Home ATTUALITÀ Ferrovia Roma Nord, pendolari in ostaggio nel giorno dello sciopero

Ferrovia Roma Nord, pendolari in ostaggio nel giorno dello sciopero

cancello.jpg“Ieri, martedì 1 ottobre, giornata di sciopero dei trasporti pubblici a Roma, alla ripresa del servizio in fascia di garanzia (dalle 17 alle 20) molti viaggiatori, saliti sui pochi treni partiti da piazzale Flaminio, sono rimasti chiusi nelle stazioni di destinazione di Labaro, La Celsa, La Giustiniana e forse altre ancora perchè nessun addetto aveva riaperto i cancelli per tempo”. A segnalare il fatto, che pare di enorme gravità, è il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord, un comitato attivissimo e dal largo seguito. Sono quasi mille solo gli iscritti alla pagina facebook.

“Il paradosso – spiega il Comitato – è che chi scendeva dal treno non poteva uscire dalla stazione e chi voleva prenderlo era impossibilitato a farlo sempre perchè gli accessi erano chiusi.  Alcuni pendolari hanno chiamato le forze dell’ordine perchè sono stati presi dal panico.”

“E’ questo il modo di offrire servizio pubblico? Erano presenti dei non-vedenti tra i passeggeri e sono stati aiutati da altri sfortunati viaggiatori a uscire, dopo essersi procurati autonomamente un varco. Chi è responsabile dell’apertura e della chiusura delle stazioni? Dove è il gestore? Dove è la sicurezza?” si chiedono gli iscritti al Comitato sottolineando che “non ci sono parole ulteriori per descrivere lo stato d’animo degli utenti e la sofferenza loro procurata. La parola vergogna non rende pienamente l’idea di quanto sia degradata questa linea ferroviaria, un tempo vanto di Roma e adesso così maltrattata e agonizzante.”

“Questo – concludono – è l’ennesimo esempio di come non si fa servizio pubblico verso gli utenti, e noi lo segnaleremo affinchè chi di dovere possa fare qualcosa per dare un servizio degno di un paese civile.”

E un utente non vedente, esasperato, ha scritto all’Atac una lettera aperta: leggila cliccando qui

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Grazie per l’articolo.
    C’ero anch’io, personalmente ho chiamato due volte i carabinieri. l’interlocutore di turno mi ha detto che stava arrivando la macchina, poichè ho insistito che volevo fare una denuncia sul posto per sequestro di persona. La macchina non è mai arrivata e il carabiniere mi ha pure chiuso il telefono in faccia!
    Ma i carabinieri sono sempre quelli che devono difendere il cittadino oppure mi sfugge qualcosa?
    Cordiali saluti

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome