Home AMBIENTE Villa Mazzanti, c’era una volta un giardino…

Villa Mazzanti, c’era una volta un giardino…

Ci siamo spesso occupati della situazione di degrado e abbandono in cui versa il Parco di Monte Mario e l’intera area nei pressi del Foro Italico; ma la lettera di un nostro lettore che denuncia la grave situazione del giardino Villa Mazzanti, in via Gomenizza 81 a pochi passi da da piazza Maresciallo Giardino, ci ha impressionati, tanto da decidere di fare un sopralluogo.

Siamo andati nella tarda mattinata di un giorno feriale e il giardino l’abbiamo trovato sporco e vuoto; a darci il benvenuto la colonnina dei VV.FF. che perde da tempo immemorabile tanto da aver creato, sul marciapiede, uno strato di viscido vellutello.

Anche il “nasone” all’interno del giardino non è in migliori condizioni; accanto alla fontanella si è creato un piccolo stagno fangoso. Stessa sorte per quella postazione di allarme di colore giallo posizionato all’interno di alcuni parchi di Roma: coperto dalla vegetazione, imbrattato di vernice e rugginoso.
Il giardino di Via Gomenizza è proprio come è stato descritto dal nostro lettore (clicca qui), sporco e trascurato.

foto-1.JPG foto-2.JPG foto-3.JPG

Le grandi piante di oleandro sono paraventi per chi deve fare i bisogni e le feci si mischiano ai rifiuti e ai numerosi detriti o avanzi di cibo. Molte delle strutture sono danneggiate e imbrattate di vernice; insomma uno spettacolo per niente edificante e che contrasta fortemente con la segnaletica che ci avverte che siamo all’interno di una riserva protetta e che a poche centinaia di metri ci sono gli uffici dell’Ente RomaNatura.

E quello che si vede (e che si sente!) lascia davvero sgomenti: eppure di zone degradate e sporche ne abbiamo viste a sufficienza.
Ad essere in stato di abbandono non è solo il giardino ma tutta l’area adiacente con erbacce che soffocano i marciapiedi e i soliti contatori spalancati e irti di cavi.

foto-4.JPG foto-5.JPG foto-6.JPG

Incuriositi ci siamo fermati a parlare con una ragazza che vive all’interno di un camper parcheggiato in Via Gomenizza. Assunta (nome di fantasia) ci spiega che loro non sono zingari e che vivono in quella zona da tempo immemorabile utilizzando anche un piccolo edificio che si trova all’interno del parco.
“In quella casetta” ci spiega “c’è l’acqua, i servizi igienici e la luce; noi siamo degli sfrattati e aspettiamo una casa dal Comune di Roma”.

Assunta ci dice di avere vent’anni e che da almeno cinque vive a Piazza Maresciallo Giardino; che si tratti di una sistemazione stabile non ci sono dubbi. Seggiole sui marciapiedi, uno stendino sull’erba e un paio di grosse batterie, necessarie per l’illuminazione, ai piedi del camper.

“Noi veniamo dalla Campania e lavoriamo tutti” ci dice la ragazza che veste in modo decoroso e per niente “gitano”; chiediamo se sono i loro bambini ad utilizzare il vicino giardino come una “toilette” e Assunta scuote energicamente la testa: “In quella casetta nel parco a noi abbiamo acqua e bagni”.

E allora tutta quella sporcizia? “Zingari, ma di passaggio!” conclude la ragazza.

foto-7.JPG foto-8.JPG foto-9.JPG

I camper sono all’interno delle strisce blu ma a quanto pare i solerti “ausiliari del traffico” rimangono alla larga da quei mezzi che oramai, data la lunga permanenza, non possono che essere considerati parte del paesaggio; alla stregua della malridotta Casa delle Armi a cui in questi giorni si appoggia una grande struttura prefabbricata di colore rosso.

Alla fine del nostro sopralluogo ci ritroviamo con un giardino che sembra una discarica e una situazione di evidente irregolarità oramai ben consolidata; come dire: “Niente di nuovo sotto il sole di Roma Nord”.

Francesco Gargaglia

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Il reportage è perfetto, la situazione è esattamente così come è stata descritta, e dura da anni e anni, nonostante gli esposti le denunce, l’indignazione dei cittadini, tutto continua, si dice addirittura che ci sia qualcuno agli arresti domiciliari al numero 81 di via Gomenizza! Possibile che nessuno abbia mai visto tutto questo e abbia mai potuto fare niente…a due passi dal Tribunale… dalle sedi di Rai e la 7… dalla stazione dei Carabinieri…, sembra paradossale ma alla fine toccherà chiamare “Striscia la notizia”!. Forse il nuovo Municipio, forse il nuovo Sindaco cercheranno di trovare casa a questi “sfrattati”… forse ci sarà qualche nuova “Autorità” che voglia assumersi la responsabilità di ridare dignità ad un prezioso spazio verde nel centro di una bellissima Capitale Europea ….forde

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome