?

    Mi spiegate perché SOLO il nostro Municipio ha avuto un taglio del 40%?
    ma lo sapete che la media dei tagli dei municipi è del 15%?
    Sapete chi ha deciso di tagliare in questo modo e con questa ripartizione?
    L’attuale Giunta Marino! Tutto il resto sono chiacchiere…

    Ps vi ricordo che l’anno scorso un’opposizione veramente becera tenne il consiglio bloccato sul bilancio comunale per 8mesi… Facendo approvarei l bilancio 2012 a novembre…

  8. Sig. LucaV. capisco che faccia il tifoso, ma le faccio presente che solo negli ultimi 5 anni l’amministrazione municipale del XV aveva un interlocutore capitolino che stesse in sintonia con la sua linea politica,sicchè….
    Sig.ra Monica, come giustamente afferma il consigliere Erbaggi, quelli che oggi si lamentano, fino all’anno scorso si sono comportati allo stesso modo, quindi verrebbe da dire “da quale pulpito…”

  9. Mettiamo da parte la “forma” che è anche sostanza. E concentriamoci sulla “sostanza” vera, quella che davvero interessa i cittadini: il contenuto del Bilancio 2013 approvato dal XV Municipio e le conseguenze concrete sulla vita dei cittadini.

    Al di là della battaglia politica (che – è vero – a parti rovesciate ha visto i medesimi comportamenti di maggioranza e opposizione) sarebbe utile e interessante conoscere nel dettaglio cosa stabilisce il Bilancio 2013 per ogni voce. Restiamo alle notizie riportate proprio da VCB:
    “In tutti i municipi di Roma in questi giorni si dibatte lo stesso argomento, ma la contrapposizione più aspra la si registra proprio nel XV dove la scure del sindaco Marino si è abbattuta pesantemente. A fronte di un taglio medio del 12%, al territorio dell’asse Cassia-Flamina, senza alcuna spiegazione, è stato chiesto un sacrificio del 40%. Sono infatti sei i milioni di euro in meno rispetto al 2012. Azzerate le spese per la cultura, per lo sport, fortemente diminuite le capacità finanziarie per la manutenzione delle strade e delle scuole. Fortunatamente rimane alla pari, o forse cresce un po’, la possibilità di spesa sui servizi sociali”.

    Il fatto, dunque: -40% di risorse per il XV Municipio nel Bilancio 2013, il primo targato Marino, cioè 6 milioni in meno rispetto all’anno scorso.

    Le prime conseguenze: azzerate le spese per cultura, sport; diminuzioni delle risorse per la manutenzione di strade e scuole; stabili i fondi sul sociale.

    Le reazioni: tutti i presidenti dei Municipi capitoli, tutti di centrosinistra, vanno in Campidoglio per sollecitare l’approvazione del Bilancio. Quindi, anche il Presidente del XV Municipio Torquati.

    Le reazioni, un flash-back: tutti i presidenti dei Municipi governati dal centrosinistra quando il Campidoglio guidato dal sindaco Alemanno approvò il Bilancio 2012, quello che rispetto all’attuale prevedeva +40% di risorse nell’allora XX Municipio (pari a 6 milioni di euro), si misero in mutande in Campidoglio per protestare contro i tagli.

    Aggiungiamo un altro fatto. Non solo tagli, ma anche zero investimenti. Nel Bilancio 2013 alla voce investimenti del XV Municipio (ma non solo) sono stanziati zero euro.

    Cosa significa? Zero investimenti significa che in XV Municipio non si potrà effettuare nessun tipo di intervento di manutenzione straordinaria sulle scuole, sulla strade, sul verde urbano e sugli edifici pubblici.

    Per l’edilizia scolastica, ad esempio, è una grandissima preoccupazione: si mette a rischio la sicurezza dei bambini dell’asilo e della scuola dell’infanzia, dei ragazzi della primaria e delle medie, di docenti e personale non docente, che frequentano strutture che già necessiterebbero di interventi manutentivi. Ad aggravare ancora di più la situazione si aggiungono i forti tagli nel Bilancio 2013 si fondi per il patrimonio municipale, che è costituito proprio da scuole. a farne le spese sarà la manutenzione ordinaria degli istituti scolastici. Mancheranno soldi per riparare il cornicione pericolante o la tapparella rotta. Concludendo, assessori e consiglieri dle XV Municipio posso fare tutor di ricognizione nelle scuole del territorio, ma senza poter di fatto promettere nulla perché perché non si potrà effettuare nessun intervento di manutenzione né ordinaria né straordinaria mancando o essendo falciate le risorse nel Bilancio 2013. Bisognerà attendere il prossimo Bilancio 2014.

    Il Bilancio 2014, appunto. Si continua a ripetere che il Bilancio 2013, quello approvato dai Municipi e in discussione in Campidoglio, è un Bilancio per solo un mese e mezzo, cioè fino al 31 dicembre di quest’anno perché il sindaco Marino ha promesso per gennaio il Bilancio 2014. Aspettiamo, vedremo. Ma realismo e esperienza insegnano: il rischio è che verosimilmente il nuovo Bilancio 2014 non vedrà la luce prima di altri 3 o addirittura 5, 6 o 7 mesi.

    Un lungo periodo in cui il XV Municipio potrà contare solo sul vecchio Bilancio 2013, quello ora in via di approvazione.

    Un lungo periodo in cui il XV Municipio non avrà la possibilità di svolgere nessun tipo di manutenzione scolastica, ad esempio.

    Emanuela

  10. @ Sig.ra Emanuela, sono perfettamente d’accordo con la sua analisi, giusta e puntuale… ma non si preoccupi, il presidente del municipio è già diventato un disco rotto : dato che non può dire la verità,continua a scaricare le colpe sui vecchi amministratori municipali , che sicuramente non saranno immuni da colpe (solo chi non fa nulla ne è immune), ma già un anno fa erano già esautorati dalla proprie funzioni.
    @ LucaV, chi non è tifoso ma è anti qualcosa… sono sullo stesso livello.

  11. “Siamo amareggiati – concludono Paccione, Pica e Martorano – perché sin dall’inizio di questa nuova amministrazione abbiamo cercato un dialogo, per migliorare la qualità del nostro lavoro e la qualità della vita dei cittadini, ma come purtroppo era prevedibile c’è chi continua a preferire populismo e demagogia”

    … Hanno cercato un dialogo loro…. Che bravi! Come quando hanno bocciato il piano illuminazione concordato in commissione?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome